BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Tfa 2016 terzo ciclo nuovo 2016: novità di questa settimana

Mancano ancora novità ufficiali su comunicazione e pubblicazione bando nuovo Tfa: prove, requisiti e tempi possibili




TFA 2016 terzo ciclo (AGGIORNAMENTO 10:08): Dopo mesi di attesa, nessuna grande novità, se non che dovrebbe mancare poco al bando dell'ultimo TFA 2016 per l'inizio della scuola. Si tratta dell'ultimo, dopodichè si passa ad una nuova metodologia di assunzione chiamato "Buona scuola". Grazie al TFA 2016 sarà possibile finalmente stabilizzare insegnanti precari con anche, purtroppo, 40-50-60 anni di età.

Prima ritardi e incertezze sul concorsone della scuola, adesso la confusione riguarda l'avvio e la definziione del terzo ciclo del Tfa. Non è ancora arrivata, infatti, alcuna novità ufficiale dal Miur sull’avvio del prossimo terzo ciclo del Tfa, ancora attesa la pubblicazione del bando ufficiale e la comunicazione dei tempi di svolgimento del percorso di abilitazione ormai necessario e propedeutico al concorsone per le assunzioni della scuola. Il bando era atteso per la fine del mese di luglio ma, come sempre ormai accade, non è arrivato e questo ritardo potrebbe far saltare tutto per ora, considerando che ci si avvia alla pausa estiva durante la quale saranno sospese attività politiche e parlamentari che riprenderanno la metà di settembre, quando, tra l’altro, inizierà o sarà iniziata già anche la scuola.

E questo rende tutto ancora piuttosto incerto, perché dopo la pubblicazione del bando ufficiale bisognerà aspettare 60 giorni per l’inizio delle prove selettive, che poi richiederanno ulteriore tempo per essere ben organizzate. Al momento potremmo dire che il bando è nuovamente atteso per settembre ma non c’è ancora alcuna conferma ufficiale. L’unica certezza, come confermato in questi ultimi giorni dal Ministero dell’Istruzione, è che certamente il terzo ciclo del Tfa sarà avviato e si farà. La prova selettiva sarà la prima di tre che i candidati docenti dovranno sostenere: questa prima prova di selezione consiste in un test a risposta multipla uguale per ogni ateneo che si supera con un punteggio minimo di 21/30.

A seguire di dovranno svolgere una prova scritta, predisposta da ogni singola Università che si supera con un punteggio di 21/30; e una prova orale prevede un punteggio minimo di 15/20 e anch’essa definita da ogni singola Università. I requisiti per accedere al nuovo Tfa sono una laurea con vecchio ordinamento e aver sostenuto esami necessari all’insegnamento; una laurea specialistica/magistrale riconosciuta; aver conseguito un diploma Isef valido per l’insegnamento per il Tfa di Scienze Motorie; l’abilitazione Siss, se si è  in soprannumero, o un’abilitazione per una diversa classe di concorso.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il