BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Pensioni ultime notizie raccolte novità raccolte in domande-risposte novità mini pensioni, contributivo donna, quota 41

Ancora tante le domande senza risposte relative alle novità per le pensioni in discussione e in arrivo: cerchiamo di chiarire la situazione per quanto possibile




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:22):  Non tutte queste domande e risposte sulle novità per le pensioni possono essere considerati ufficiali. Più forse il contributivo donna, ma occorre vedere se oltre a prolungarlo, vorranno cambiare le regole ma questo non sembra almeno dalle ultime notizie e ultimissime. Per il resto tutto è ancora non certo al 100%, ma alcuni elementi stanno diventando dei punti fermi e ufficiali, anche se ovviamente tutto può ancora cambiare in base ai margini economici.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:01): C'è molta confusione per quanto riguarda le novità per le pensioni e le ultime e ultimissime notizie non rendono certo chiarezza, anzi talvolta aumentano i dubbi. Per questo motivo abbiamo cercato di stilare una serie di domande e risposte sulle novità per le pensioni fino a questo punto portante avanti.

E’ stata rimandata la novità per le pensioni di quota 100 perché troppo costosa (richiede tra i 7 e i 10 miliardi di euro) e solo qualche giorno fa sembra essere stata rimandata anche la quota 41, per lo stesso motivo di mancanza di budget necessario (in questo caso servirebbero tra i 4 e i 5 miliardi), e ci si chiede ora quali novità per le pensioni saranno approvate entro l’anno? La situazione è ancora piuttosto incerta, tra mini pensioni, possibilità di inglobare la quota 41 in questo sistema, cumulo gratis, abolizione delle penalità anche oltre il 2017 per chi decide di lasciare la propria attività prima dei 62 anni di età, proroga del contributivo donna ma vediamo di chiarirla un po’.

Come dovrebbe essere la mini pensione dopo gli ultimi dettagli forniti?

La mini pensione consentirà di lasciare la propria occupazione fino ad un massimo di tre anni rispetto all'attuale soglia fissata, cioè a 63 anni e sette mesi piuttosto che a 66 anni e sette mesi, sempre a coloro che sono nati tra il 1951 e il 1953, dovrebbe valere per tutti i lavoratori, sia del settore pubblico, sia commercianti, artigiani, liberi professionisti titolari di Partita Iva. che avranno versato almeno 20 anni di contributi. Chi decide di lasciare anzitempo la propria attività con la mini pensione subirà una decurtazione che può oscillare dal 5 al 10% in base al reddito pensionistico che si percepisce, fino ad arrivare anche al 15% per trattamenti più elevati. Ma dovrebbero essere previste anche decurtazioni da calcolare soprattutto a carico delle persone più svantaggiate come inabili, disoccupati che percepiscono un trattamento fino a 1.500 euro lordi, 1.200 netti. La mini pensione, che sarà erogata agli istituti di credito attraverso l’Istituto di Previdenza, dovrà essere restituita con relativi interessi.

In che modo la mini pensione potrebbe inglobare la quota 41?

Considerando che la novità per le pensioni di quota 41 è stata rinviata così come proposta, e sopra detto, per mancanza di soldi necessari, è possibile che si inizi a lavorare per tutelare determinate categorie di lavoratori con la mini pensione. Stando alle ultime e ultimissime notizie, è possibile che vengano riconosciuti contributi figurativi per coloro che sono entrati giovanissimi nel mondo occupazione, cioè da 14, 15 fino al 18esimo anno di età, ma solo per chi ha svolto occupazioni faticose. Cioè si tratterebbe di una possibilità parziale che comunque ridurrebbe fortemente le persone che possono lasciare anzitempo la propria attività con questa soluzione.

Quanto costerà la mini pensione e quale platea interesserà?

La mini pensione avrà un costo di 500 milioni di euro e, secondo le ultime notizie rese note dalla maggioranza, dovrebbe interessare circa 350mila persone per i prossimi 3 anni.

Quali sono i dubbi insoluti di questo sistemi e gli interrogativi ancora aperti?

Nonostante gli ultimi dettagli forniti, restano ancora delle domande senza risposta relative alla mini pensione e vale a dire: chi pagherà i tassi di interesse sulla mini pensione e di che entità saranno? Di che entità saranno le detrazioni fiscali per azzerare gli oneri e a chi saranno destinate? Chi pagherà l’assicurazione? La mini pensione sarà concessa in base a determinate fasce o in base al reddito delle persone più in difficoltà? E: basteranno 500 milioni di euro per coprire le eventuali domande per la mini pensione o si scatenerà una sorta di corsa per presentare prima di tutti gli altri la domanda eventualmente per non rischiare di rimanere fuori dal piano?

Quali sono le novità che interessano il contributivo donna?

E’ possibile che tra tutte le novità per le pensioni in discussione, il contributivo donna sia al momento la novità per le pensioni più fattibile perché, come riportato dalle ultime notizie, sarebbe già disponibile il budget necessario per la sua attuazione. L’anno scorso, infatti, per la proroga a tutto quest’anno del sistema che permette alle donne di andare in pensione prima, a 57 anni le statali e a 58 le autonome, con almeno 35 anni di contributi e pensione finale tagliata di circa il 30% perché interamente calcolata con sistema contributivo appunto, sono stati stanziati ben 2,5 miliardi di euro. Una cifra che già ai tempi si era detto essere molto elevata e che, evidentemente, avanzerà. Con la cifra restante, infatti, la cui reale entità si saprà a breve, è possibile che questo meccanismo venga ulteriormente prorogato, anche fino al 2018.

Quando arriverà la decisione ufficiale di proroga o meno del contributivo donna?

Considerando il budget già disponibile per una ulteriore proroga del contributivo donna, si attende l’accordo parlamentare. Nulla al momento si muove in tal senso tanto che il Comitato per le pensioni a Montecitorio ha sollecitato la maggioranza alla sua approvazione, soprattutto dopo che negli ultimi tempi ha mostrato nuove aperture alla chiusura della questione. Ed è tornato a ribadire il fatto che i risparmi che deriveranno dal tesoretto dei 2,5 miliardi di euro, risultato di calcolatori specifici, dovranno essere impiegati per un ulteriore rinvio di questo meccanismo, che comunque, però, resterà in via sperimentale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il