BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 con tragedia treni in Puglia corruzione è il tragico filo sottile

La corruzione motivo di continue tragedie in Italia, da quella dei treni in Puglia, a morti sul lavoro, al nulla di fatto per novità pensioni




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:03): E la corruzione denunciata sin quasi dall'inizio da parte di alcune autorità, adesso sembra riverlarsi assolutamente fondata con una indagine che conduce a tutti i soldi già stanziati comunitari dalle ultime notizie e ultimissime. D'altra parte i dati della corruzione, ma anche dell'evasione fiscale riportati sotto dimostrano che solo riuscendo a dimezzarli, neppure cancellarli del tutto, saremmo tra le nazioni più ricche con nessun problema per le novità per le pensioni dove ora i cittadini devono accettare condizioni ingiuste, degradanti per un diritto che avevano già acquisito. E questo vale anche per le pensioni del futuro, senza dimenticare i milioni di non occupati.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:21): Non è semplice parlare di novità per le pensioni e un fatto così tragico come lo scontro dei treni in Puglia. Ma c'è un filo sottile che conduce dalle novità delle pensioni che mancano nonostante le tante parole alla morti senza senso di quel maledetto binario unico fino ad arrivare ai tanti silenziosi morti che ogni giorno la non occupazione legate anche alle pensioni lontane o negate o basse porta

Una delle potenziali motivazioni che hanno portato alla terribile tragedie dello scontro dei treni in Puglia è da ricercarsi in quel fenomeno della corruzione insito nel nostro Paese, che impedisce la realizzazione di infrastrutture adeguate: stando alle ultime notizie, il presidente dell'Anac, l'autorità nazionale anticorruzione, Raffaele Cantone, torna a ribadire come sia centrale la necessità di dedicarsi alla lotta alla corruzione che è sempre presente, nonostante si cerchi di debellarla. Il suo riferimento è generale, per tutte quelle infrastrutture pensate e mai realizzate, iniziate e mai portate a compimento, il tutto testimoniato dai numeri.

Le segnalazioni di distorsioni su appalti di lavori, servizi e forniture sono passate da circa 1.200 nel 2014 a quasi 3.000 nel 2015; in materia di trasparenza, le segnalazioni sono aumentate di circa il 90%, passando da 760 nel 2014 a 1.435 nel 2015 e i procedimenti di vigilanza aperti nel 2015 superano complessivamente le 6.300 unità, tra procedimenti avviati sul sistema di qualificazione delle Soa (2.560), sulle misure anticorruzione (929), sulla trasparenza (341), e le istruttorie di vigilanza cosiddetta speciale (oltre 600).

E’ un problema silente quello della corruzione che sappiamo esistere, ma che non si riesce a cancellare del tutto, per cui probabilmente ancora moltissimo bisognerà fare e che diventa centrale quando accadono eventi tragici come quello dei treni Puglia, o altri incidenti, anche di morti sul lavoro di cui spesso non viene data notizia. E è lo stesso filo di corruzione che impedisce il concreto taglio delle imposte nel nostro Paese, così come la possibilità di correggere gli errori causati dall’attuale norma sulle pensioni, puntando alla realizzazione di novità per le pensioni di uscita prima, tra piano di mini pensione per tutti, novità pensioni di quota 100 o novità pensioni di quota 41, necessarie per la soluzione degli errori creati dalle attuali norme e che hanno fatto nascere anche forti squilibri sociali, perché se regnasse la legalità sarebbe possibile avviare quella tanto discussa revisione della spesa pubblica senza nessuna paura, senza nessuno di quei problemi che hanno portato alle dimissioni di alcuni commissari, Cottarelli in prima fila, che hanno lasciato perché non hanno potuto agire così come volevano.

Se, infatti si riuscisse a tagliare quelle corruzione economica che c’è in Italia e che piazza l'Italia tra i Paesi peggiori, e si procedesse ad un taglio dell’evasione fiscale, è sicuro si riuscirebbe a realizzare ogni intervento, dalle novità per le pensioni per tutti, tra novità pensioni di quota 100, novità pensioni di quota 41, mini pensione per tutti, a sostegni sociali.

I dati sono allarmanti: per quanto riguarda l'evasione fiscale in Italia, secondo gli ultimi dati Euripses, l’Italia avrebbe un Pil sommerso pari a 540 miliardi, cui sommare ulteriori 200 miliardi derivanti dall'economia criminale, in tutto, dunque, ben 740 miliardi di euro e, sempre per l'Euripses, l'evasione fiscale nel nostro Paese varrebbe il 18% del Pil; per quanto riguarda, poi, la corruzione, l'Italia sarebbe al 61esimo posto tra i Paesi del mondo e tra i Paesi europei sarebbe tra i peggiori, seguita solamente dalla Bulgaria e dietro altri Paesi generalmente considerati molto corrotti come Romania e Grecia, entrambi in 58esima posizione con un punteggio di 46.

E purtroppo, come nel caso della tragedia dei treni in Puglia, la corruzione blocca anche le novità per le pensioni e lo sviluppo occupazionale, portando a tante morti. Non passa giorno, infatti, da qualche anno a questa parte, che non vi sia un morto, a causa che di suicidi perché si rimane senza lavoro e senza pensione o causati da infortuni al lavoro, una tragedia che molti definiscono silenziosa: sono tante le persone che muoiono sul proprio posto di lavoro, la maggior parte sono coloro che svolgono attività faticose, costretti a farli anche in età avanzata a causa delle norme pensionistiche in vigore. 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il