BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 41, quota 100 effetti positivi da riunione Bce

Quali potrebbero essere le conseguenze della riunione di oggi della Bce sulle novità per le pensioni: cosa aspettarsi




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:01): Cosa significa la decisione della Banca centrale europea di non intervenire sul costo del denaro e sui modi e i tempi del programma di acquisto dei titoli di Stato con il Quantitative easing? Innanzitutto che c'è fiducia, seppur moderata, sulla ripresa che in ambito nazionale si riflette nella possibilità di intervenire sulle novità per le pensioni. Peccato solo che le ultime e ultimissime notizie continuano a rimandare

Si guarda con particolare attenzione alla nuova riunione della Bce in programma oggi, giovedì 8 settembre, un nuovo appuntamento da non sottovalutare per gli effetti che potrebbe avere sull’economia in generale e sulle decisioni della Comunità in merito alla richiesta avanzata dall’Italia di un nuovo extra budget che però, come riportato dalle ultime notizie, dovrebbe essere indirizzato più che all’attuazione di provvedimenti, in generale legati a rilancio di occupazione ed economia, su cui sta lavorando da tempo la maggioranza, alla soluzione dell’emergenza terremoto. Si tratta di un orientamento che certo non agevola la realizzazione di novità per le pensioni ma che potrebbe, secondo molti esperti, comunque rappresentare un volano per il rilancio dell’economia considerando che i fondi destinati dall’emergenza terremoto verrebbero comunque investiti per la ricostruzione delle zone rase al suolo, dando spinta al settore dell’edilizia, tra i cruciali dell’andamento economico.

Oggi la Bce deciderà se prolungare l’operazione di Quantitative easing anche oltre il prossimo mese di marzo 2017 o meno, decisione che avrà importanti conseguenze anche sulle novità per le pensioni, considerando che l’andamento generale dell’economia potrebbe ovviamente influenzare le decisioni della maggioranza per cambiare le cose. Il punto è che per fare qualcosa di concreto su quelle novità delle pensioni servirebbe un budget non disponibile al momento per cui se l’extra budget che la Comunità potrebbe concedere al nostro Paese dovrà essere usato solo per l’emergenza terremoto, nulla in più dovrebbe arrivare per permettere l’attuazione di novità per le pensioni. E probabilmente ci si ‘accontenterà’ solo di quelle novità per le pensioni minori come via libera al cumulo gratuito dei contributi previdenziali e cancellazione delle penalità per chi decide di andare in pensione prima dei 62 anni dopo aver trascorso una vita impiegato in un’occupazione faticosa.

Stando alle ultimissime notizie, sarebbe queste le uniche novità per le pensioni che si prospettano quasi certe, in via di approvazione ufficiale, insieme a quella mini pensione per l’uscita prima che però potrebbe essere ancora rivista, secondo le nuove proposte dell’Istituto di Previdenza. Si tratterebbe, comunque, di una revisione che potrebbe limitare ancor di più la mini pensione che sin dall’inizio è stata criticata proprio perché limitata e troppo penalizzante per il lavoratore che dovesse decidere di andare in pensione prima.

Secondo il nuovo progetto dell’Istituto, infatti, la mini pensione potrebbe, in un certo senso, trasformarsi in una sorta di assegno universale da concedere a chi si ritrova in condizioni di maggiore difficoltà economica, da valutare non sulla base della situazione del singolo componente della famiglia ma in base al quoziente familiare, esattamente come l’assegno universale. Solo così, la mini pensione potrebbe rivelarsi utile per sostenere i più indigenti, altrimenti si potrebbe rivelare un ennesimo spreco di disponibilità economiche. Messe da parte al momento le novità per le pensioni di quota 100 e quota 41, al momento troppo costose.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il