BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie forti novitÓ prese di posizione Gruppi Online per novitÓ quota 100, quota 41, mini pensioni

Partecipazione, commenti e reazioni gruppo online su questione novitÓ per le pensioni: posizioni e cosa chiedono ancora per modificare le attuali pensioni




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 11:12): Da una parte nei vari Gruppi Online sembra esserci anche da parte dei coordinatori la consapevolezza che le novità per le pensioni sono assai lontane da essere conquistate e che le mini pensioni sono un contentino. E la delusione è forte, anche se per i più bisognosi si ammettte che è un aiuto. Per quota 41, si potrebbero accettare dei contributi figurativi, ma non un elemosina e comunque la strategia di tutti o quasi è quota 41 per tutti non solo per chi ha iniziato giovanissimo. Certo, ci sono Gruppi che tendono ancora al dialogo sia con opposizione che maggioranza, altri che, invece, punno dritti al referendum non più fiduciosi di questa maggioranza e con la convinzione che il referendum può portare prima al voto, nonostante le ultime notizie e ultimissime, e dunque, dare una svolta anche alle novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:01): C'è un rammarico sicuramente ed è quello di vedere i Gruppi Online per le novità per le pensioni, almeno quattro i più importanti ( ma c'è anche quello femminile, etc, etc) che sono divisi nonostante abbiano migliaia e migliaia di aderenti non solo "da tastiera" ma che si muovono e tanto anche sul territorio per le novità per le pensioni come confermano le ultime notizie e ultimissime. Abbiamo voluto fare una panoramica delle loro reazioni alle novità per le pensioni che si stanno delineando sempre di più, sentendo i loro coordinatori nazionali e alcuni locali.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:45):  Nonostante i tanti ostacoli che sembrano continuamente aumentare, le aspettative deluse e le ultime notizie e ultimissime sempre meno chiare e che sembrano virare verso il negativo, i Gruppi Online per le novità per le pensioni non ci stanno e continuano con la stessa o anche maggiore forza a richiedere le novità per le pensioni.

Gruppi online sempre più attivi all’interno delle discussioni previdenziali, piuttosto partecipi delle ultime discussioni sulle novità per le pensioni, e sempre pronti a rilanciare su quelle novità per le pensioni che si stanno rendendo sempre più necessarie, tanto per sostenere le pensioni anticipate di coloro che sono stati particolarmente penalizzati dall’entrata in vigore delle attuali norme pensionistiche tanto per sostenere un rilancio dell’occupazionale giovanile. E le ultime notizie sono ricche di novità proprio da parte dei gruppi online dai quali si registrano sempre reazioni e commenti ad ogni passo che la maggioranza compie. E’ degli ultimi giorni l’intervento di Paolo Carasi del gruppo Diritti Negati Lavoratori Precoci Esodati, secondo cui le ultime apparizioni del premier in tv rappresentano soltanto, a suo parere, una mossa elettorale in vista del prossimo voto costituzionale d’autunno, promesse annunciate che probabilmente resteranno solo parole, senza fare alcun riferimento a questioni fondamentali come quella che riguarda coloro che sono entrati giovanissimi nel mondo occupazionale e ancora costretti a lavorare perché bloccati dalle attuali norme.

Carasi ha anche detto di essere, insieme a tutto il suo gruppo, aperto a qualsiasi tipo di dialogo con le opposizioni, però, chiudendo ad una maggioranza che finora ha solo deluso, e ha rilanciato sulla necessità della quota 41. Altra reazione su ciò che si sta portando avanti per le novità pensioni è arrivata, sempre in questi giorni, da Franco Rizzo del gruppo Giovani, Lavoro, Pensione, che ha chiaramente spiegato come a suo dire la maggioranza non abbia alcuna novità concreta di realizzare novità per le pensioni universali e che siano soprattutto strutturali, perché andrebbero in tal senso solo le novità per le pensioni di quota 100 e novità per le pensioni di quota 41 che al momento, però, sembrano essere state messe da parte perché si dice siano troppo costose, preferendo portare avanti una mini pensione, poco utile, poco vantaggiosa e che continua ad essere criticata da tutti.

Ma le ultime notizie su andamento di occupazione ed economia, secondo Rizzo, dovrebbero portare la maggioranza a capire come l’approvazione di novità per le pensioni soprattutto per permettere di anticipare la fine della propria attività siano sempre più urgenti. Senza considerare quei milioni di pensionati costretti a vivere con assegni mensili davvero esigui, alcuni dei quali sfiorano i 500 euro al mese e per cui dovrebbero essere previsti ulteriori aiuti per permettere loro di vivere dignitosamente. A questa grave situazione sociale si affianca un livello di indigenza che diventato da record nel nostro Paese. Proprio per rilanciare le richieste di novità per le pensioni e ulteriori sostegni sociali, questo gruppo ha organizzato una nuova manifestazione, che si terrà il 22 ottobre a Bologna, e ha nuovamente dichiarato apertamente che non sarà sostenuta alcuna altra novità per le pensioni che non preveda una soluzione strutturale come quota 100 o quota 41.

Critiche all’operato della maggioranza sulle novità per le pensioni sono state espresse anche da Claudio Balzanelli del gruppo Lavoratori precoci lavoro giovani che, come riportano le ultimissime notizie, ha ribadito come le attuali norme pensionistiche siano anticostituzionali, necessarie da rivedere per garantire un’equità sociale attuale e un futuro pensionistico certo ai giovani di oggi. Critiche anche da Roberto Occhiodoro del gruppo Lavoratori precoci uniti a tutela dei propri diritti, spesso intervenuto nei dibattiti sulle novità per le pensioni, presente ad confronti con esponenti della maggioranza, curioso ora di capire cosa dirà il consigliere economico di Palazzo Chigi il prossimo 14 settembre, in occasione del nuovo appuntamento fissato e cui prenderanno parte diversi esponenti del gruppo, da Antonina Cicio a Paola Picca, Maurizio D'Onofrio, Carlo Giani, Moreno Barbuti. Tra le richieste che saranno rilanciate dal gruppo per novità per le pensioni: revisione della mini pensione da rendere molto più conveniente per le categorie di lavoratori svantaggiati come disoccupati o invalidi; approvazione di novità di quota 41; cumulo gratuito dei contributi previdenziali; revisione del meccanismo della speranza di vita.

Diverse le novità per le pensioni messe a punto dal gruppo e che riguardano, in particolare: novità per le pensioni di quota 41; aumento della speranza di vita ogni 5 anni e non ogni due; revisione dei coefficienti di trasformazione; abolizione delle penalità anche oltre il 2017 per chi va in pensione prima dei 62 anni; cancellazione delle penalità per disoccupati e over 50 in mobilità che vanno in pensione anticipata con almeno 37 anni di contributi; nuovo bonus per il pensionati; cumulo da rendere gratuito per la riunione di tutti i propri contributi previdenziali; possibilità di calcolo dei cosiddetti contributi silenti per coniugi o familiari che siano vicini alla pensione finale; pensione per i nati nel 1952 con almeno 35 anni di contributi al 31 dicembre 2011; possibilità di volgere lavori socialmente utili nel proprio Comune di residenza negli ultimi anni prima del pensionamento finale.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il