BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 100, quota 41 calcolo e simulazione online mini pensioni quanto si paga

Come funziona andare in pensione prima con la mini pensione, simulazioni, possibili vantaggi e costi. A chi converrà e dubbi ancora da chiarire




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:15): Il quadro che si sta delineando sulle novità per le pensioni potrebbe poi non essere così rassicurante. Stando infatti alle più recenti simulazioni rilanciate dalle ultime e ultimissime notizie, se le mini pensioni per le categorie disagiate e particolari sarebbero ben accolte perché permetterebbe a una discreta fetta di lavoratori di congedarsi anzitempo, quelle tradizionali, richiedibili da tutti, chiunque, potrebbe avere poco successo.

La maggioranza pensa di fare la possibilità di lavoratori italiani di andare in pensione prima dal prossimo anno con la cosiddetta mini pensione, lasciando ai lavoratori stessi la possibilità di decidere se lasciare la propria attività fino a tre anni prima l'attuale soglia fissata, cioè a 63 anni e sette mesi piuttosto che a 66 anni e sette mesi, accettando un anticipo sulla pensione finale che dovrà poi essere restituito con un piano di rimborso 20ennale, come se si trattasse di un mutuo, e accettando anche decurtazioni sul trattamento mensile, comprese tra il 5 e il 10%, modulate sul valore del reddito pensionistico di ogni singolo lavoratore, e che dovrebbero azzerarsi per le categorie di persone più svantaggiate, come invalidi o coloro che sono rimasti senza occupazioni, e per cui sarebbero previste detrazioni fiscali. Ma questa mini pensione così modulata, come sottolineato anche dalle ultime notizie, più che rappresentare una novità per le pensioni risolutiva di diversi errori generati dall’entrata in vigore della attuali norme, sembra presentarsi come un ennesimo aiuto sociale. Certamente, infatti, non ricorrerebbero alla mini pensione coloro che percepiscono redditi più elevati, perché solitamente si tratta di persone che amano il proprio lavoro e ne sono particolarmente impegnati, per cui mai lascerebbero anzitempo, appena qualche anno, la loro attività rischiando di vedersi notevolmente tagliata la loro pensione finale.

Per quanto riguarda la fascia intermedia di lavoratori, potrebbe, secondo le previsioni, essere quella più penalizzata da questa mini pensione i cui costi graverebbero in tal caso tutti sui pensionati stessi, da restituzione dell’anticipo percepito per lasciare anzitempo la propria attività, a interessi da corrispondere ad assicurazione per le coperture. Costi che, invece, si dovrebbero azzerare per chi invece rientra tra le persone svantaggiate che percepiscono fino a 1.200 euro netti al mese, per cui interessi e assicurazioni dovrebbero essere a carico dello Stato. Ma quanto si pagherà di interessi e di assicurazione per la mini pensione? In realtà, si tratta di due interrogativi cui non si può dare risposta specifica perché mancano informazioni dettagliate sulla loro entità, sul fatto se saranno uguali a seconda che sia lo Stato o il pensionato stesso a pagarli, e mancano dettagli anche sul capitolo assicurazione.

Ma non solo: in riferimento ad eventuali calcoli e convenienza di pensione anticipata con la mini pensione, mancano diversi dettagli ancora che riguardano non solo entità di interessi e dubbi sull’assicurazione, ma anche le entità delle detrazioni fiscali che dovranno essere calcolate per i più svantaggiati e se saranno applicate in base a reddito o fasce di appartenenza, e la domanda se la cifra stanziata per la mini pensione, cioè appena 500 milioni di euro, possa bastare per soddisfare tutte le eventuali domande che arriveranno. Si tratta di domande a cui le ultime notizie non danno ancora riposta e ci si chiede quando queste arriveranno. Probabilmente l’occasione per rendere noti gli ultimi chiarimenti sarà il prossimo confronto tra maggioranza e forze sociali. Ma nel frattempo ci si chiede: quanto converrà andare in pensione prima con la mini pensione? A fronte della mancanza di dettagli che potrebbero rivelarsi importanti per una eventuale simulazione, proviamo a capire la convenienza di questa mini pensione.

Se, per esempio, prendiamo il caso di un lavoratore che dovrebbe percepire una pensione netta di 1.600 euro mensile, cui mancano due anni al raggiungimento della pensione finale, che chiede un anticipo del 70% della stessa pensione finale, con un tasso di interesse al 2% e una polizza assicurativa al 20%, chiedendo la mini pensione per lasciare due anni prima, appunto, la propria attività, avrebbe un trattamento pensionistico anticipato di 1.120, dovendo pagare una rata mensile di restituzione della mini pensione di 166,58 euro per una pensione finale di 1.433,42 euro invece che di 1.600 euro, con una riduzione del 10,41%. La decurtazione del trattamento pensionistico definitivo per le persone più svantaggiate dipenderà, però, sostanzialmente dal valore della detrazione fiscale che effettivamente la maggioranza stabilirà per chi e se, come riportano le ultime notizie, sarà confermata per coloro che percepiscono fino a 1.500 euro lordi mensile. Sottolineiamo che il pagamento della rata mensile viene calcolato sulla base del capitale risultato dalla somma degli anticipi percepiti, dell'importo del preammortamento e dell'assicurazione. Ed ecco il link per le simulazioni mini pensioni, calcolo http://www.irpef.info/calcolaape.html.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il