BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie quota 100, quota 41, mini pensioni con sconfitta Governo Padoan se perde voto costituzionale

La nuova ipotesi di un governo Padoan nel caso di sconfitta del premier al voto costituzionale d’autunno: le conseguenze possibili per novità per le pensioni




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:24): Le elezioni saranno un momento sicuramente molto importante per le novità per le pensioni, ma potrebbero esserlo molto meno di quello che è stato finora teorizzato dalle ultime notizie e ultimissime, se venisse confermato un Governo Nazionale guidato da Padoan delle durata di quasi due anni e successivamente la ricandidatura del capo delle maggioranza attuale, ma con il paracadute di una grande alleanza nazionale.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:45): In molti sia tra i comuni cittadini che esperti ritengono che un vero impulso per le novità per le pensioni potrebbe avvenire solo senza questa maggioranza, ma sono ormai troppe le ultime notizie e ultimissime sia ufficiali attraverso le parole di esponenti di vario livello che ufficiose basate su indiscrezioni che fanno capire come anche con la sconfitta nulla o poco cambiarebbe in senso favorevole per le novità per le pensioni, anzi...

Il prossimo autunno gli italiani saranno chiamati ad esprimersi sul voto costituzionale e si tratterà di una tappa decisamente cruciale per maggioranza e premier Renzi, data che segnerà la tenuta dell'attuale maggioranza o la sua caduta e la domanda che ci si pone da tempo ormai è: cosa potrebbe accadere se il premier perdesse? Finora si sono susseguite diverse ipotesi, da quella di un anticipo delle elezioni, a quella della costituzione di un governo istituzionale guidato dall'attuale ministro della Cultura con Renzi che manterrebbe la carica di segretario del partito, all'ultima notizia che ipotizza un governo guidato dall'attuale ministro dell'Economia Padoan. In questo contesto di ipotesi politiche si inseriscono anche i tentativi e i progetti di diverse forze politiche di creazione di nuove formazioni, dall'iniziale minaccia del leader di Ncd di abbandonare la maggioranza, all'intenzione del leader di Ala di creare una nuova formazione politicia di centro e moderata di cui farà parte anche parte di Scelta Civica, all'annuncio della creazione di una nuova grande forza di destra che vorrebbe guidare il candidato deluso di centro destra alle ultime comunali di Milano Parisi.

Guardando alla prospettiva di un governo Padoan non farebbe certo pensare a cose migliori per le novità per le pensioni. Anzi. Con lui alla guida del Paese tutte le novità per le pensioni verrebbero certamente rimandate, considerando la sua contrarietà, da sempre, a novità per le pensioni di quota 100, novità per le pensioni di quota 41 e mini pensione per tutti. Pur d'accordo, infatti, Padoan sul fatto che le attuali norme previdenziali siano piuttosto rigide, è anche convinto del fatto che debbano rimanere in vigore ancora per un pò, considerando che sono ancora le uniche che riescono a garantire stabilità finanziaria al nostro Paese.  L’unica novità per le pensioni cui Padoan ha aperto tempo fa è stata l’ipotesi di introduzione dell’assegno universale ma di tipo comunitario: considerando, infatti, che si tratta di un aiuto sociale già esistente in quasi tutti gli altri Paesi europei, secondo il ministro dell’Economia attualmente si potrebbe pensare alla costituzione di un fondo comunitario, valevole per tutti i Paese, e che dovrebbe sostenere l’assegno universale per tutti.

Ma sembra che l’ipotesi dell’assegno universale sia stata al momento messa da parte: non se ne parla più molto rispetto alle novità per le pensioni di uscita prima, che sarebbero più vantaggiose decisamente. Con l’ipotesi di un governo Padoan, tttra gli esponenti politici che potrebbero avere un ruolo di primo piano tornerebbe Berlusconi e con lui si affaccerebbe sui piani che contano anche Parisi e queste nuove personalità fanno pensare che se si dovesse parlare di novità per le pensioni certamente si spingerebbe su un aumento dei trattamenti pensionistici più bassi, da sempre al centro degli obiettivi della destra in generale.

Tra nuova ipotesi di governo Padoan, nuovi assestamenti politici, e possibile nuovo governo istituzionale guidato da Franceschini, potremmo dire che i prossimi mesi saranno decisivi per capire quale sarà davvero il nuovo equilibrio politico che il nostro Paese raggiungerà e quali saranno le conseguenze di ognuno di questi scenari sull’approvazione di novità per le pensioni che comunque continueranno ad essere fondamentali per i cittadini. Da sempre, infatti, si tratta di un tema che incidendo sulla vita quotidiana di tutti è particolarmente caro, soprattutto perché prevede misura che risolvano le situazioni di grosse difficoltà in cui sono costrette ormai da vivere da tempo determinate categorie di lavoratori.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il