BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie quota 100, quota 41, mini pensioni calcolo come funziona per quota 41 e mini pensioni

Nuove regole, funzionamento e calcolo uscita prima con novità pensione di mini pensione e quota 41: cosa cambierà e quando




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:01): Di positivo, stando alle ultime e ultimissime notizie, c'è che nei confronti per le novità per le pensioni finiranno nei prossimi giorni non solo le mini pensioni e l'aumento degli assegni più bassi, ma anche altri possibili correttivi alle norme che regolano la posizione di categorie particolare, come i lavoratori che hanno iniziato l'attività da giovani e quelli che svolgono mansioni faticose, rispetto ai quali si riflette sull'individuazione della platea. Il problema è che dovrebbero finire ancora una volta tra gli argomenti per le novità per le pensioni ma non si sa quando eventuali norme a loro favore potrebbero realmente entrare in vigore se subito o posticipate

Passano i giorni, si susseguono riunioni e discussioni su eventuali novità per le pensioni e ad oggi, viste le ultime notizie su mini pensioni e novità per le pensioni di quota 41, le domande più ricorrenti riguardano i loro funzionamenti: come saranno, chi potrà usufruirne e da quando. Le risposte sono ancora piuttosto ufficiose e si concentrano essenzialmente sui chiarimenti in merito al funzionamento di quella mini pensione che, tra le alte novità per le pensioni di quota 100 e quota 41, continua ad essere considerata poco vantaggiosa. Il rischio, stando alle ultime notizie rese note dall’Istituto di Previdenza, è che si tratti di una ennesima novità per le pensioni che piuttosto che essere conveniente diventi un ulteriore costo, aumento il debito. Per evitare che questo rischio si concretizzi, per la mini pensione è stato previsto oltre che l’anticipo per il lavoratore che decide di andare in pensione fino a tre anni da restituire in 20 anni, la possibilità di ricorrere alla cosiddetta rendita integrativa temporanea anticipata, che permetterà di percepire qualcosa anche prima della pensione obbligatoria.

La mini pensione dovrebbe interessare innanzitutto le categorie di lavoratori più disagiati, vale a dire disoccupati o invalidi che entro il prossimo gennaio avranno raggiunto almeno 63 anni di età e 20 anni di contributi. L’anticipo per l’uscita con la rendita integrativa sarebbe sottoposto ad un regime fiscale agevolato, compreso tra il 15 e il 9%, mentre le penalità che si subiranno sull’assegno finale secondo quanto previsto dalla mini pensione oscillerà tra il 15 e il 9%, in base al reddito pensionistico che il lavoratore percepisce. Per fare un esempio, se oggi un lavoratore vuole anticipare l’uscita con la rendita subisce un prelievo del 23%; se la rendita complementare riguarda la pensione di base, sarà soggetto alla tassazione Irpef a seconda dello scaglione di reddito di cui si fa parte.

In sostanza, sarà possibile andare in pensione prima sia ricorrendo alla mini pensione che alla contestuale pensione integrativa complementare cui i lavoratori decidono di aderire. Se, dunque, un lavoratore aderisce ad un fondo pensione, avrà una possibilità in più di uscita prima su cui contare. Tra le altre novità per le pensioni in via di approvazione, il cumulo gratuito per tutti coloro che vogliono riunire i contributi previdenziali versati in diverse gestioni: cancellazione delle penalità anche oltre il 2017 per coloro che sono entrati giovanissimi nel mondo occupazionale, vale a dire a 14, 15 anni, e decidono di andare in pensione prima dei 62 anni di età, con contestuale riconoscimento di contributi figurativi che dovrebbero essere di 3, 4 mesi da considerare nel calcolo del raggiungimento dei requisiti pensionistici fino al 18esimo anno di età.

E ancora, attesi provvedimenti da definire per l’uscita prima di coloro che svolgono occupazioni pesanti e faticose. E si tratterebbe di una novità importante anche per rilanciare l’importanza della previdenza complementare che diventerebbe così decisamente interessante soprattutto per un lavoratore cui mancano ancora una decina di anni al raggiungimento della pensione finale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il