BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie quali potenziali novità da forze sociali divergenti su tutto o quasi per le novità mini pensioni, quota 41

Le diverse posizioni delle forze sociali su diversi temi, da voto costituzionale a novità per le pensioni: situazione attuale e prossimi impegni




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:35): Viene da domandarsi fino a che punto le forze sociali hanno contribuito alla configurazione del progetto sulle novità per le pensioni. Secondo le ultime e ultimissime notizie, adesso stanno frenando sulle pensioni, chiedono chiarimenti sul budget da stanziare e avvertono la maggioranza che l'intesa non è scontata. Anche se alcuni contenuti come le mini pensioni saranno solo un esperimento che durerà due anni.

Forze sociali sempre più divise, su tutto: dal voto costituzionale alle novità per le pensioni, alle prossime mosse di organizzazione di scioperi generale o meno. Mentre alcune sono pronte a sostenere il sì al prossimo voto costituzionale, altre sono nettamene schierate sul fronte del no, convinte che le norme attuali vadano bene così come sono per cui non è necessario cambiarle. Ma il voto delle forze sociali potrebbe essere determinante per il risultato del voto costituzionale, anche se secondo alcune non è l’occasione per valutare l’operato della maggioranza e del premier, perché in caso di sconfitta si creerebbe una situazione di instabilità che al momento non sarebbe certo l’ideale in un Paese che si ritrova a dover affrontare già diverse difficoltà.

Se, infatti al voto d’autunno dovesse vincere il no, significherebbe dare avvio ad un percorso di cambiamento o miglioramento che comunque comporterebbe squilibri ed è una condizione in cui l’Italia, secondo alcune forze sociali, dovrebbe evitare di sprofondare. E’ chiaro dunque come da queste ultime notizie emerga una grandissima confusione e una spaccatura che si ritrova se si guarda alla questione previdenziale. Se, infatti, fino a qualche tempo le forze sociali erano tra le protagoniste delle richieste di novità per le pensioni, tanto di uscita prima quanto di aumento delle pensioni più basse, secondo le ultime notizie, si sarebbero arenate su proposte come novità pensioni di quota 100 e quota 41, uscita a 62 anni di età con 35 anni di contributi, modifiche della mini pensione, su cui, però, le forze sociali hanno dimostrato qualche apertura rispetto alla netta contrarietà iniziale.  

Posizione assolutamente non condivisa da altre forze sociali per cui sarebbe prioritario partire proprio dalle novità per le pensioni proprio di uscita prima, perché si tratterebbe di misure che contribuirebbero a rilanciare l’occupazione giovanile, e quindi la produttività, innescando un buon percorso di ripresa economica. Insieme alle novità per le pensioni di uscita prima, alcune forze sociali chiedono che si proceda in breve termine ad aumentare le pensioni più basse, provvedimento fondamentale per garantire la possibilità di una vita dignitosa per tutti anche al termine della propria attività; così come a cancellare i costi onerosi a carico di chi decide di riunire i contributi versati in diverse gestioni previdenziali; e, proposta che sembra al momento essere stata messa da parte così come la quota 100, a prevedere differenti requisiti di pensionamento dell’aspettativa di vita a seconda della tipologia di occupazione, in modo da garantire, secondo alcune forze sociali, un reale riequilibrio sociale e novità per le pensioni definitive.

Ma insieme a questione costituzionale e novità per le pensioni, a dividere le forze sociali ci sarebbe anche lo sciopero generale che avrebbe dovuto, o dovrebbe ancora, tenersi il prossimo 23 settembre ma che secondo le ultime notizie potrebbe anche non tenersi più. Intanto, dopo le riunioni tecniche che si terranno i prossimi 6 e 7 settembre, il 12 è in programma una nuova riunione della maggioranza con le forze sociali che al centro delle discussioni dovrebbe vedere ancora una volta il tema delle novità per le pensioni, insieme probabilmente a quello dell’occupazione. Sarà a quel punto interessante capire  quali indicazioni deriveranno sul da farsi in maniera concreta per le novità per le pensioni, in base, chiaramente, alla disponibilità del budget che secondo le ultimissime notizie sarebbe ancora decisamente esiguo in rapporto a tutti i provvedimenti che si vorrebbero mettere in atto tra novità per le pensioni, riduzione delle imposte, misure a sostegno della crescita e sblocco dei contratti degli statali.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il