BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 100, quota 41 vanno avanti metodi diversi in Ddl differenti

Avanzano Ddl contenenti novità per le pensioni ma minori rispetto a piani di uscita prima per tutti. Di cosa si discute e modifiche possibili




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 12:45): Il rivedere le esenzioni è stato richiedo sia da diversi esperti nonché dalla Ue in quanto troppe, disordinate è che non riescono ad otterr i risultati e gli obiettivi prefissati come dimostrate in molte ultime notizie e ultimissime. E queste esenzioni sono spesso collegate alle pensioni e si possono considerare come delle novità per le pensioni.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10:22): Ritornando al Fondo Indigenza, non c'è solo la novità per le pensioni della seperazione delle prestazioni fondamentale che sarebbe già un risultato storico, ma anche quello di rivedere alcune tipologie di pensioni e riordinare detrazioni ed esenzioni collegate come da ultime notizie e ultimissime doveva essere già previsto in questo bilancio.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 8:50): Una altro metodo interessante per le novità per le pensioni che permeterebbe di uscire prima di due anni è quello spiegato nelle ultime notizie e ultimissime nel Ddl Concorrenza. Si trattarebbe di poter usare il proprio fondo che finanzierebbe questa novità per le pensioni. Ed è interessante come detto perchè molti hanno questi fondi in aumatico perchè sono di categoria e perchè la norma potrebbe essere retroattiva.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:10): Vi sono dei Ddl che contengono novità per le pensioni molto importanti seppur non sono così al centro delle ultime notizie e ultimissime e non si pensa che possano, invece, affrontare il tema delle novità per le pensioni. Un esempio è sicuramente il Fondo Indigenza che nel suo obiettivo finale ha addiritura la divisione netta tra aiuti e sostegni e pensioni che sarebbe assolutamente fondamentale. Ma sempre nello stesso Ddl ci sono nei vari temi da affrontare novità per le pensioni che riguardano novità sulle tipologie di alcune financhè alla cancellazione e sulle detrazioni ed esenzioni anche a carattere sociale.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:01): Il percorso delle novità per le pensioni principale sembra non portare nulla di buono e facile come riferiscono le ultime notizie e ultimissime, ma ci sono de Ddl che pur secondari per le novità per le pensioni possono contenere delle novità in positivo anche a sorpresa

Mentre la questione pensionistica resta al centro del dibattito politico da cui continuano ad emergere non pochi problemi per l’approvazione di novità per le pensioni, a partire dalla scarsa disponibilità di soldi, per arrivare alla mancanza di una soluzione condivisa ma che, soprattutto, sia definitiva, avanzano altri Ddl che pur essendo secondari, perché non rappresentano l’impegno principale per le novità per le pensioni al momento allo studio, da novità per le pensioni di quota 41, a miglioramenti della mini pensione come attualmente modulata dalla maggioranza, a rilancio della quota 100, potrebbero comunque portare cambiamenti proprio per le novità per le pensioni. I ddl che avanzano sono, in particolare, quello riguardante il Fondo Indigenza, che poi proprio secondario non è come provvedimento, visto che si pone la necessità di mettere a punto misure di sostegno sociale per chi si ritrova a vivere in situazione di grande difficoltà economica. Obiettivo principale quello di dividere, finalmente, spesa assistenziale da spesa prettamente pensionistica, misura che permetterebbe innanzitutto di ristabilire equità sociale e quindi di poter reimpiegare le risorse recuperate in successivi provvedimenti positivi per tutti, da novità pensioni e misure sociali.

Con il Fondo Indigenza e il riordino delle prestazioni sociali dovrebbe essere avviato il nuovo unico provvedimento di contrasto all'indigenza, che varrà a livello nazionale, sarà modulato in base al valore Isee e di cui si potrà beneficiare a condizione che si accetti di entrare a far parte di un progetto di inclusione sociale, al fine di trovare eventuali nuove opportunità lavorative. Tale misura, stando alle ultime notizie, dovrebbe essere di 448 euro al mese, e toccherà all'Istituto di Previdenza procederà a controlli delle condizioni reali di chi ne ha presentato domanda prima di approvarne l’erogazione. L’importo dell’assegno previsto potrebbe crescere nel caso di nuclei familiari più numerosi, dove vi siano disabili o donne in gravidanza. Questa novità potrebbe essere considerata primo passo verso l’assegno universale.

Non rientrano tra le novità del Fondo Indigenza integrazione al trattamento minimo e pensioni per vedove e superstiti, che non subiranno alcun cambiamento. Tra gli altri ddl che avanzano, quello legato al Lavoro autonomo dei professionisti, che dovrebbe finalmente introdurre maggiori tutele sia lavorative che pensionistiche per i liberi professionisti che oggi poi tanto tutelati non sono; quello sulla contrattazione pubblica, che però dovrebbe prendere il via intorno alla fine del mese di settembre, inizio di ottobre e che dovrebbe contenere novità pensioni per la conciliazione di lavoro e famiglia e possibilità di scegliere il passaggio da impiego full time a lavoro part time da parte dei dipendenti pubblici, da cui però resterebbero esclusi militari e forze di polizia.

Insieme a questi provvedimenti, l’altro che avanza è il Ddl Concorrenza: tra le novità per le pensioni previste, sistemi di uscita prima, come staffetta e part time per le aziende che vogliono avviare il turn over per rilanciare produttività e quindi economica in generale. Ma non solo: tra le ultime notizie il ddl Concorrenza dovrebbe prevedere anche novità per quanto riguarda la previdenza complementare. Secondo le ultime novità approvate, infatti, chi ha perso la propria occupazione da due anni, e a cui mancano 5 anni al massimo al raggiungimento dell'età pensionabile, potrà richiedere l'erogazione anticipata della pensione complementare, quella cioè versata nel proprio fondo pensione privato. I 5 anni mancanti al raggiungimento dei requisiti necessari per l'uscita, in base a decisioni interne di ogni singolo fondo, potrebbe essere aumentati anche a 10. E sempre nel Ddl Concorrenza è prevista un’altra modifica sulla possibilità di stabilire la quota minima di Tfr da destinare alla previdenza complementare per spingere ad aderire alla previdenza complementare, scelta di ogni singolo lavoratore che può decidere se lasciare i soldi all'impresa o investirli in un fondo pensione per ottenere una rendita pensionistica integrativa. In ogni caso, comunque, cioè per qualsiasi provvedimento di cui si sta discutendo e che avanza, non si fa riferimento ad alcuna novità per le pensioni di uscita prima, tra quota 100, mini pensione per tutti e quota 41, ma solo a novità per le pensioni ma comunque importanti perché dimostrano un impegno per il cambiamento.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il