Separazione Telecom Italia e reti di telecomunicazione: anche l'Ue è d'accordo

La Commissione europea appoggia il processo per la separazione funzionale della rete di Telecom in Italia, che prevede che la rete e la parte commerciale siano guidate separatamente



La Commissione europea appoggia il processo per la separazione funzionale della rete di Telecom in Italia, che prevede che la rete e la parte commerciale siano guidate separatamente. Martin Selmayr, portavoce del commissario Ue alle Tlc, Viviane Reding, ha spiegato che il progetto va avanti "senza intoppi e in un modo in linea con l'Ue" dato che, ha aggiunto "le norme Ue attualmente in vigore danno già ai paesi membri la possibilità di procedere in questa direzione, come accaduto in Gran Bretagna e Svezia".

Il 16 ottobre Reding incontrerà il presidente Agcom, Corrado Calabrò, e il segretario generale, Roberto Viola. "Poi - ha aggiunto il portavoce- l'Agcom dovrà fare un'analisi di mercato per dimostrare che serve la separazione funzionale" alla luce di eventuali problemi di concorrenza riscontrati sul mercato,. Quest'analisi va notificata a Bruxelles che dovrà dare l'eventuale via libera.

La Reding presenterà la sua proposta di riforma del settore Tlc il prossimo 13 novembre. Nonostante la spaccatura all'interno della Commissione Ue, con due dei maggiori commissari come Kroes e Verheugen che si sono schierati contro la proposta di separazione funzionale delle reti Tlc e contro la creazione di un'agenzia europea di settore.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il