Pensioni ultime notizie su quota 100, quota 41, mini pensioni da Lamonica, Ciprini, Barboni

Le novità per le pensioni passano anche dagli incontri con i gruppi portatori di interessi particolari.

Pensioni ultime notizie su quota 100, qu


Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:03): Grande impotanza continuano ad avere i Gruppi per le pensioni che online e sul territorio continuano la propria lotta come nel caso delle novità per le pensioni al femminile di cui un ennesima norma sembra sarà preparata e depositata in Aula dal Movimento 5 Stelle con cui ha avuto una riunione una delle organizzatrici Vania Barboni che ha ricevuta questa promessa da una delegazione formata tra gli altri da Tripiedi e Ciprini.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:30): La tendenza sta emergendo chiara anche dalle ultime e ultimissime notizie: le novità per le pensioni passano anche dall'attivismo dei gruppi portatori di interessi particolari, come abbiamo approfondito nell'articolo. Le ragioni sono semplice: non tutti sono convinti che le forze sociali siano in grado di portare a casa risultati concreti e tangibili.

Il confronto sulle novità per le pensioni non si consuma solo sotto le luci dei riflettori della grande stampa e dei grandi incontri tra esponenti dell'esecutivo e delle forze sociali. Anche e soprattutto le aule del commissioni parlamentari e i luoghi virtuali e reali dei gruppi portatori di interessi particolari rappresentano mezzi strategici per andare nel cuore delle questioni ovvero formulare proposte e osservazioni per migliorare il sistema previdenziale italiano. E così, mentre a Palazzo Chigi si ragiona sulle cosiddette mini pensioni con disincentivi a carico dei lavoratori e interessi da versare a banche e assicurazioni per il servizio prestato, ecco che Vania Barboni, rappresentante del Comitato per l'opzione femminile pensioni, aggiorna su interessanti novità. (il link al gruppo è il seguente https://www.facebook.com/groups/925167814209035/ che vi invitiamo a visitare)

Riferisce infatti di un incontro con Tiziana Ciprini, deputato del Movimento 5 Stelle, altri parlamentari e collaboratori sulle tematiche legate alle pensioni. Il punto di partenza è rappresentata dalla situazione attuale che consente alle lavoratrici con 57 anni e 3 mesi di età e 35 anni di contributi se dipendenti o a 58 anni e 3 mesi se autonome di andare in pensione rinunciando a una parte dell'assegno, in quanto calcolato con il sistema contributivo ovvero sulla base dei contributi previdenziali realmente versati, e non su quello retributivo basato sulla media delle retribuzioni degli ultimi anni della carriera lavorativa. L'opportunità può essere colta solo fino al 31 dicembre 2016.

Ebbene, l'intenzione è di rendere strutturale questa misura è stando a quanto riferito da Vania Barboni, il gruppo di parlamentari ha informalmente assunto l'impegno di presentare una risoluzione a loro favore. Viene in mente il recente incontro tra il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, incaricato di seguire da vicino i temi delle pensioni e dell'occupazione oltre a essere una figura molto ascoltata dal premier, e i Lavoratori precoci uniti a tutela dei propri diritti ovvero il gruppo che riunisce coloro che hanno iniziato a essere occupati in giovane età. La proposta è di confermare la soglia dei 40 anni contributivi minimi per accedere alla pensione o di valutare la cosiddetta quota 41, ma senza l'applicazione di penalizzazioni nell'assegno previdenziale.

Sono proprio questi incontri a dare una spinta alle novità per le pensioni, al di là e forse anche di più di quanto ufficialmente accade. Anzi, ne è convinta Vera Lamonica, esponente della segreteria nazionale dello Spi Cgil, secondo cui i recenti faccia a faccia tra le forze sociali e il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali sono formali e non sostanziali. Oltre alla proposta di introdurre le mini pensioni e di allargare la no tax area (già portata con l'ultima manovra da 7.750 euro a 8.000 euro gli over 75 anni e da 7.500 euro a 7.750 euro per gli under 75) ovvero la soglia entro al quale i pensionati non pagano l'Irpef, poco è stato fatto di concreto. In particolare, è la sua contestazione, non sono state indicate le risorse da stanziare per le novità per le pensioni, punto di partenza di ogni confronto concreto.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il
Puoi Approfondire