BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie Mini pensioni, quota 41, quota 100, taglio imposte, cumuli quali più probabili di approvazione

Ci si chiede ancora quale novità per le pensioni possa essere davvero approvata entro la fine dell’anno ma soprattutto se qualcosa davvero arriverà: ipotesi e possibilità




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 13:10): Il taglio delle imposte come novità per le pensioni appare la più sicura in quanto secondo studi statistici sarebbe  grado di spostare almeno 3 milioni di voti e più si riuscisse ad allargare la platea più aumenterebbero i benefici di consensi non solo dei singoli interessati ma anche delle famiglie come rivelano le ultime notizie e ultimissime. É chiaro che, peró, un provvedimento del genere potrebbe favorire un aumento dei consumi, ma dipende dal valore del taglio, ma non tutti gli otto problemi legati alle novità per le pensioni come occupazione e produttività.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:30): E' tutto ancora molto in divenire e finchè non si capirà davvero quanto si ha da spendere per le novità per le pensioni e quanto su queste sono prioritarie (e tra le novità delle pensioni quali sono giudicate più importanti) è difficile dire cosa potrà essere approvato. Al momento si può dire che:

- novità pensioni sicure sembrano essere le mini pensioni seppur in una versione molto ridotta che potrebbe essere un flop
- novità pensioni con taglio imposte che sembrano certe e che si vorrebbe allargare al massimo la platea.
- novità pensioni quota 41 potrebbe essere a sorpresa tagliate anche perchè non si conoscono ancora i costi
- novità pensioni per chi ha fatto occupazioni faticose potrebbero essere rimandare
- novità pensioni con cumulo sembra potrebbero passare visto quanto poco incidono nel bilancio.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:30): Vi sono numerose novità per le pensioni che sono state portate avanti nelle ultime notizie e ultimissime, ma è molto difficile che tutto possono raggiungere il lieto fine:

- novità pensioni con le mini pensioni
- novità pensioni per chi ha una occupazione o ne ha fatto una pesante
- novità pensioni quota 41
- novità pensioni cumulo gratis e semplificato
- novità pensioni taglio imposte

E’ la domanda che probabilmente ci si pone di più in questo periodo e cioè: quali saranno o quale sarà la novità per le pensioni che sarà approvata entro quest’anno? E soprattutto qualche novità reale e concreta arriverà davvero? Diverse le risposte che potrebbero essere sintetizzate con una semplice spiegazione: impegnandosi per recuperare le risorse economiche necessarie, evitando di investire quelle poche disponibili in interventi poco efficaci e non definitivi, sarebbe possibile finalmente realizzare novità per le pensioni concrete di uscita prima per tutti. Il problema però resta, di fondo, la mancanza di una forte volontà politica per agire con novità per le pensioni, considerando che si preferisce investire i soldi disponibili in provvedimenti che vengono sempre considerati prioritari rispetto alle novità per le pensioni e anche nel caso in cui si possano trovare sistemi di recupero dei soldi, si preferisce comunque impiegarli sempre in altre misure. Probabilmente il timore resta ancora quello di sconvolgere la tenuta dei conti pubblici che le attuali norme previdenziali assicurano.

Ma la verità è che le novità per le pensioni in discussione, ormai da due anni, tra novità per le pensioni di quota 100, novità per le pensioni di quota 41, novità per le pensioni con mini pensione per tutti, indipendentemente da un iniziale investimento previsto, sarebbero vantaggiose più di ogni altra novità, sia perché permetterebbero un serio rilancio dell’occupazione giovanile sia perché, pur se nel lungo periodo, permetterebbero di recuperare nuove risorse derivanti dalle penalità previste da ogni piano di uscita prima. Ma servono miliardi di euro che la maggioranza non ha e a questo punto, ad oggi, sembra che le novità per le pensioni di più probabile approvazione in temi brevi siano la possibilità di cumulo dei contributi previdenziali versati in gestioni differenti gratis e semplificato, misura che non dovrebbe implicare alcun costo particolare; e piano di taglio delle imposte per i pensionati che permetterebbe di influenzare ben 3 milioni di persone, che sarebbero quelle interessate dalle soglie previste per i tagli, e che rientrerebbe nel più ampio piano di riduzione delle imposte in generale.

Infine, altra novità per le pensioni che potrebbe essere approvata è la mini pensioni, anche se ad oggi, nonostante le ultime notizie continuino a riferire di sempre maggiori indicazioni sul suo funzionamento,  non è poi così certa come sembrava soprattutto se non si riuscirà ad attuare i miglioramenti richiesti da forze sociali e comitato ristretto per le pensioni su penalizzazioni, da ridurre, e anni di uscita prima, da aumentare da tre a quattro. E se così fosse, è possibile che il taglio delle imposte salti a favore della sola mini pensione che, però, secondo quanto previsto al momento, potrebbe rivelarsi un vero e proprio flop, esattamente come accaduto con il part time, usato pochissimo e che secondo lo stesso presidente dell’Istituto di Previdenza si è rivelato inutile.

In dubbio, seppur particolarmente richiesta e necessaria, la quota 41 per chi ha iniziato a lavorare giovanissimo e chi svolge occupazioni faticose perché richiederebbe maggiori risorse rispetto a mini pensione e cumulo gratis dei contributi. Ma in questo senso sarà necessario impegnarsi per realizzarla, perché si tratta di un provvedimento ormai necessario per sostenere quelle categorie di persone che sono state già fortemente penalizzate dalle attuali norme pensionistiche. Alla fine, ciò che potremmo dare per certa come novità per le pensioni che sarà approvata è la proroga del contributivo femminile, perché i fondi per questa misura esistono già, derivanti da quei 2,5 miliardi di euro che già l’anno scorso erano stati stanziati per la proroga delle norme di uscita prima delle donne ma che non sono stati tutti impiegati, tanto che lo stesso responsabile del Dicastero dell’Occupazione ha chiaramente lasciato intendere che esistono tutte le condizioni perché la misura venga rimandata ancora. Anche se non si parla in questo ultimo periodo della possibile estensione di tale norme anche al mondo maschile, ulteriore proposta che sarebbe stata messa da parte al momento, insieme alla quota 100, molto costosa, ma anche all’assegno universale, di cui non si parla più particolarmente, se non rilanciato solo dal M5S che di questa misura ne ha fatto il suo cavallo di battaglia.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il