BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 41, quota 100 mercoledý Governo Renzi con Nannicini confronto Quota 41 Comitato

Mercoledý nuovo confronto tra governo e comitato di quota 41, ancora richieste di novitÓ per le pensionie attese di cambiamenti




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 9:05): Sono numerose le novità per le pensioni sui quali in questo secondo confronto verranno avanzati dai cittadini del Comitato. In primis quota 41 senza vincoli, ma non solo e ci saranno almeno una decina di punti su cui si vorrà avviare e continuare il confronto fatto già la prima volta. Ci si potrebbe attendere anche una risposta nopn ancora data sui costi per quota 41 che lo stesso Governo Renzi aveva annunciato di aspettare dalla Ragioneria.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 8:22): Al via nel primo pomeriggio odierno alle 14,30 il confronto tra il Governo Renzi e Comitato Quota 41 per le novità per le pensioni tutto confermato dalle ultime notizie e ultimissime. 

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:18): C'è grande attesa per il confronto, il secondo, che vi sarà tra uno dei Gruppi di Quota 41 e il Governo Renzi con i suoi esperti che stanno decidendo le novità per le pensioni. Nello stesso vi saranno numerosi presidi in molte città italiane come confermano le ultime notizie e ultimissime.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:45): Arrivano conferme che nel pacchetto delle mini pensioni possano rientrare anche coloro che hanno iniziato a lavorare in giovane età. Nel contesto di un più ampio contesto delle novità per le pensioni, la maggioranza avrebbe intenzione di includere provvedimenti a favore di categorie speciali. E stando alle ultime e ultimissime notizie se ne parlerà anche mercoledì.

Il budget per l'applicazione di tutte le novità per le pensioni richieste non è sufficiente e in vista delle misure che dovranno ufficialmente essere approvate entro la fine dell'anno la maggioranza si sta impegnando a ritmo serrato sulla decisione di quali novità per le pensioni approvare concretamente. Il cambiamento delle attuali norme previdenziali è più urgente che mai e le necessità impellenti, tanto per risolvere gli errori nati proprio dall'entrata in vigore delle regole vigenti, tanto per rilanciare l'occupazione giovanile, soprattutto alla luce delle ultime notizie sull'andamento della disoccupazione, obbligano a decidere realmente cosa fare per invertire tali tendenze. Proprio per questo in questi giorni e nei prossimi continueranno i confronti tra maggioranza e forze sociali e tra esponenti del governo e Comitati di quota 41. Tra i punti su cui maggiormente verteranno questi appuntamenti, le novità per le pensioni sempre più urgenti per i cosiddetti quota 41, cioè coloro che sono entrati giovanissimi, cioè a 14, 15 anni, nel mondo occupazionale, definizione della mini pensione in maniera più conveniente per il lavoratore, ma anche aumento delle pensioni più basse e richiesta di cancellazione dei costi decisamente onerosi previsti oggi a carico di vuole riunire tutti i propri contributi previdenziali versati in diverse gestioni.

Il confronto, che si terrà mercoledì prossimo, saranno accompagnati da presidi dei comitati Online Quota 41, che stanno diventando sempre più importanti protagonisti del dibattito previdenziale, e che sono stati organizzati in tutta Italia, da Roma a Venezia, Brescia, Trieste e Torino, che si svolgeranno in concomitanza al confronto e a presiederlo ci sarà il consigliere economico di Palazzo Chigi. Vi prenderanno parte esponenti del gruppo Diritti Negati Lavoratori Precoci Esodati, che nei giorni scorsi hanno fortemente attaccato e criticato il premier ritenendo che ogni annuncio di novità per le pensioni che sta facendo in questo periodo abbia solo uno scopo elettorale in vista del voto costituzionale d’autunno; ed esponenti del gruppo Giovani, Lavoro, Pensione, tra cui Franco Rizzo, che ritiene che il governo per cambi are davvero le attuali pensioni debba innanzitutto partire da novità per le pensioni di quota 100 e novità per le pensioni di quota 41, cercando di recuperare i soldi mancanti attraverso altri provvedimenti di tagli consistenti di misure inutili e di spreco.

Ma ci saranno anche esponenti del gruppo Lavoratori precoci lavoro giovani che rilanciano sulla necessità della quota 41 per riuscire innanzitutto a salvaguardare chi è davvero stato fortemente penalizzato dalle attuali norme previdenziali e quindi per ristabilire un vero equilibrio sociale. Questi prossimi appuntamenti seguono il presidio già organizzato e tenutosi nei giorni scorsi a Bari in occasione dell’inaugurazione della Fiera del Levante che, tutto sommato, potremmo dire sia andato bene, considerando che ha visto una maggiore partecipazione di persone e la cui coordinatrice Coletta ha riferito essere stato interessante perché grazie a interviste di tv e giornali di Bari si è potuto ancora una volta dare voce al disagio di determinate categorie di lavoratori. E proprio per il successo riscosso, in occasione degli altri presidi organizzati per mercoledì, a Bari se ne terrà un altro proprio nel giorno stesso del confronto.

Sono diverse le richieste che nel corso di questi mesi i Comitati di quota 41 hanno messo a punto da presentare al governo, tra cui cumulo gratuito, revisione della mini pensione per le categorie di lavoratori svantaggiati, novità di quota 41, revisione del sistema della speranza di vita. In particolare, le richieste riguardano modifica dell'aumento della speranza di vita da attuare ogni cinque anni; revisione dei coefficienti di trasformazione; novità per le pensioni di 41 anni per tutti a prescindere dall'età e senza penalità; contributi figurativi nel calcolo della pensione finale per coloro che hanno iniziato a lavorare sin da giovanissimi; cancellazione delle penalità anche dopo il 2017 per tutti coloro che hanno iniziato a lavorare prestissimo e che hanno raggiunto i requisiti contributivi richiesti prima dei 62 anni d'età; calcolo dei contributi silenti da cedere al coniuge o comunque ad un familiare quasi vicino al pensionamento finale; e ricollocamento nei lavori socialmente utili per i lavoratori vicini alla pensione.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il