BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie quota 100, quota 41, mini pensioni numerose riunioni stabilite per decisione finale

Le prossime riunioni in programma che potrebbero rivelarsi davvero importanti per le novità per le pensioni: quali sono e cosa prevederanno




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:01): Sono davvero numerose e su vari livelli le riunioni previste già ufficiali e quelli che si stanno predisponendo per cercare di capire finalmente quali novità per le pensioni saranno intraprese realmente accanto agli altri argomenti finora protagonisti. E sono riunioni sia interne tra i vari attori e decisori sulle novità per le pensioni che estere ovvero comunitarie.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 23:20): A sfogliare le tante riunioni programmate appare subito evidente come le novità per le pensioni rappresentano un tema chiave per questa maggioranza e per tutte le forze e gli attori coinvolti, almeno a parole. Tuttavia non si può fare a meno di notare, come confermato anche dalle ultime e ultimissime notizie, che i risultati raccolti sono stati finora molto pochi e il sistema delle pensioni è ancora ingessato.

All’indomani della pausa dai lavori, si tornano ad organizzare nuove riunioni per decidere quali saranno le prossime misure che la maggioranza dovrà mettere in atto. Particolare attenzione, ormai si sa, è puntata sulle decisioni che verranno prese sulle novità per le pensioni, sempre più richieste ma anche sempre più necessarie e urgenti, capaci di trainare verso il rilancio dell’occupazione giovanile e dell’economia in generale ma su cui tutto è ancora in stallo. O meglio, i dibattiti continuano, le discussioni anche, le proposte di cambiamento delle attuali norme previdenziali continuano ad arrivare ma le ultime notizie confermano ancora grossi problemi economici e la mancanza di un budget adeguato per riuscire a realizzare tutte le novità che si vorrebbero. Per cercare di mettere un po’ d’ordine e definire un quadro di interventi strutturali e universali, proseguiranno nel prossimi giorni le riunioni, a partire da quelle dei tecnici, che in realtà non sono mai terminate neppure durante il periodo di sosta, considerando l’atteso appuntamento di Ventotene da organizzare per la fine del mese ma anche per preparare ai prossimi incontri fissati.
 
Tra le prossime riunioni da definire, anche quella con i Comitati Internet Quota 41, nuova occasione durante la quale gli esponenti di tali gruppi torneranno a ribadire la loro posizione sulle novità per le pensioni e le richieste di particolari interventi, come novità per le pensioni di quota 41, per permettere a tutti coloro che sono entrati giovanissimi nel mondo occupazionale e a tutti coloro che sono impegnati in attività faticose, di andare in pensione con 41 anni di contributi, senza penalità e senza limiti di età anagrafica da raggiungere; novità per le pensioni con aumenti dei trattamenti mensili più bassi; ma anche novità per le pensioni con cancellazione dei costi onerosi per il cumulo dei contributi previdenziali versati nelle diverse gestioni. E le prossime riunioni saranno occasione per i gruppi online di tornare a chiedere queste precise novità per le pensioni alla maggioranza, insieme anche a modifiche del meccanismo di adeguamento dell’età pensionabile alla speranza di vita, da portare almeno a 5 anni e non da far scattare ogni due, e a modifiche dell’uscita prima con mini pensione per categorie di lavoratori più svantaggiate, come disabili o disoccupati.

Nei prossimi giorni, inoltre, sono attese anche nuove riunioni con diverse autorità istituzionali, a partire da quella che si terrà domani a Maranello tra premier italiano e cancelliera tedesca, occasione decisamente importante per capire le intenzioni europee sulla concessione o meno dell’extra budget richiesto dal nostro Paese. L’incontro a due, dopo il vertice a tre insieme anche al presidente francese, tenutosi qualche giorno fa a Ventotene, potrebbe esser l’ultima occasione per il premier italiano per cercare di avere quell’extra budget che permetterebbe all’Italia di attuare novità importanti per una ricrescita reale e concreta del nostro Paese anche se, come confermano anche le ultime notizie, si tratterebbe di disponibilità economiche comunque ridotte per riuscire a realizzare tutti gli interventi previsti, comprese le novità per le pensioni.

Giovedì prossimo è invece in programma la nuova riunione tra forze sociali e una Confindustria sempre più schierata dalla parte delle novità per le pensioni, ben convinta del fatto che attraverso novità per le pensioni di uscita prima, come quota 41, quota 100, mini pensione per tutti, sarebbe possibile rilanciare concretamente l’occupazione giovanile, dando vita a quel ricambio generazionale che, in termini pratici, si tradurrebbe in una maggiore produttività e in maggiori consumi, attivando un circolo reale di ripresa economica. Ma non solo: stando alle ultime notizie, infatti, Confindustria sarebbe pronta a sostenere anche materialmente l’approvazione di novità per le pensioni, pronta a stanziare quello 0,30% del fatturato che oggi viene stanziato per il fondo di mobilità a favore di novità per le pensioni, considerando che dal prossimo 2017 questo fondo sarà eliminato. Secondo le stime, il versamento dello 0,30% varrebbe circa 600 milioni annui. Una somma interessante per realizzare quelle novità per le pensioni ancora oggi ferme per mancanza di  budget.

Intanto in questi giorni proseguono le riunioni tra gli esponenti della maggioranza e le forze sociali, con queste ultime decise ad andare avanti sulle novità per le pensioni e la richiesta di aumentare la somma stanziata per la realizzazione della mini pensione, portandola da un miliardo e mezzo a due miliardi e mezzo, ma anche le richieste di aumento delle pensioni più basse e di estensione della detassazione per i pensionati. Dopo le ulteriori riunioni tecniche, in programma 6 e 7 settembre, dalla nuova riunione del 12 settembre con le forze sociali si dovrebbero iniziare ad avere indicazioni reali su cosa la maggioranza avrà e potrà davvero fare per le novità per le pensioni. Insieme alle riunioni con le forze sociali e le autorità istituzionali, sempre nei prossimi giorni riprenderanno le riunioni delle varie commissioni, tra cui quelle del Comitato ristretto per le novità per le pensioni a Montecitorio e ci si potrebbe aspettare davvero una novità, vale a dire la presentazione di un nuovo testo unico per rilanciare la novità per le pensioni di quota 100, già annunciata dallo stesso Comitato prima della pausa, e che la maggioranza ha messo al momento da parte perché risulterebbe troppo costosa rispetto al budget effettivamente disponibile.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il