BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Cerca







Pensioni ultime notizie e in vigore novità in varie Regioni, aziende e comuni novità mini pensioni, quota 41, quota 100

Il maggior attivismo sulle novità per le pensioni si sta registrando a livello locale tra Regioni, Comuni e imprese.




Pensioni novità, ultimissime e pensioni ultime notizie (AGGIORNAMENTO 18:01) Se da una parte lo stato sembra non trovare una soluzione con novità per le pensioni, Regioni e Comuni stanno cercando di sopperire a questa mancanza creando meccanismi di supporto per chi non lavora e ha più di 50 anni. Addirittura alcune aziende prevedono meccanismi privati per aiutare i propri dipendenti.

Se lo Stato procede con gradualità nell'introduzione di novità per le pensioni, sono le stesse aziende a provare a dare un'accelerazione alla riorganizzazione delle risorse interne sia favorendo migliori condizioni lavorative per chi è avanti con l'età e sia cercando di incentivare l'ingresso di forza fresche. Si tratta di una sorta di staffetta generazionale, quello a cui l'esecutivo non intende dare seguito. L'ultima in ordine di tempo a intervenire su questo versante è stata Luxottica che ha siglato una convenzione con l'Istituto nazionale della previdenza sociale per il versamento dei contributi volontari a favore dei dipendenti aderenti al patto generazionale introdotto con il Contratto integrativo aziendale.

Destinato ai circa 10.000 dipendenti italiani degli stabilimenti produttivi di Agordo (BL), Cencenighe (BL) e Sedico (BL), Pederobba (TV), Rovereto (TN), Lauriano (TO) e della sede di Milano, si tratta di un progetto per favorire l'assunzione di giovani lavoratori e agevolare i dipendenti che, a pochi anni dalla maturazione dei requisti per il congedo, intendono optare per un impegno lavorativo ridotto. In prima cento lavoratori a tre anni dalla pensione possono chiedere il part time senza alcun impatto sull'assegno previdenziale che andranno a percepire e offrendo a cento giovani l'opportunità di un'assunzione a tempo indeterminato.

Sono poi le stesse amministrazioni locali, nei limiti delle loro competenze e dei vincoli di bilancio, a proporre cambiamenti nelle norme sulle pensioni. Viene in mente il caso dell'assegno universale adottato in Friuli Venezia Giulia. La misura di sostegno al reddito prevede l'erogazione di 550 euro al mese fino a due anni ai residenti nella regione da almeno due anni e mostra un Isee inferiore ai 6.000 euro annui. Viene richiesta la volontà dei beneficiari alla sottoscrizione di un Patto d'inclusione finalizzato alla formazione e alla disponibilità a cercare un'occupazione. Da parte sua, la Regione Piemonte permette agli over 50 di uscire un po' prima grazie a una somma, da restituire integralmente, messa a disposizione dagli istituti di credito.

E poi, attenzione a quanto accade a livello comunale sul fronte delle novità per le pensioni. I riflettori sono per forza di cosa puntati sulle città di Roma e Torino, passate alla guida del Movimento 5 Stelle. Non sono da escludere misure per le piccole imprese, come la spinta al part time dei lavoratori nell'ambito di una politica che favorisca la staffetta generazionale. Il tutto mentre è nota la posizione del Movimento 5 Stelle sulle novità per le pensioni ovvero la priorità assegnata all'assegno universale come strumento di sostegno al reddito.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il