BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 qualche speranza in più dopo no multe Portogallo, Spagna

Le ultime notizie su cancellazione multe per Spagna e Portogallo da Europa aprono nuove speranze anche per Italia: effetti possibili novità pensioni




Annullare le multe a Spagna e Portogallo per non aver rispettato gli impegni di bilancio degli anni 2013-2015: questa la decisione della Commissione europea che sembra iniziare ad ammorbidire la sua posizione nei confronti dei Paesi in crisi. La decisione di cancellare le sanzioni è dipesa dal fatto che sono chiaramente in corso situazioni finanziarie eccezionali e che entrambe i Paesi hanno dimostrato comunque grande impegno per cercare di realizzare un reale percorso di crescita. Ma le condizioni economiche generali non sono per niente positive e quindi ogni sforzo non è riuscito a centrare gli obiettivi posti. L'Europa sembra essersi finalmente resa conto che politiche austere e punitive non sono l'arma migliore per sostenere i Paesi in difficoltà. E si tratta di una nuova posizione che potrebbe aprire nuove speranze anche per la nostra Italia, soprattutto in merito alla richiesta di quegli ulteriori 15, 20 miliardi richiesti dal nostro premier in occasione dello scorso vertice europeo.

Soldi che sarebbero importanti per riuscire a realizzare finalmente novità per le pensioni, valutando, proprio in base alle coperture, modifiche e miglioramenti del sistema di uscita prima basato sulla mini pensione elaborato dalla maggioranza, novità per le pensioni di quota 41 e novità per le pensioni di quota 100, considerando che servirebbe una pianificazione degli interventi da attuare visto che anche avendo questi soldi in più, comunque non basterebbero per fare tutto. E potrebbe anche prospettarsi l'ipotesi di lavorare solo su novità per le pensioni rimandando il piano di riduzione delle imposte. Insomma, la questione disponibilità soldi resta centrale perchè l'Italia possa decidere concretamente come continuare ad impegnarsi, ma bisogna che la volontà politica sia forte e decisa su cosa intendere concretamente fare.

Al momento tuttavia, viste le ultime notizie che arrivano da Spagna e Portogallo, sembra che la strada sia in salita e la pianificazione delle modifiche da attuare si potrebbe riassumere nelle principali quattro novità per le pensioni che la maggioranza vorrebbe portare avanti, se possibile con la nuova norma di Bilancio, e sarebbero novità per le pensioni con mini pensioni, cumulo gratuito dei contributi versati nelle differenti gestioni previdenziali, novità per le pensioni di quota 41 con contributi figurativi di 3 o 6 mesi per permettere alla categoria di lavoratori interessati che hanno iniziato a lavorare a 14, 15 anni di raggiungere prima la soglia di pensionamento, e riduzione delle imposte. In ogni caso, sia se i nuovi soldi dovessero essere concessi, sia se le coperture necessarie dovranno essere recuperate da altri provvedimenti, bisogna sempre fare i conti con la situazione economica generale, e un Pil tornato a calare, tanto che il ministro dell’Economia ha chiaramente affermato che per evitare il tanto temuto aumento dell’Iva sarà necessario trovare ulteriori 8 miliardi di euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il