BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie tante novitÓ Gruppi Internet con Governo Renzi, M5S, Lega per novitÓ mini pensioni, quota 41, quota 100

Ci sono anche i gruppi online che cercano di ritagliarsi un ruolo nel confronto sulle novitÓ per le pensioni.




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 16:08) E i Gruppi Internet stanno diventando importanti non solo per le novità per le pensioni, ma per come le intendono perseguire, basti pensare che alcuni sono diventati delle costole ai gruppi per il no al referendum, convinti che una sconfitta del Governo Renzi possa portare ancora, nonostante le ultime notizie e ultimissime, alle urne e tramite esse poter ottenere delle novità per le pensioni reali e profondo

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 14:30): E tra le riunioni più attese, confermata ancora ufficialmente ma che non si conosce quando ancora si farà precisamente vi sarà quello del Gruppo Internet Quota 41 con il consigliere economico e i tecnici della maggioranza che con il primo confronto ha dato, perlomeno, idea di grande disponibilità e interesse. E il Gruppo Quota 41 ha già illustrato attraverso i suoi coordinatori cosa chiederà, i miglioramenti e le novità per le pensioni in questa secondo riunione come da ultime notizie e ultimissime che abbiamo illustrato sotto.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 13:04): Il Movimento 5 Stelle, infatti, tramite i suoi deputati ha parlato delle disponibilità di riunioni e confronti con diversi Gruppi Internet e ha da subito sottolineato nelle Aule ufficialmente prima della sosta la possibilità di avre tra i 500-600 milioni bloccati per quota 41 e chi ha fatto occupazioni pesanti depositando una interrogazione. Non solo, ha dato il suo appoggio anche alle novità per le pensioni femminili che, comunque, sembrano, dato il budget già stanziato, le più sicure a passare dopo la verifica che si dovrà fare a brevissimo. E tale conferma positiva è stata dato al Gruppo Femminile formato da oltre 17mila componenti in modo trasversale da tutte le forze in diverse riunioni fatte.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 11:12): E porte aperte sempre all'opposizione da parte di tutti per ottenere le novità per le pensioni in modo particolare il dialogo sta avvenendo quasi esclusivamente con il Movimento 5 Stelle e un poco con alcuni rappresentati della Lega. Il Movimento 5 Stelle, comunque, si muove semrpe più forte su vari livelli come da ultime notizie e ultimissime sostenendo i Gruppi Internet e facendosi portavoce delle loro richieste nelle varie Commissioni che presto rinizieranno.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 9:44): Alcuni Gruppi Internet continuano a sostenere che le novità per le pensioni possano essere fatte anche dal Governo Renzi e vi è una apertura al confronto sia con i membri dello stesso che con le cariche istituzionali lasciando aperta , comunque, sempre alle opposizioni. Altri, invece, portano avanti come spiegato nelle ultime notizie e ultimissime scelte differenti con una stranua opposizione a questo Governo e l'obiettivo di andare alle urne subito con una sconfitta al referendum netta e pesante.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:30):  Differenti sono le richieste che i vari Gruppi per le novità per le pensioni sono pronte a continuare a richiedere sia al Governo Renzi che alle opposizioni con una serie di iniziative inedite e confronti alcuni dei quali già stabili, altri da stabilirsi ancora, ma sui si sta trattando. Le principali richieste per le novità per le pensioni sono sicuramente quota 41 e in seconda analisi quota 100, mentre c'è una critica molto pesante sulle mini pensioni non condivise e criticate in generale come da ultime notizie e ultimissime

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:01):  Numerosi sono i Gruppi Online per le novità per le pensioni che si sono formati e che hanno preso sempre più piede come testimoniano le ultime notizie e ultimissime con un ruolo riconosciuto sempre più non solo dai mass media ma anche da maggioranza e opposizione con diversi confronti e dialoghi fatti. E proprio da questi e con questi e con nuove iniziative per le novità per le pensioni i Gruppi stanno per ripartire.

