BusinessOnline - Il portale per i decision maker






Mutui tasso variabile settembre 2016 migliori offerte Che Banca, Ubi Banca, BancaDinamica

Le offerte di mutui a tasso variabile Che Banca, Ubi Banca, BancaDinamica per questo mese di settembre: cosa propongono e quale scegliere




Questa settimana le offerte migliori di mutuo a tasso variabile continuano ad essere diverse grazie alla richiesta, che è tornata ad impennarsi, per i mutui finalizzati all’acquisto della prima casa. Si tratta di una tendenza positiva che, come abbiamo già sottolineato diverse volte, si protrae da qualche mese e che rappresenta un segnale di ripresa positiva del mercato. Tra le migliori offerte di mutuo a tasso variabile, che continua ad essere sempre più conveniente del mutuo a tasso fisso ma meno richiesto rispetto al solito dagli italiani che a rate mensili più basse preferiscono la tranquillità di condizioni fisse nel tempo, disponibili per questo mese di settembre 2016 c’è quella di Che Banca,  Mutuo Variabile Acquisto Casa e Ristrutturazione, che propone tassi scontati per tutte le richieste di mutuo effettuate entro il 30 settembre 2016 ed erogate entro il 30 novembre dello stesso anno.

Pensato per cittadini italiani e chi risiede in Italia da almeno te anni, questa tipologia di mutuo non prevede spese ricorrenti, offre un'ampia offerta di polizze facoltative e iscrizione ipotecaria ridotta al 150%. Permette di finanziare importi di un minimo di 50mila euro fino ad un massimo dell'80% del valore dell'immobile oggetto di acquisto, da restituire in 10, 15, 20, 25, o 30 anni. Il tasso variabile è indicizzato all'euribor a 3 mesi/365 più lo spread che per durate fino a 25 anni è dell’1,93% e per durate superiori ai 25 anni è dell’1,98%. Per un LTV (Loan to value, rapporto tra l'importo del mutuo e il minore tra il prezzo di acquisto dell'immobile come risultante dal preliminare di vendita) pari o inferiore al 70%, sarà applicata una riduzione di spread pari a 0,30%; per LTV pari o inferiore al 60%, sarà applicata una riduzione di spread pari a 0,50%; e per un LTV pari o inferiore al 50%, sarà applicata una riduzione di spread pari a 0,68%.

A seguire tra le altre proposte di migliori mutui a tasso variabile troviamo l’offerta di Ubi Banca, Mutuo Sempre Light, che prevede uno spread a partire dallo 0,95%, una durata fino a 50 anni di restituzione delle rate di rimborso e la possibilità di uno spread decrescente ogni 5 anni. Questa tipologia di mutuo prevede un importo massimo fino all’80% del valore di perizia dell'immobile, fino ad un massimo di 500.000 euro e non oltre l'importo della compravendita contenuto nel rogito notarile, e tempi di rimborso rate da 5, a 10, 15, 20, 25, o 30 anni; non prevede, inoltre, alcuna spesa di incasso rata, mentre le spese di perizia e di imposta sostitutiva dipendono al finanziamento richiesto.

BancaDinamica per questo mese di settembre 2016 propone, invece, un mutuo a tasso variabile con spread allo 0,95%, e spese di istruttoria dello 0,50% sull’importo erogato con un massimo di mille euro per richieste di mutuo presentate entro il 30 settembre 2016. La somma da richiedere dipende dal valore dell'immobile che si sta per acquistare e non può superare l'80% del valore dell'immobile, fino ad un massimo di 1.000.000,00 di euro e la durata del Mutuo Bancadinamica varia da un minimo di 10 a un massimo di 30 anni.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il