BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Tfa terzo ciclo: pochi giorni e tutto rischia di slittare davvero a settembre

Ci saranno tempi stretti per l'attivazione del nuovo Tirocinio formativo attivo perché no c'è ancora il bando ufficiale.




Se c'è un motivo per cui questi dovrebbero essere i giorni decisivi per la pubblicazione del bando relativo al Tfa terzo ciclo sono proprio i tempi ristretti. Il 5 agosto scatta infatti la pausa estiva e di conseguenza per quella data dovrebbero essere resi noti i requisiti di partecipazione, le modalità di svolgimento e il rapporto con le nuovi classi di concorso così da favorire una corretta gestione delle procedure. Non sarà semplice poiché tutta l'attività del Ministero dell'Istruzione si sta caratterizzando per ritardi eccessivi, dai tempi di pubblicazione del bando del concorso scuola, ormai agli orali, agli esiti della mobilità interprovinciale della scuola dell'infanzia.

Al nuovo Tirocinio formativo attivo 2016, sulla falsariga di quanto è accaduto con il secondo ciclo, potrebbero essere ammessi coloro in possesso di una laurea del vecchio ordinamento e degli eventuali esami richiesti per poter avere accesso all'insegnamento, di una laurea del nuovo ordinamento specialistica o magistrale e degli eventuali crediti formativi per poter avere accesso all'insegnamento, del diploma Isef, già valido per l'accesso all'insegnamento di educazione fisica, per i Tfa di Scienze Motorie. Stando poi alle ultime normative, "sono ammessi in soprannumero ai percorsi di Tirocinio formativo attivo, senza dover sostenere alcuna prova", i cosiddetti congelati Ssis.

A caratterizzare il Tfa 2016 terzo ciclo sono i circa 16.000 posti messi a disposizione per gli insegnanti in cerca di abilitazione per la partecipazione ai futuri concorsi scuola, di cui 11.328 per posto comune e 5.128 su sostegno. Più precisamente, per quanto riguarda il posto comune, sono 3.270 per la scuola secondaria di primo grado, 8.058 per quella secondaria di secondo grado. In merito ai posti sul sostegno, 392 all'infanzia, 1.749 alla primaria, 1.932 alla scuola secondaria di primo grado, 1.035 per quella secondaria di secondo grado.

Un'altra delle questioni che andrà chiarita è quella relativa alle classi di concorso interessate. Tra le novità per il prossimo anno scolastico non c'è solo la classe di abilitazione A-23 per l'insegnamento di Lingua italiana per studenti di lingua straniera, ma anche quelle A-53 Storia della musica; A-55 Strumento musicale negli istituti di istruzione secondaria di II grado; A-57 Tecnica della danza classica; A-58 Tecnica della danza contemporanea; A-59 Tecniche di accompagnamento alla danza; A-63 Tecnologie musicali; A-64 Teoria, analisi e composizione; A-35 Scienze e tecnologie della calzatura e della moda; A-36 Scienze e tecnologia della logistica; A-65 Teoria e tecnica della comunicazione, oltre a due nuove classi di concorso su materie tecnico-pratiche.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il