BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie quota 100, quota 41, mini pensioni cosa succede se referendum spostato verso Natale

Rinviare il referendum costituzionale a poco prima di Natale: ultime notizie sule intenzioni del premier e quali effetti si avrebbero su novità per le pensioni




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:01): L'idea di spostare sempre più il referendum potrebbe essere positiva per le novità per le pensioni, in quanto sarebbe fatta per evitare il cosidetto esecutivo di scopo e nazionale che in molti vorrebbero ma andare subito alle urne quando a quel punto uno dei tei sui quali confrontarsi fondamentali sarebbero senza dubbio le novità per le pensioni. E poi a quel punto il bilancio, seppur ancora cambiabile, sarebbe difficilmente modificabile, visto la vicinissima scadenza di presentazione all'Ue e così si saprebbero davvero tutte le novità per le pensioni e gli altri temi introdotte.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 23:47):  Non è stato ancora deciso quando il referendum si farà con certezza e ora dalle ultime notizie e ultimissime trapele che potrebbe essere un ulteriore ritardo verso Natale o quasi. E le novità per le pensioni come il futuro della maggioranza ne potrebbe risentire sia nel bene che nel male 

Spostare la data del referendum costituzionale a poco prima di Natale: queste le ultimissime notizie sulle intenzioni del premier che vorrebbe rimandare il voto per evitare la costituzione di un governo di scopo e arrivare alle prossime elezioni alla guida del Paese pronto a mettere in campo misure e provvedimenti capaci di riconquistare consensi, fiducia e voti degli italiani. Del resto, il referendum rappresenta per il premier la vera prova del nove e in caso di sconfitta tutto potrebbe cadere. E' necessario, però, per lui mantenere, invece, tutto in piedi in modo da poter lavorare in vista delle prossime elezioni politiche. E se il referendum venisse spostato e vincesse il sì, per il premier sarebbe un successo e probabilmente poco cambierebbe rispetto a quanto al momento sta facendo, perchè significherebbe che gli equilibri politici si sono ricomposti, anche se sarebbe solo apparente, e che i cittadini sono ancora dalla sua parte.

Se, però, vincesse il no, sarebbero diversi gli scenari che si aprirebbero, con nuovi assetti politici e conseguenze su ogni provvedimento che la maggioranza sta portanto, comprese le novità per le pensioni. Tra le novità più recenti riportate dalle ultimissime notizie, la possibilità di un governo guidato dal ministro dell'Economia Padoan, una ipotesi che sarebbe decisamente negativa per le novità per le pensioni e che chiuderebbe, almeno per il momento, la possibilità di modificare le attuali norme previdenziali con sistema di uscita prima per tutti, visto che il ministro dell'Economia si è sempre detto contrario ad ogni novità per le pensioni, eccezion fatta per l'assegno universale ma che dovrebbe essere di tipo comunitario. Ma questa è solo l’ultima delle ipotesi: scongiurata qualche settimana fa la minaccia di abbandono del premier da parte di Ncd, che guarda ora all’esito del referendum costituzionale per capire cosa fare, il leader di Ala Verdini ha annunciato la costituzione di una nuova forza politica di centro, moderata, di cui è entrato a far parte anche il viceministro Zanetti insieme ad altri esponenti di Scelta Civica, mentre Stefano Parisi si candida a guidare una nuova ‘grande’ destra che riunisca tutte le forze di destra.

Nuovi assetti che cambierebbero decisamente le modalità di lavoro sulle novità per le pensioni, considerando le idee di ognuno, tutti pronti ad impegnarsi per rispondere alle esigenze dei cittadini in maniera reale e concreta ma ognuno puntando su diverse novità. Ma le possibili novità dipendenti dall’esito del voto costituzionale non finiscono qui perché, come emerso sempre dalle ultime notizie, potrebbe essere anche possibile la costituzione di un governo istituzionale guidato dall’attuale ministro della Cultura Franceschini con il premier che rimarrebbe sempre segretario del partito e in questo caso la battaglia si giocherebbe poi in vista delle prossime elezioni, per cui le novità per le pensioni diventerebbero il vero e proprio terreni di sfida, visto che bisognerà ‘lottare’ per accaparrarsi i voti dei cittadini, per cui le novità per le pensioni rappresentano un tema decisamente caro, insieme a imposte e occupazione.

E ancora una volta le sfide sarebbero incentrate su novità per le pensioni come novità di quota 100, novità di quota 41 per chi ha iniziato a lavorare sin da giovanissimo o svolge occupazioni pesanti e faticose, e novità pensioni con mini pensione ma per tutti, non limitata e poco vantaggiosa come quella che sta attualmente portando avanti la maggioranza. Bisognerà dunque aspettare ormai le prossime settimane, dopo la pausa estiva, per capire come andranno effettivamente le cose e quali saranno i tempi dei nuovi impegni per la maggioranza, fermo restando che il prossimo mese inizieranno le discussioni per le misure della nuova norma di Bilancio e sarà importante capire su cosa ci si orienterà.

. Mancano pochi giorni per il Natale 2016. Abbiamo raccolto le migliori ricette per Natale sia per la vigilia che per il pranzo. E poi decine di frasi di auguri di Natale originali, divertenti, religiose, corte e lunghe e poetiche, anche in inglese da inviare via sms, facebook e whatsapp.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il