BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie più probabili novità legge bilancio fra novità mini pensioni, quota 41, pensioni minime, quota 100

Sono numerosi gli interventi sulle novità per le pensioni all'esame dei tecnici di Palazzo Chigi, ma gli esiti sono incerti.




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 9:52)Si vorrebbe di nuovo fare un tentativo per quota alla ripaertura delle Aule come aveva riferito il Comitato che si dedica alle novità per le pensioni a Montecitorio per cercare di stendere un testo univoco tra le varie forze in Comitato, sulla base di quello già presente e depositato di quota 100 classico. Ma al momento, sembra molto difficile che ciò avvenga sia per volontà che margini economici e tempi stretti. Probabilmente lo stesso Comitato cercherà di impegnarsi sulle novità più probabili al momento. Certo che non esser riusciti in due anni a fare un testo unico su quota 100 non è un bel segnale

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:01)Se c'è una certezza è che le novità per le pensioni saranno ancora una volta nulle o quasi con addirittura una parte della maggioranza che non farebbe nulla al momento e ritardare ancora tutto come emerge dalle ultime notizie e ultimissime. Altri, invece, almeno inizierebbe anche se le novità per le mini pensioni lasciano tanti dubbi e critiche, quota 41 è incerta mentre la vera priorità nemmeno tanto nascosta sarebbe aumentare le pensioni minime ma con una decisione più dettata da motivi di consenso che altro. Quota 100 non pervenuta.

Se c'è una misura nell'ambito del progetto sulle novità per le pensioni allo studio a Palazzo Chigi che sta godendo di una corsia preferenziale è quella delle mini pensioni per consentire a una (ristretta) platea di lavoratori di uscire un po' prima a condizioni sostenibili. Stando alle intenzioni, lo strumento sarà finanziato con un prestito, erogato dalle banche e restituito dall'interessato in 20 anni a rate. In questo modo l'operazione inciderà in modo limitato sui conti dello Stato. Il taglio sulla pensione determinato dalla rata del prestito da restituire dovrebbe essere attutito tramite detrazioni per le persone più in difficoltà, dovrebbe essere a carico delle aziende in caso di pensionamenti per ristrutturazione, mentre inciderà di più per chi uscirà volontariamente dal mondo del lavoro.

In seconda fila ci sono le ricongiunzioni. Oggi chi ha versato i contributi previdenziali in più gestioni può ricongiungerli in una sola e andare in pensione con le regole e il trattamento economico applicate dalla gestione in cui viene fatto confluire tutto. Tuttavia questa operazione comporta oneri anche di 30-40.000 euro per il lavoratore, sulla base dell'età, del reddito e dei contributi da spostare. Il governo sta valutando la possibilità di renderla gratuita, sia per il trattamento di vecchiaia che per quello anticipato. Si tratterebbe di un'opzione con caratteristiche simili in parte al cumulo e alla totalizzazione già esistenti.

Più defilato, per chi svolge attività particolarmente pesanti o lavora di notte, è possibile andare in pensione con il sistema delle quote, cioè la somma di età e contributi. I paletti da rispettare sono tali da disincentivare questa soluzione, anche perché a volte si arriva prima alla pensione anticipata standard. L'esecutivo, anche attraverso alcune semplificazioni, punta a rendere più facile l'accesso alla pensione.

Infine, c'è la partita di chi ha iniziato a lavorare in giovanissima età. La cancellazione della pensione di anzianità e l'adeguamento dei minimi contributivi e anagrafici introdotti nel 2012 hanno penalizzato i lavoratori precoci, quelli che hanno iniziato l'attività prima di aver raggiunto i 18 anni di età. L'intervento al quale sta lavorando il governo prevede il riconoscimento di un bonus sui contributi di 3 o 4 mesi per ogni anno di lavoro svolto da minorenni. A oggi questi lavoratori possono accedere alla pensione anticipata con regole standard che attualmente richiedono almeno 42 anni e 10 mesi di contributi, indipendentemente dall'età.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il