BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie concesse novitÓ per terremoto con extra deficit senza novitÓ quota 100, mini pensioni, quota 41

Occupazione, crescita, competitivitÓ e industria per rilanciare l'Italia. Le novitÓ per le pensioni in secondo piano.




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:30): Gli ingredienti ci sono tutti: il premier che preme per avere maggiori margini, la cancelliera tedesca che apre e si dice convinta che troveranno una soluzione sensata in ambito comunitario con tanto di apprezzamento perquanto fatto finora. Insomma, anche le ultime e ultimissime notizie raccontano che l'extra budget è dietro l'angolo, ma quanto verrà destinato a finanziare le novità per le pensioni?

Il premier italiano ha annunciato che discuterà con Bruxelles la concessione di un extra deficit da utilizzare per Casa Italia e post terremoto. E la cancelliera tedesca si è detta ottimista in occasione del recente incontro di Maranello. Tutto positivo in linea generale, ma è un po' meno nella ristretta ottica delle novità per le pensioni, rispetto alle quali l'ipotesi in campo era quella di utilizzare proprio parte dell'extra budget per finanziare le misure immaginate. Allo stato, infatti, la maggioranza non vuole andare al di là delle mini pensioni con penalizzazioni e interessi da pagare agli istituto di credito e agli interventi fiscali in favore di chi percepisce assegni più bassi.

Gli stessi provvedimenti del cumulo gratis dei contributi versati in più casse di previdenza e quelli mirati per chi svolge attività prevalentemente faticose o chi ha iniziato a esercitare la propria attività sin da giovanissimo, da settimane sul tavolo delle pensioni, sono a rischio. Il punto è che Roma ha bisogno dell'extra budget per finanziare le riforme perché la crescita del Paese continua a mantenersi costantemente al di sotto delle aspettative. Secondo le ultime previsioni di Bruxelles, nel 2016 il rapporto per l'Italia tra deficit (la differenza tra entrate e uscite) e Prodotto interno lordo dovrebbe assestarsi al 2,5%. Nello stesso anno, il Prodotto interno lordo dovrebbe crescere dell'1,4%.

Troppo poco per credere che possano essere sostenute quelle novità per le pensioni più interessanti. Ma come raccontano le ultime notizie, le attenzioni a livello sovranazionale sono altrove e non sulle novità per le pensioni. Il premier italiano e la cancelliera tedesca, negli incontri e poi nella cena conclusiva del vertice di Maranello, hanno discusso i temi più caldi: il futuro della Comunità dopo la Brexit ("Il mondo corre, l'Unione europea deve fare altrettanto" dice il presidente del Consiglio), l'immigrazione (per il premier "l'Europa deve provvedere unita ai rimpatri di coloro che non hanno diritto") e appunto la ripresa economica e la disoccupazione, discusse in un bilaterale anche dai rispettivi ministri dell'Economia.

E poi ancora il rilancio della crescita attraverso gli investimenti, il rafforzamento del piano Juncker, le politiche fiscali per far ripartire la competitività, il sostegno europeo. Il tutto mentre i vertici delle due Confindustrie hanno parlato di occupazione, crescita, competitività e industria 4.0. Ma di novità per le pensioni ovvero quella leva che permetterebbe realmente di far compiere un salto di qualità all'intero sistema neanche a parlarne.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il