BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie quota 100, quota 41, mini pensioni cosa ha detto Ministro Occupazione su Facebook

Nuove affermazioni ministro Occupazione su novità per le pensioni: si continuerà a lavorare anche ad agosto. Le ipotesi di cambiamento




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:01): Il Ministro dell'Occupazione ha risposto come da fare subito quota 41, quando come si diceva le ultime notizie e ultimimissime non la danno così certa come novità per le pensioni, anche perchè semplicemente, non si conoscono i costi e se tutti gli altri temi sempre per le novità per le pensioni sono stati conteggiati (e alcuni messi per ora in disparte) non si capisce come possa avere tale convizione. Anche perchè gli stessi tecnici di Palazzo Chigi stanno cercando al massimo di ridurre il numero attuando delle regole più strette.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:01): Una serie di risposte a delle domande dei cittadini pervenute al Dicastero sono state date dal Ministro dell'Occupazione in una video chat in diffeita su Facebook, la secondo che il responsabile dell'Occupazione fa. E rispetto alle ultime notizie e ultimissime sulle novità per le pensioni ci tiene a precisare che mini pensioni si faranno e questo era quasi certo, ma riprende anche quota 41 rispodendo ad una domanda precisa dicendo che si farà qualcosa nonostante alcune ultime notizie e ultimissime la considerano come rimandata.

Il ministro dell’Occupazione torna a farsi sentire sulla questione previdenziale e in risposta ad alcune domande postate sul suo profilo Faceboook ha annunciato che le discussioni per la definizione di novità per le pensioni da inserire nella nuova norma di Bilancio non si fermeranno e continueranno anche in questo mese di agosto: sembrerebbero, dunque, importanti le ultime notizie se non fosse per il fatto che si è ancora chiaramente in alto mare. Certo continueranno le discussioni, come annunciato, e anche gli incontri tra maggioranza e forze sociali, i confronti sulle novità per le pensioni più urgenti e necessarie, come la quota 41 o le modifiche per migliorare il piano di uscita prima con mini pensione che la maggioranza sta portando avanti ma per cui sono già arrivate diverse richieste di ampliamento. Nonostante le aperture del ministro, restano sempre questioni prioritarie ad affrontare, tanto importanti che potrebbero permettere o bloccare l’attuazione di ogni novità per le pensioni al vaglio, a partire dalla mancanza di soldi.

E’ un grosso problema, infatti, quello dello strettissimo bilancio entro cui la maggioranza si può muovere: sono pochissime le risorse economiche a disposizione, tanto che il premier ha chiesto alla comunità ulteriori 15 miliardi di euro che, seppur concessi, non basterebbero per permettere la realizzazione di tutto ciò che si vorrebbe tra riduzione delle imposte, misure sociali, novità per le pensioni di uscita prima, senza considerare i ‘nuovi’ 8 miliardi di euro che, secondo i tecnici dell’Economia, sarebbero necessari per scongiurare il temutissimo aumento dell’Iva dal prossimo anno. Queste ristrettezze portano chiaramente a importanti riflessioni da fare: se si riuscissero a recuperare soldi e ottenere fondi dalla Comunità, non bastando come detto per tutti, sarà necessario stabilire delle priorità e in tal caso la maggioranza potrebbe orientarsi o sulla riduzione delle imposte, non facendo nulla per le pensioni, se non novità per le pensioni minori come cumulo gratis per chi ha verso i contributi in diverse gestioni, e in forse ci sarebbero anche i taglio alle imposte per i pensionati; o, al contrario, potrebbe saltare la riduzione dei tributi per tutti a favore di novità per le pensioni di uscita prima, che però dovrebbero riguardare solo la mini pensione ma modificata e allargata.

Attualmente, infatti, per il piano di uscita prima con mini pensione, decisamente poco vantaggioso e che continua a non piacere, sono stati stanziati 500 milioni di euro, ma lo stesso ministro dell’Occupazione, proprio qualche settimana fa, ha annunciato che le risorse per le pensioni sarebbero state incrementate e potrebbero aumentare arrivando a un miliardo, massimo un miliardo e mezzo di euro, che comunque non basterebbero per realizzare qualcosa di importante, visto tra le novità per le pensioni più importanti c’è la quota 41 che richiederebbe tra i 4 e i 5 miliardi; ben di più (tra i 7 e i 10) per la quota 100 che al momento sembra essere stata allontanata, anche se il Comitato ristretto per le pensioni si prepara alla definizione di un testo unico da presentare entro i primi giorni di settembre proprio per rilanciare la quota 100.

E probabilmente solo il prossimo mese di settembre riusciremo ad avere indicazioni concrete su come la maggioranza avrà intenzione di continuare a lavorare sulle novità per le pensioni, innanzitutto perché subito dopo la pausa estiva, anche se come detto dal ministro dell’Occupazione le discussioni sulle novità per le pensioni continueranno anche ad agosto, inizieranno le vere discussioni sulle misure da inserire nella prossima Manovra, e poi perché sarà ormai alle porte l’appuntamento con quel voto costituzionale che si preannuncia deciso per la maggioranza.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il