BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie quota 100, quota 41, mini pensioni difficili pure se Ue concede budget

Nonostante eventuale nuova concessione fondi da Ue non ci sarebbero abbastanza soldi per novitÓ pensioni di uscita prima: la situazione




Qualche giorno fa è arrivata la notizia di una nuova apertura da Ue nei confronti di Spagna e Portogallo, considerando le ultime notizie sulla cancellazione delle multe fatte a causa del mancato raggiungimento degli impegni di bilancio presi con la stessa Europa negli anni 2013-2015. Si tratta di una decisione che dimostra come la Comunità avvia capito forse di dover ammorbidire leggermente le sue politiche austere, decisione che potrebbe avere conseguenze anche la nostra Italia. Solo qualche settimana fa, infatti, il premier avrebbe richiesto all’Ue, in occasione dell’ultimo vertice, una nuova concessione di soldi, tra i 15 e i 20 miliardi di euro, che sarebbero importanti per realizzare alcuni dei provvedimenti al vaglio della maggioranza ma ad oggi impossibili per mancanza di risorse economiche necessarie. Le trattative europee per la concessione di questi nuovi fondi vanno avanti ma anche nel caso in cui la risposta europea fosse positiva, probabilmente non basterebbero per realizzare quanto previsto, tra riduzione delle imposte, novità per le pensioni e conseguenti spinte occupazionali.

Per la realizzazione di novità per le pensioni importanti, partendo dalla novità di quota 41, per esempio, servirebbero circa 4, al massimo 5 miliardi di euro, ben più di quel miliardo, miliardo e mezzo che al massimo la maggioranza  ha deciso di stanziare per la mini pensione limitata ai nati tra il 1951 e il 1953 e che prevede forti decurtazioni sull’assegno finale. Molto di più, da 7 circa a 10 miliardi di euro, servirebbe poi per la realizzazione della novità per le pensioni di quota 100. A queste somme si aggiungono gli 11 miliardi di euro che servono per la riduzione del deficit, misura sempre imposta dall’Ue, cui sommare i nuovi 8 miliardi di euro che, secondo i tecnici dell’Economia, servirebbero per scongiurare l’aumento dell’Iva, particolarmente temuto dai cittadini.

Risulta, dunque, piuttosto chiaro che anche nel caso di concessione del nuovo budget da parte dell’Ue sarà piuttosto difficile riuscire ad attuare novità pensioni di quota 100, novità pensioni di quota 41, mini pensione per tutti, ma piuttosto bisognerà pianificare provvedimenti che risultino importanti e soddisfacenti per coloro che da sempre chiedono novità per le pensioni in base ai soldi disponibili. In questo contesto resta, poi, da capire come si avrà intenzione di lavorare sul piano di taglio delle imposte, perché in tal caso o potrebbe saltare esso stesso, o potrebbe far saltare novità per le pensioni a fronte di riduzione dei tributi.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il