BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Conti correnti zero spese e più convenienti Settembre 2016 migliori: condizioni, tassi, bollo, servizi inclusi migliori

Le migliori offerte di conto corrente a zero spese di questo mese di settembre 2016: quali sono e cosa prevedono




Anche per questo mese di settembre 2016 sono diverse le banche che propongono nuove offerte di conti correnti per chi decide di indirizzare i propri risparmi in un prodotto di gestione. Tra le diverse tipologie di conti correnti, quelle che certamente stanno riscuotendo maggiore successo in questi ultimi tempi sono i conti correnti a zero spese che, come si intende facilmente dalla dicitura, non richiedono alcun costo per apertura, gestione e chiusura del conto, né per l’imposta di bollo anche se in alcuni casi è previsto il suo pagamento di 34,20 euro che la banca decide di non accollarsi. Ma sarebbe l’eventuale unico costo da sostenere nel caso in cui si decida di aprire un conto corrente a zero spese. L'abbattimento dei costi di questo tipo di conti dipende dal fatto che la maggior parte delle operazioni, apertura del conto inclusa, a differenza di quanto previsto dai conti correnti tradizionali, possono essere effettuate comodamente da casa, senza necessariamente rivolgersi allo sportllo della propria banca. Tra le diverse proposte disponibili, il consiglio per una giusta scelta di conto corrente è innanzitutto quello di valutare le proprie esigenze di gestione del conto e quindi valutare la migliore, come condizioni, che possa soddisfarle.

Vediamo quali sono le migliori offerte di conti correnti a zero spese che si possono richiedere per questo mese di settembre 2016: resistono ancora tra migliori proposte di conto corrente di questo mese di settembre 2016 quella di Ing Direct, Conto Corrente Arancio a zero spese, che, infatti, non prevede alcun costo di apertura, gestione, prelievi in tutta Europa, app per gestire le proprie operazioni da qualsiasi dispositivo, Carta di Credito e Carta Prepagata,operazioni online come versamenti, pagamenti online, con bollettini postali, Mav, Rav, modelli F24; e ricariche di cellulare; quella di Che banca! di Gruppo Mediobanca, conto operativo online e in filiale, che non prevede alcun costo e nemmeno il pagamento dell’imposta di bollo, di cui si fa carico la banca stessa.

A seguire troviamo la proposta di Conto Webank di Bpm, conto a zero spese, che assicura un tasso annuo lordo dello 0,10%, prevede il pagamento dell’imposta di bollo di 34,20 euro l’anno, che si azzera se il valore medio di giacenza annuo non supera i 5.000 euro l’imposta di bollo, mentre Banca Ifis propone Contomax, che offre un rendimento dello 0,75%, un rendimento fino all'1,50%, e non prevede alcuna spesa di apertura, gestione e chiusura del conto e nessuna spesa per l'imposto di bollo che sarà a carico della banca. Anche l'offerta di conto corrente Fineco è a zero spese di apertura, gestione e chiusura del conto corrente, non prevede nemmeno il pagamento del canone annuo; prevede, inoltre, prelievi gratis fino a 3.000 euro, bonifici in Italia sempre gratis come operazioni di versamenti di contati e assegni e conto multivaluta integrato.

Il Conto Fineco prevede anche la Card Debit gratuita e offre assistenza tutti giorni, domenica compresa, in caso di problemi e richieste. Banca Widiba del gruppo Monte Paschi offre, poi, un conto corrente a zero spese con un tasso lordo del 2%; mentre Banca Dinamica propone un conto corrente a zero spese, sia fisse che variabile, zero canone, imposta di bollo e prelievi Bancomat/VPay gratuiti in tutta Europa, garantendo un tasso a regime dell’1% lordo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il