BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie sintesi novità settimana trascorsa cosa è successo per novità quota 100, quota 41, mini pensioni

Cosa è accaduto nel corso delle ultime notizie, ipotesi ulteriori di novità per le pensioni e prossimi giorni forse decisivi per modifiche concrete




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 11:07): Ora, invece, per le novità per le pensioni e non solo tutto è peggiorato e cresce sempre di più la possibilità che di concreto e profondo, di utile davvero non si faccia ancora una volta nulla per le novità per le pensioni stesse come sembra andare a convergere, purtroppo, le ultime notizie e ultimissime.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:03):  Sono come abbiamo scritto settimane convulse, dove se in una primo momento dal ritorno della sosta le ultime notizie e ultimissime lasciavano ben sperarare per le novità per le pensioni, comunque, consapevoli dei tanti problemi da affrontare e questioni ancora aperte. 

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:01): Se c'è un attesa sulle novità per le pensioni che viene atteso con impazienza è quello tra il consigliere economico del capo della maggioranza e il gruppo di rappresentanza online dei quota 41. Le ultime e ultimissime notizie riferiscono come l'ipotesi di quota 41 abbia subito un rallentamento per via degli alti costi e nonostante le rassicurazioni.

Nonostante la pausa estiva, sono stati piuttosto vivi i dibattiti e gli appuntamenti politici che, tra le varie misure in discussione, si sono concentrati particolarmente su questione previdenziale e necessità di novità per le pensioni, sia di uscita prima, per sostenere rilancio di occupazione, soprattutto giovanile visto che le ultime notizie attestano ancora un alto tasso di disoccupazione giovanile, sia di aumento delle pensioni più basse, visto che sono milioni i pensionati costretti a vivere con meno di 500 euro al mese, somma che come ben immaginabile non consente loro di vivere dignitosamente. Le indicazioni su quali novità per le pensioni si potrebbero realizzare sono state diverse, tra un susseguirsi di dichiarazioni di esponenti politici e consigliere economico di Palazzo Chigi, e novità rilanciate dalle forze sociali e dagli stessi cittadini che, riunitisi ormai da tempo in gruppo online, stanno partecipando sempre più attivamente alle discussioni sulle novità per le pensioni.

Proprio il ruolo del consigliere economico di Palazzo Chigi è stato in questo lungo periodo da una parte importante perché ha dimostrato, con i suoi continui interventi, un impegno serio e concreto nella definizione di novità per le pensioni, dall’altra, considerando diverse posizioni e misure di volta in volta annunciate, ha generato non poca confusione. Durante la pausa aveva, infatti, parlato di due di due fasi di cambiamento concreto delle pensioni: con mini pensioni, quota 41, cumulo gratis dei contributi previdenziali e taglio delle imposte da far rientrare nella prima fase, mentre la seconda avrebbe dovuto prevedere novità per le pensioni più profonde. Ma solo qualche giorno fa, la direzione degli impegni sembra essere cambiata, con la priorità da dare, sempre secondo il consigliere economico del premier, all’aumento delle pensioni più basse, appoggiando il nuovo progetto dell’Istituto di Previdenza lanciato sempre qualche giorno fa con l’ipotesi di una sorta di trasformazione della mini pensione in assegno universale da dare in base al valore del quoziente familiare piuttosto che della situazione del singolo, e alla necessità di rendere il cumulo gratuito per tutti quelli che hanno versato i contributi previdenziali in diverse gestioni.

Si tratta, tuttavia, di un cambio di posizione che continua a generare però confusione sulle misure che realmente potranno essere approvate per cambiare le attuali norme previdenziali. Il punto è che le ipotesi di modifica potrebbero essere tante e tutte valide ma resta sempre da considerare che non vi è un adeguato budget a disposizione, motivo per il quale si guarda con grande attesa alla decisione europea di concedere, o meno, l’extra budget richiesto dall’Italia. Potrebbe essere una somma che aiuterebbe a mettere in atto alcuni dei provvedimenti al vaglio della maggioranza e importanti, ma non tutti, perché tra novità per le pensioni, piano di riduzione delle imposte, provvedimenti a sostegno dello sviluppo e sblocco dei contratti statali richiedono, come confermato dalle ultimissime notizie, un impiego miliardario.  

