BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie pomeriggio novità ora tra Nannicini Gruppo Facebook resoconto novità quota 100, quota 41, mini pensioni

Le ultime posizioni di Moscovici, Speranza, Gnecchi su necessità di impegni da parte dell’Italia e novità per le pensioni: cosa si farà




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 14:07): E' inziata la riunione tra i delegati di uno dei gruppo di quota 41 di facebook e il consigliere conomico Nannicini vero decisore sulle novità per le pensioni. Come scritto si parlerà anche mini pensioni, pensioni per attività faticose, separazione tra sostegni e pensioni e che fine ha fatto quota 100 per tutti. Vi saremo il resoconto non appena concluso e, comunque, se vi saranno anche nel corso dello svolgimento, ulteriori novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 12:12): E da non sottovalutare assolutamente è l'atteso è anche l'incontro dl pomeriggio tra che ci sarà tra Nannicini e il gruppo facebook Quota 41 dove non si parlerà solo di quota 41, ma di oltre una decina di punti. E il secondo incontro che avviene ufficiale tra chi si sta occupando delle novità per le pensioni e un Gruppo di Cittadini che chiede novità per le pensioni reali e profonde. Vi daremo tutte le ultime notizie.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10:35): Speranza sembra al momento ancora una volta per le ultime notizie e ultimissime molto deciso a dire no al voto isitutuzionale e insieme a lui aumentano le file di chi appartiene alla maggioranz ache è pronto a votare no. Questo aprirebbe o meglio potrebbe aprire nuovi scenari per le novità per le pensioni se si dovesse andare subito alle urne

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:33): Ancora una volta si intrecciano sia affermazioni strettamente collegate alle novità per le pensioni che altre che non lo sono così fortemente, ma le riguardano comunque e che le potrebbero condizionare. E come sempre sempre le abbiamo presa da esponenti diversi anche tra le più interessanti che probabilmente sono sfuggite tra le tante delle ultime notizie e ultimissime

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:15): L'incertezza sulle novità per le pensioni prende le mosse anche dalla poca chiarezza in merito all'extra budget per l'Italia. Stando infatti alle ultime e ultimissime notizie, la maggioranza non ha intenzione, almeno per il momento, di chiedere nuovi margini, consapevole di aver ottenuto tutto quello che le poteva essere concesso. Di conseguenza si restringono i margini per le novità per le pensioni.

Messa da parte l’ipotesi di novità per le pensioni di quota 100 che, come abbiamo spesso ribadito, risulta troppo costosa (tra i 7 e i 10 miliardi di euro) da poter introdurre, e con nuove revisioni di novità per le pensioni di mini pensione e novità per le pensioni di quota 41 con riconoscimento dei contributi figurativi, continua ad essere aperto il dibattito sulle novità per le pensioni che proseguirà nei prossimi giorni anche con un nuovo confronto tra esponenti della maggioranza e gruppi online di quota 41 che torneranno a ribadire l’urgenza di approvare novità per le pensioni soprattutto di quota 41 ma non solo. Ad influenzare le decisioni della maggioranza certamente l’appuntamento con il voto costituzionale che si terrà in autunno e in merito al quale Roberto Speranza ha chiaramente detto di essere pronto a votare no se, come richiesto, il premier non apporrà delle modifiche. Dal canto suo, il premier, pur avendovi aperto, non ha fornito ulteriori novità cosa che ha deluso l’opposizione interna, lasciandola ancora molto perplessa.

Una nuova delusione, dunque, ma con un’opposizione interna che in tema di novità per le pensioni, negli ultimi periodi, sembra aver fatto passi da gigante indietro, bloccandosi anche su quel testo unico di rilancio della novità per le pensioni di quota, con enfasi annunciato prima della pausa estiva, che avrebbe dovuto essere presentato entro i primi giorni di questo mese ma di cui non si parla più. Intanto, il commissario europeo agli Affari economici e finanziari Pierre Moscovici si prepara ad incontrare il ministro dell’Economia italiano per discutere della concessione dell’extra budget che il nostro Paese ha richiesto alla Comunità e per cui si attendono risposte a breve. Moscovici ha comunque sottolineato che l’Italia ha già ricevuto parecchie concessioni, per cui l’unico aspetto importante da considerare è il rispetto delle regole previste. Ciò lascia chiaramente intendere come non ci sia ancora una decisione certa sul futuro di questo necessario extra budget ulteriore.

L’attesa da parte della Comunità, secondo quanto spiegato da Moscovici, è vedere la nuove versione del documento economico programmatico che sarà presentato entro la età del prossimo mese. Si tratterà, dunque, di un momento che per il nostro Paese potrebbe rivelarsi fondamentale in vista delle nuove misure che per allora bisognerà ufficialmente approvare, perché avendo più soldi a disposizione probabilmente vi avrebbero anche ulteriori margini di intervento, compreso sulle novità per le pensioni, anche se, dalle ultime notizie, sembra di aver capito che ogni eventuale concessione dovrà essere indirizzata alle opere di ricostruzione post terremoto in Centro Italia. E mentre si attendono queste risposte economiche, Maria Luisa Gnecchi è tornata a parlare direttamente di novità per le pensioni, dichiarando che manca davvero poco al via libera del cumulo gratuito dei contributi previdenziali versati nelle diverse gestioni. Ciò significa che chi ha versato contributi previdenziali in diverse gestioni e dal 2010 deve pagare costi onerosi per raggiungere la propria pensione finale, probabilmente dal prossimo anno senza versare nulla.

La proposta che dovrebbe essere approvata di riunione in maniera assolutamente gratuita i versamenti contributivi in modo da maturare i requisiti pensionistici necessari per il proprio pensionamento. Si tratta, secondo la Gnecchi ma anche secondo il Dicastero dell’Occupazione, una norma dovuta considerando che la riunione dei propri contributi tanto costosa rappresenta un’importante ingiustizia sociale da risolvere al più presto e che potrebbe per molti anche rappresentare la raggiungere prima la propria pensione. Tra l’altro, secondo alcune stime, si tratterebbe di una novità per le pensioni per niente costosa, se non proprio con un costo a zero. Resta solo da capire se queste speranze di un’approvazione imminente si trasformeranno in realtà o se, come accaduto già diverse volte quando si sembrava convinti che un provvedimento o anche una novità per le pensioni fosse ormai di scontata approvazione ma alla fine è saltata, sarà rimandata ancora una volta. Del resto si parla una misura che seppur sostenibile da un punto di vista economico da sempre è stata più volte rinviata. D’altro canto, però, in questo particolare momento, mentre ci si avvicina al voto costituzionale, è possibile che come novità per le pensioni passi, seppur minima, ma quanto meno per dare dimostrazione del fatto che qualcosa si vuole fare o si è fatto.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il