BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Terremoto Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Campania, Roma, Rimini, Napoli previsioni scosse esperti oggi mercoledý 24 Agosto

Una nuova scossa di terremoto di magnitudo 6.0 questa notte ha colpito il Centro Italia: centinaia i dipersi, diverse le vittime. Situazione in costante aggiornamento




Paesi letteralmente scomparsi come Amatrice, vittime e numerosi danni sono le novità e ultime notizie risultato della forte scossa di terremoto di magnitudo 6.0 che questa notte, mercoledì 24 agosto, ha colpito la provincia di Rieti, propagandosi tanto da essere avvertito in tutte le regioni del Centro Italia. Marche, Umbria, Lazio, Emilia Romagna, Toscana, Campania e parte della Liguria hanno sentito la terra tremare e ancora una volta dopo il terribile terremoto de L’Aquila di sette anni fa torna la paura. Roma, Napoli e Rimini le città in cui durante la notte è stato sentito il terremoto. La prima forte scossa delle 3:36 ha avuto epicentro ad Accumoli, nel reatino; un'ora dopo, alle 4:32 e alle 4:33, altre 2 scosse di magnitudo 5.1 e 5.4 sono state registrate a 5 km da Norcia (Perugia).

I paesi particolarmente colpiti dal terremoto sono Amatrice, Posta e Accumoli nel Lazio, Pescara del Tronto e Arquata del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno. Il bilancio delle vittime è ancora provvisorio, si parla al momento di almeno sei morti ad Accumoli, dove una famiglia di quattro persone, genitori e due figli piccoli, sono ancora sotto le macerie; tre morti e diverse persone ancora da recuperare sotto le macerie ad Arquata del Tronto, dove la situazione non si presenta così grave come ad Amatrice, dove il paese è stato quasi completamente distrutto dalla forte scossa di terremoto di questa notte, ma che è comunque in parte stato letteralmente rasato al suolo. Centina i dispersi. Situazione e bilanci sono in costante aggiornamento.

Efficienti, veloci e organizzati soccorsi e interventi della Protezione Civile, la richiesta è quella di non circolare particolarmente sulla via Salaria per permettere l’agevola circolazione di ambulanze e soccorsi su una strada nodo principale di collegamento tra le zone più colpite. Le ripetute scosse di terremoto registratesi nella notte, con decine di piccole scosse di assestamento che sono seguite a quelle più forti e devastanti, secondo esperti sismologhi, potrebbero ancora continuare nella giornata di oggi e nei prossimi giorni.

Si tratta, infatti, di un fenomeno naturale che prevede il verificarsi di una serie di repliche sismiche che non escludono la possibilità di nuove scosse più forti anche simili a quella principale che si è verificata nella notte, soprattutto considerando che la zona in cui è stata registrata, insieme a tutta la fascia appenninica che si estende dall'Umbria, alle Marche meridionali, all’Abruzzo, è una zona altamente sismica dove, come spiegano gli esperti, contrariamente ad altre situazioni, pur non potendo prevedere terremoti come quello accaduto questa notte, bisognerebbe restare sempre allerta, tramite monitoraggi e controlli.  

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il