BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui Agosto-Settembre 2016 tasso variabile migliori offerte per tassi più bassi, condizioni, spese

Le migliori offerte di mutui per la fine di questo mese di agosto e i primi giorni di settembre: quali sono e cosa propongono




Continuano ad essere positivi i numeri sulle richieste di mutui per l’acquisto di una prima casa anche in questi mesi estivi, seguendo un trend buono già registrato nei primi mesi di quest’anno, e continuano, come facilmente immaginabile, ad essere sempre più ed anche sempre più vantaggiose, soprattutto per una adeguamento del mercato alla situazione economica di Italia, le proposte di mutui, sia a tasso fisso che a tasso variabile, presentate dalle banche. Tra le migliori proposte oggi disponibili sul mercato, per la fine di questo mese di agosto ma che resteranno disponibili anche nei primi dieci giorni di settembre, ritroviamo ancora le offerte di mutui Domus di Intesa Sanpaolo, sia a tasso variabile che a tasso fisso.

Per il Mutuo Domus Variabile, per gli ultimi giorni di agosto e i primi di agosto, valgono ancora le condizioni promozionali che permettono di ottenere il mutuo fino al 95% del valore dell'immobile e personalizzabile, uno sconto di tasso pari allo 0,35% rispetto alle condizioni economiche riportate nei Fogli Informativi vigenti al momento della stipula del mutuo. Per quanto riguarda le spese, quelle di istruttoria sono differenti in base al rapporto tra importo del mutuo e valore di perizia dell'immobile cauzionale. Convenienti e vantaggiose per questi ultimissimi giorni del mese di agosto e per i primi dieci di settembre le offerte mutui a tasso fisso, variabile e misto di Deutsche Bank: la promozione dei suoi mutui vale per mutui fino al 30 settembre con stipula entro i 60 giorni successivi, e riguarda i mutui che rientrano nelle proposte Mutuo Pratico a tasso fisso e Mutuo Pratico a tasso variabile.

La prima prevede un loan to valure tra il 70 e l'80% con pread all'1,70% per tutte le durate; un LtV del 70% e spread dell'1,40% per tutte le durate; un LtV minore del 50% per durate inferiori ai 10 anni e spread allo 0,99%; la seconda, a tasso variabile indicizzata all'Euribor a 3 mesi, prevede un LtVtra il 70 e l'80% con spread all'1,80% su tutte le durate; e prevede uno spread dell'1,50% per un LtV minore del 70%.

Unicredit ancora per queste settimana propone la sua formula di Mutuo Valore Italia Più che permette di scegliere tra la tipologia di mutuo a tasso fisso o a tasso variabile. In quest'ultimo caso, è prevvista la possibilità di richiedere un mutuo a partire da 30mila euro per l'acquisto di una prima o di una seconda casa, il tasso variabile è agganciato all'Euribor a tre mesi, e si tratta di una tipologia di mutuo che permette il rimborso in tempi che oscillano tra i 5 e i 30 anni. Questo tipo di mutuo, se per i primi due anni si è sempre stati puntuali nei pagamenti, prevede la possibilità di attivare una o diverse opzioni che permetteono di allungare i tempi di rimborso. Se, poi, nel corso della durata del mutuo si decide di non ricorrere mai all'opzione Sposta Rata, che permette invece di posticipare il pagamento di qualche rata di rimoborso, Unicredit assegna un Bonus Interessi che azzera le quote interessi sulle ultime rate del mutuo in base, chiaramente, ai tempi del piano di rimborso di ognungo.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il