BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie continuano novità quota 100, mini pensioni, quota 41 da novità Di Maio, Renzi, Padoan e oltre

Sempre di più sono le notizie riguardanti novità pensioni. Il Governo è in cerca di una soluzione per i piani pensionistici prediligendo come soluzioni l'uscita con quota 100, quota 41 e la mini pensione.




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 12:33): Continuano le affermazioni sulle novità per le pensioni da fonti e autorità inportanti che se ne stanno occupando. Ed è ancora una volta il consigliere economico di palazzo Chigi che sul Corsera spiega che tutte le novità per le pensioni dalle novità pensioni mini fino a quota 41 con taglio imposte si faranno subito e che il budget non è stato ancora deciso e il solo miliardi e mezzo è una illazione giornalistica aprendo come Renzi ad aumento importante.

Pensioni novità, ultime notizie e ultimissime notizie pensioni (AGGIORNAMENTO 11:12) In vista del referendum costituzionale Renzi vuole raggiungere il maggior numero di consensi, pertanto parla anche di novità per le pensioni e fondi da investire in tal senso, il dettaglio con le ultime notizie e ultimissime su pensioni più avanti.

Pensioni novità, ultime notizie e ultimissime notizie pensioni (AGGIORNAMENTO 19:45) Se Di Maio vorrebbe introdurre grandissime novità per le pensioni (come indicato più sotto), Renzi è più cauto. Parla di 500 milioni di risparmi qualora il quesito costituzionale da lui proposto passase e di necessità di fondi (non disponibili al momento) per 2 miliardi e mezzo per finanziare le varie modifiche da apporre al sistema prevvidenziale.

Pensioni novità, ultime notizie e ultimissime notizie pensioni (AGGIORNAMENTO 21:01) Il Movimento 5 Stelle, questa volta con Di Maio, torna a proporre novità con le pensioni. La volontà è di poter introdurre l'assegno universale per gli over 50 e 55, in modo poi da poter mandare tutti in pensione a 60 anni. Per di più la sperenza è quella di innalzare le pensioni minime a 750 Euro per poi un futuro farle arrivare addirittura a 1000 euro. Utopia? Lo vediamo nell'articolo.

E' stato già dichiarato da giorni, dal ministro dell'Economia, che la manovra in atto per le pensioni sarà realizzata attraverso un budget molto limitato; saranno infatti poche le misure che verranno attuate e saranno molto centrate. A tal proposito il Premier ha confermato l'esigenza di nuovi budget per poter adempiere alla manovra pensionistica pensata.

L'attenzione dovrà quindi essere puntata sui tagli delle imposte e metodi per uscire prima dal mondo del lavoro, ma momentaneamente nessuno ha parlato di mini pensioni, quota 41 o quota 100. Inoltre, la legge di Bilancio, a cui sta lavorando il Consigliere Economico di Palazzo Chigi, vuole apportare degli interventi strutturali di riforma affinché si possa mettere in atto un rilancio economico del Paese. In poche parole, i provvedimenti previsti con questa nuova legge sono mirati a trovare una soluzione per mandare i lavoratori in pensione a 63 anni, senza dover aspettare 3 anni e 7 mesi in più.

Il Premier Renzi in vista del referendum costituzionale vuole dare largo spazio, per l'appunto, al tema delle pensioni. Afferma, come detto precedentemente, l'esigenza di nuovi fondi per poter migliorare quelle pensioni oggi troppo basse ed anche l'esigenza di rendere più elastici i requisiti necessari per andare in quiescenza. Si parla dunque di anticipo pensionistico, riguardante i lavoratori che hanno raggiunto i 63 anni d'età, che potranno andare in pensione anticipata rispetto i 66 anni e 7 mesi attuali.Quindi l'Inps erogherebbe un prestito pensionistico, in affiliazione con le banche, che il lavoratore si troverebbe a restituire attraverso piccole rate.

Altro grande scoglio da dover superare è quello riguardante i lavoratori precoci e coloro che hanno svolto lavori usuranti, penalizzati dalla Legge Fornero. Queste due categorie dovrebbero essere soggette ad un cambiamento dei vincoli pensionistici per andare in pensione, con il riconoscimento di bonus contributivi, che renderebbero più facile il raggiungimento dei requisiti necessari.

E' stato preso in considerazione anche il ricongiungimento dei contributi ossia l'ottenimento di un'unica pensione, che prevede la riunione presso un'unica gestione previdenziale tutti gli anni di contributi versati in gestioni previdenziali diverse, a favore di quei lavoratori con carriere discontinue.

Posizione diversa da quella del Premier Renzi è quella del Movimento 5 stelle, che vorrebbe introdurre l'assegno universale per tutti gli over 50, 55 affinché si possa andare in pensione tutti a 60 anni; si parla anche di novità per la quota 41, e una totale abolizione delle ricche pensioni erogate agli esponenti politici.
Oltretutto dalle amministrative, il Movimento 5 stelle con Di Maio parla di voler aumentare le pensioni più basse a 750 euro tramite, appunto, l'assegno universale, per sperare o meglio riuscire poi a portarle in tempistiche brevi e limitate a 1000 euro. 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il