BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie quota 100, quota 41, mini pensioni Napolitano, Tripiedi, Orfini

Le ultime posizioni di Orfini, Tripiedi, Napolitano, ricerca di nuovi equilibri politici e possibili conseguenze per novità per le pensioni: la situazione attuale




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:30): Una maggioranza stabile è troppo importante e non un caso che uno dei fedelissimi come Orfini sia pronte a fare un passo indietro ed eliminare la sua corrente chiedendo a tutti di fare come lui. Peccato, che, paradossalmente, la corrente di Orfini è stata l'unica a chiedere novità per le pensioni come tema centrale allo scorsa Direzione (o meglio hanno fatto questa richiesta in modo ufficioso, dopo però, nella loro riunione aver fatto un documento ufficiale) considerandola per gli italiani, giustamente, una novità fondamentale più che tante altre "inutili" ma che sono considerati importanti solo dalle varie forze troppo spesso staccate dalla realtà del Paese come si capisce chiaramente dalle ultime notizie e ultimissime

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:01): Continuano senza sosta le affermazioni riguardanti le novità per le pensioni alcune strettamente collegate altre meno ma non meno importanti come siamo soliti dire. Questa volta abbiamo sottolineato riprendendole dalle ultime notizie e ultimissime:

- pensioni novità per determinate categorie spinte da Tripiedi e tutto la sua Forza
- pensioni novità da Orfini per lo scioglimento delle correnti, paradossalmente il responsabile dell'unica corrente dei fedelissimi che si era detta favorevole alle novità per le pensioni e lo aveva detto in modo chiaro e netto e ufficiale
- pensioni novità da Napolitano che cerca di dare una direzione su più temi collegati e molto importanti per le pensioni stesse.

Accettare le richieste di modifica dell'Italicum potrebbe rivelarsi fondamentali per mantenere in piedi l'esecutivo e sembra che lo stesso presidente Orfini abbia chiaramente detto è possibile applicare correzioni all'attuale legge elettorale, con l'opportunità costruire una larga convergenza in Parlamento. Lasciando intendere che questa larga convergenza non interessi solo la maggioranza e si tratta di una apertura che lascerebbe intravedere possibili nuovi confronti e soluzioni e solo così probabilmente la maggioranza riuscirà a tenere e ottenere gli appoggi necessari in vista del voto costituzionale d'autunno. Potrebbe trattarsi, dunque, di un nuovo equilibrio che potrebbe anche prospettare grandi possibilità di cambiamento, in positivo, continuano a lavorare in piena collaborazione sui provvedimenti già al vaglio dell’esecutivo. E la posizione di Orfini potrebbe rivelarsi fondamentale anche in riferimento a quelle novità per le pensioni che lui ha sempre rilanciato, ben convinto che siano necessarie per correggere gli errori creati dalle attuali norme previdenziali in vigore.

Del resto Orfini stesso, insieme ad altri fedelissimi del premier, già qualche tempo fa, ha spiegato come il calo della maggioranza potesse essere attribuito al fatto di aver messo da parte i bisogni reali dei cittadini, da occupazione, a misure di sostegno sociale, alla mancanza di reali novità per le pensioni, perchè sarebbe necessario sostenere proprio le famiglie che rappresentano il pilastro della crescita economica collegata ad occupazione e produttività. Per raggiungere tale obiettivo è necessario modificare le attuali norme pensionistiche, risolvendo, contestualmente, le situazioni di quelle categorie di lavoratori, tra coloro che sono entrati giovanissimi nel mondo occupazionale e chi è impegnato in occupazioni faticose, che sono stati fortemente penalizzati dall'avvento delle attuali regole. E’, dunque, fondamentale progettare interventi in toto per giovani e più anziani.

Anche secondo il portavoce del Movimento 5 Stelle, Davide Tripiedi, è fondamentale agire sulle pensioni con novità concrete capaci di risolvere le condizioni penalizzanti di chi è immpegnato in attività pesanti e chi è entrato prestissimo nel mondo lavorativo, a 14, 15 anni. E ha chiaramente spiegato che si impegnerà particolarmente soprattutto nel riuscire ad impiegare innanzitutto quei 600 milioni di euro già disponibili e non utilizzati dalla maggioranza. Soldi che ancora sono fermi e che invece dovrebbero essere utilizzati. E per risolvere la situazione delle categorie di lavoratori appena citati si sa che la novità per le pensioni su cui si continua a rilanciare è quel sistema di quota 41 che permetterebbe a tutti gli interessati di andare in pensione con 41 anni di contributi, senza alcuna penalizzazione e senza necessità di raggiungere alcuna soglia anagrafica.

 Secondo Tripiedi è fondamentale partire da questa novità per le pensioni, perchè è sempre più difficile riuscire ad accettare che ci siano muratori ancora a lavoro a 67 anni, così come altri lavoratori che svolgono attività pesanti.

Le posizioni di lavoro sulle novità per le pensioni continuano dunque ad essere diverse perchè mentre alcuni rilanciano su novità per le pensioni di quota 41, mentre il Comitato ristretto si prepara a ripresentare un Testo Unico su novità di quota 100, la maggioranza continua a portare avanti solo quel sistema di mini pensione per niente vantaggioso. Per riuscire a mettere a punto una soluzione condivisa da tutti, è necessario, come anche auspicato dall'ex presidente della Repubblica Napolitano, che maggioranza e opposizione trovino un accordo, guardando possibilmente ad un nuovo patto che sia in grado di rilanciare il nostro Paese. E con queste parole sembra, tra le righe, sostenere quelle possibili alleanze che saranno necessarie, secondo le ultime notizie, a tenere in piedi la maggioranza, a partire da quella improbabile fino a qualche settimana fa di ritorno di 'fiamma' tra maggioranza e Forza Italia, in vista di un possibile nuovo Nazareno 2. L’ex presidente Napolitano è stato fermo e risoluto nell'affermare la necessità che su alcune questioni i diversi schieramenti politici trovino un punto di incontro. E tra le questioni fondamentali cita occupazione, novità per le pensioni da cui la stessa occupazione soprattutto giovanile non può prescindere; piano di crescita economica; definizione di nuove politiche per l'immigrazione e di prevenzione del terrorismo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il