BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie alcune novità per chi assiste invalidi e loro stessi con novità mini pensioni, quota 100, quota 41

Ecco come la maggioranza esclude dalle novità per le pensioni coloro che sono coinvolti in lavoro di cura familiare e gli invalidi.




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 13:36):  Stando alle indiscrezioni che si diceva riprese dalle ultime notizie e ultimissime, si starebbe pensando di trovare una formula per aiutare sia gli invalidi che chi li segue ad uscire prima coem più volte da loro stessi giustamente richiesto. E la risposta trovata sarebbe all'interno delle mini pensioni, con una priorità data a questa fascia di persone e con zero penalità. Un inizio, che speriamo non nasconda qualche trabochetto da renderlo inutile.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:36):  Una risposta alle richieste degli invalidi e dei malatai gravi e delle persone che ne prendono cura come nel caso degli anziani non autosufficiente viene dalle ultime notizie e ultimissime riguardanti le novità per le pensioni, in modo particolare dalla formula delle mini pensioni che starebbe prendendo piede in parte rivista che prevede nessun impatto negativo per proprio queste persone indicate sopra. Non c'è ancora certezza, ma è una novità per le pensioni che arriva dalle ultime notizie e ultimissime in base a delle indiscrezioni

Nel complicato e sempre cangiante quadro delle novità per le pensioni c'è una questione che viene sottovalutata. O meglio, è stata finora completamente trascurata e riguarda le categorie più deboli, come gli invalidi, e coloro che li assistono, alla prese con un disagevole allungamento dell'età pensionabile. Si discute giustamente tanto di mini pensioni, di provvedimenti a favore di chi ha iniziato a lavorare in giovane età così come di chi svolge attività prevalentemente usuranti, di innalzamento degli assegni previdenziali più bassi. Ma non c'è una solo parola, nei tanti fascicoli prodotti dalla maggioranza e dagli attori impegnati nelle novità per le pensioni, sugli invalidi e chi li assiste. Se c'è, non è stata detta o l'opinione pubblica non ne è a conoscenza.

Il rischio, neanche troppo nascosto, è che la distanza tra le categorie possa aumentare e che il trattamento sociale si riveli più ingiusto. Insomma, una direzione opposta a quella da tutti invocata. Eppure, le possibilità di intervento ci sono. Basti ad esempio pensare a quella leva fiscale, rispetto a cui la maggioranza sta da tempo ripetendo di voler intervenire in vista delle decisioni sociali ed economiche da assumere entro la fine dell'anno, congeniale per tale questione. Ci riferiamo più precisamente alle detrazioni fiscali per ridurrebbero la rata di restituzione delle mini pensioni, erogate dall'Istituto nazionale della previdenza sociali tramite istituti di credito e assicurazioni.

A dirla tutta, nell'ambito del progetto delle mini pensioni, la penalità nell'assegno previdenziale che si andrà a percepire dovrebbe anche azzerarsi per alcune categorie di lavoratori, soprattutto coloro che sono coinvolti in lavoro di cura familiare e gli invalidi (o sono invalidi essi stessi). Eppure le cronache raccontano che dalle parti della maggioranza (e di chi ci gira intorno, ripetiamo), la questione sia messa da parte e che nessuna novità per le pensioni si vede all'orizzonte. Chi è alle prese con una persona non autosufficiente sa bene le difficoltà a conciliare impegni lavorativi con le esigenze di cura e attenzioni costante verso un'altra persona.

Di fatto, l'ultimo provvedimento conosciuto sulle novità per le pensioni, il cui impatto è per forza di cose limitato, coinvolge i lavoratori alle prese con il contributivo puro ovvero coloro che hanno maturato un'anzianità contributiva al 31 dicembre 1995 e si sono assentati dal lavoro per accudire figli o familiari disabili per periodi di lavoro non retribuiti. Hanno infatti l'opportunità di una piccola riduzione per congedarsi un po' prima dal lavoro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il