BusinessOnline - Il portale per i decision maker








770 2016 proroga ufficiale con firma Renzi avvenuta dopo approvazione ufficiale Agenzia Entrate e Tesoro

Prorogata trasmissione del modello 770 2016 al prossimo 2016: attesa solo firma del presidente del Consiglio. Chi e come deve presentarlo




AGGIORNAMENTO: Novità importanti oggi giovedì 28 Luglio, è arrivata finalmente, come confermano le ultime notizie e ultimissime, la proroga del 770 2016 ufficiale con la firma di Renzi. Tutto, dunque è rinviato al 15 settembre. (aggiornamento in tempo reale)

Il ministro dell'Economia Padoan ha firmato il decreto che stabilisce la proroga dell'invio del modello 7770 2016 e ora si attende solo la firma formale da parte del presidente del Consiglio Renzi. Con questo nuovo decreto si ufficializza la proroga di trasmissione del modello 770 dal 31 luglio, che per differimento per sospensione degli adempimenti fiscali ad agosto era già slittata al 22 agosto, al prossimo 15 settembre. La firma da parte del premier dovrebbe arrivare entro oggi e tra uno o due giorni si attende poi la pubblicazione del decreto in Gazzetta Ufficiale. E' stata, dunque, accolta, e potremmo dire anche in tempo, la richiesta da parte delle associazioni di categoria, Anc, Aidc, Adc, Unagraco, Unico, Andoc e Ungdcec , di proroga di trasmissione del modello 770 all’Agenzia delle Entrate al prossimo settembre.

Ciò significa che Caf, commercialisti e gli altri professionisti abilitati avranno più tempo a disposizione per adempiere a tutti gli appuntamenti fiscali in programma. La trasmissione del modello 770 all’Agenzia delle Entrate dovrà avvenire in via telematica attraverso i canali online Fisconline o Entratel e dovranno presentarlo coloro che hanno corrisposto somme soggette a ritenuta alla fonte, contributi previdenziali e assistenziali a Inps e Inpdap, premi assicurativi dovuti all’Inail; società di capitali (società per azioni, in accomandita per azioni, a responsabilità limitata, cooperative e di mutua assicurazione) residenti nel territorio dello Stato. Il modello 770 può essere ordinario o semplificato.

Il modello ordinario deve essere inviato da coloro che sono intervenuti in operazioni fiscalmente rilevanti e devono comunicare i dati relativi alle ritenute operate su dividendi, proventi da partecipazione, redditi di capitale erogati nell’anno precedente o operazioni di natura finanziaria; gli enti commerciali equiparati alle società di capitali (enti pubblici e privati sempre che abbiano per oggetto esclusivo o principale l’esercizio di attività commerciali) residenti nel territorio dello Stato; gli enti non commerciali (enti pubblici, tra i quali sono compresi anche università statali, regioni, province, comuni, ed enti privati non aventi per oggetto esclusivo o principale l’esercizio di attività commerciali) residenti nel territorio dello Stato, le associazioni non riconosciute, i consorzi, le società e gli enti di ogni tipo, con o senza personalità giuridica, non residenti nel territorio dello Stato e i trust.

Il modello 770 semplificato deve essere presentato da coloro che nell’anno precedente hanno corrisposto somme o valori soggetti a ritenuta alla fonte e da coloro che hanno corrisposto contributi previdenziali e assistenziali dovuti all’Inps e/o premi assicurativi dovuti all’Inail. Devono presentare il 770 semplificato anche i condomini, le persone fisiche che esercitano imprese commerciali o imprese agricole, le persone fisiche che esercitano arti e professioni, le amministrazioni dello Stato, le aziende coniugali, se l’attività è esercitata in società fra coniugi residenti nel territorio dello Stato; le società di persone (società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice) residenti nel territorio dello Stato,  le società di armamento residenti nel territorio dello Stato, le società di fatto o irregolari residenti nel territorio dello Stato, le società o le associazioni senza personalità giuridica costituite fra persone fisiche per l’esercizio in forma associata di arti e professioni residenti nel territorio dello Stato; e i curatori fallimentari.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il