I prossimi saranno giorni di novità sulle novità per le pensioni anche per chi sta portando avanti le proprie istanze organizzandosi attraverso il web. Esistono infatti gruppi Facebook con numerosi iscritti, come Diritti Negati Lavoratori Precoci Esodati, che non solo aggiornano costantemente su quanto accade, ma hanno già incontrato e incontreranno esponenti politici per confrontarsi sulle possibili soluzioni. Questo stesso gruppo, guidato da Paolo Carasi, che tutela la posizione di chi è rimasto senza occupazione e senza pensione o ha iniziato una occupazione sin da giovane, sta dialogando con il Movimento 5 Stelle per portare. La stella polare seguita è quella dell'applicazione di quota 41, da intendersi come gli anni di contribuzione da maturare per accedere al trattamento previdenziale. In subordine c'è l'introduzione di quota 100 (somma di età anagrafica e anni di contribuzione), soluzione messa da parte a Palazzo Chigi per via degli alti costi ipotizzati.

Per chi ha iniziato una occupazione in giovane età, prima dei 18 anni, non sono infatti previste condizioni speciali di pensionamento. Presupponendo una carriera lavorativa senza interruzioni, la via d'uscita più conveniente dovrebbe essere la pensione che attualmente si consegue a 42 anni e 10 mesi di contributi (un anno in meno le donne) e senza vincoli di età. Però, per le pensioni conseguite con un'età inferiore a 62 anni, le norme attuali hanno previsto una penalizzazione pari all'1% per ognuno dei primi due anni di anticipo, e del 2% per ogni ulteriore anno. In altre parole, chi si congeda prima, dopo una vita di lavoro, anziché ricevere un bonus ha una penalizzazione. Si tratta di ragionamenti più volte argomentati ma per ora senza grandi riscontri sul tavolo delle novità per le pensioni.

E non è allora un caso che il Diritti Negati Lavoratori Precoci Esodati abbia assunto la posizione del no al voto costituzionale d'autunno e abbiano chiuso le porte al dialogo con la maggioranza a Palazzo Chigi. Diverso è il caso del gruppo Lavoratori precoci uniti a tutela dei propri diritti che non rinuncia a parlare con i rappresentanti della maggioranza. Anzi, è in preparazione un nuovo incontro con il consigliere economico. Una delle misure allo studio è il riconoscimento di un contributivo maggiorato. L'ipotesi di 60.000 beneficiari l’anno è considerata eccessiva da tecnici vicini al dossier. Per restringere la platea si punterebbe a riconoscere come tali solo chi ha 52 o 104 settimane di contributi in età minorile, a cui sarebbe garantito a una contribuzione figurativa extra di 4 o 6 mesi per ogni anno di lavoro.

Ma per i Lavoratori precoci uniti a tutela dei propri diritti sono necessari prevedere 41 anni per tutti, l'aggiornamento delle aspettativa di vita in relazione all'età pensionabile almeno ogni 5 anni, la rivisitazione dei coefficienti di trasformazione, l'eliminazione definitiva delle penalizzazioni dopo il 2017 per chi va in pensione, la possibilità per i disoccupati e mobilitati over 50 di accedere alla pensione senza penalizzazioni, fermare il progetto delle mini pensioni, consente l'unione gratis dei contributi, l'opportunità per i lavoratori vicino al pensionamento di esercitare negli ultimi anni di attività i cosiddetti lavori socialmente utili presso il comune di residenza.

Il tutto mentre il gruppo Giovani, Lavoro, Pensione lancia la campagna Porta un giovane per portare forze fresche nella discussione. Il Gruppo guidato dal vetenrano Franco Rizzo è pronto anche ad altre iniziative e sono state lanciate nel frattempo anche delle iniziative su Twitter per fare "pressione" su esponenti della maggioranza, opposizione, autorità

E poi vi è il gruppo Opzione Proroga Donna 2018 che ha annunciato attraverso le sua amministratrici, Germana, Giulia, Vania e Maria Antonietta e oltre 17mila donne, la ripresa di diverse iniziativee riunioni con divesi esponenti sia della maggioranza che dell'opposizione e anche con importanti cariche istituzionali come quelle già fatte. La proroga femminile sembra davvero la più probabile con il budget già predisposto e le amministratici sottolineano come si vigilerà al massimo perchè non venga utilizzato in altro modo. Tra l'altro partiranno delle nuove campagne su Twitter.

GRUPPI SU FACEBOOK PER LE NOVITA' PER LE PENSIONI 

Diritti Negati Lavoratori Precoci Esodati
-  Opzione Donna Proroga 2018
Giovani, Lavoro, Pensioni
Lavoratori precoci uniti a tutela dei propri diritti
Lavoratori Precoci, Lavoro Giovani

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il