E si pone ancora, dunque, il problema di quali provvedimenti considerare prioritari, perché la maggioranza è ancora divisa in merito, tra chi considera le novità per le pensioni prioritarie per dare nuovo slancio a occupazione giovanile, produttività ed economia in generale, e chi invece dà priorità ad altre misure come riduzione delle imposte, sblocco della contrattazione pubblica e novità a sostegno delle imprese. Ma il tempo stringe ed è necessario definire nei prossimi giorni quanto meno proprio le priorità su cui lavorare in modo da definire in questo ambito, poi, le specifiche misure da attuare. Se, infatti, ci si dovesse concentrare sulle novità per le pensioni, bisognerebbe innanzitutto rivedere la mini pensione, considerando che al momento continua ad essere fortemente criticata e per cui sono stati richiesti miglioramenti e bisognerebbe capire se il progetto dell’Istituto di Previdenza potrebbe andare avanti; sapere poi se si riuscirà ad avere l’extra budget e di questo quanto dedicarne alle pensioni, per capire se quei 4, al massimo 5, miliardi di euro potranno venire fuori per introdurre quella quota 41 che finalmente risolverebbe le situazioni di grande disagio in cui si sono ritrovati coloro che hanno iniziato a lavorare prestissimo o chi svolge occupazioni faticose a causa dell’entrata in vigore delle attuali norme pensionistiche.

Dopo le prime riunioni riprese dopo la pausa tra forze sociali e consigliere economico del premier, forze sociali e associazioni degli industriali e le novità dei gruppi online, da cui è emerso il comune obiettivo di attuare novità per le pensioni senza però avere una soluzione condivisa da tutti e comune tale da modificare realmente le attuali pensioni, sarà fondamentale capire come si svilupperanno gli appuntamenti della prossima settimana, tra nuove riunioni con le forze sociali e con la maggioranza, appuntamenti che potrebbero essere anche esplicativi della strategia che il premier ha realmente intenzione di portare avanti. Stando alle ultime notizie, infatti, dopo aver compreso che i miliardi, ben 14, investiti in misure occupazionali a sostegno delle assunzioni stabili non si sono rivelati poi una buona mossa, il premier starebbe decidendo di cambiare ancora strategia, facendo dietrofront sugli sgravi contributivi per le assunzioni a tempo indeterminato, una decisione che sarebbe scaturita dalle ultime notizie rese note sull’andamento dell’occupazione giovanile ancora troppo bassa: secondo gli ultimi dati, infatti, la disoccupazione italiana sarebbe calata ma solo per i ‘grandi’, over 50, mentre ad essere ancora in negativo sarebbe il tasso di occupazione proprio dei più giovani, di coloro cioè che hanno un’età compresa tra i 24 e i 35 anni.

Cambio di strategia anche sulle novità per le pensioni: se finora, infatti, le discussioni sono sempre state incentrate su quota 100, poi messa da parte perché troppo costosa; quota 41, per sostenere soprattutto determinate categorie di lavoratori; e mini pensione, modulata e rimodultata negli ultimi tempi per renderla conveniente, senza, evidentemente, esserci riusciti, le ultime novità si focalizzano soprattutto su due nuove proposte: novità pensioni di quota 41 con contributi figurativi ma una tantum e non per tutti e uscita prima con mini pensione solo per coloro che si ritrovano in condizioni indigenti, sulla base del valore Isee familiare, come se si trattasse di un nuovo aiuto sociale. Tante dunque le ipotesi ancora da sviluppare e definire per cui i prossimi giorni potrebbero rivelarsi cruciali.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il