BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Test medicina, odontoiatria: confronto analisi differenti da più fonti per punteggi minimi generali,singole facoltà e graduatorie

Se c'è una partita aperta è quella delle graduatorie dopo i test di ingresso alle facoltà di Medicina e Odontoiatria.




Continua a essere piuttosto cervellotica e soprattutto non uniforme l'analisi dei risultati dei test d'ingresso a Medicina e Odontoiatria, con particolare attenzione all'ambito punteggio minimo per essere ammessi. Le graduatorie anonime sono state pubblicate e rappresentano un elemento utile per le prime indicazioni, ma ciascun candidato è in grado di conoscere il proprio punteggio solo se in possesso del codice etichetta. Fatta questa precisazione, il punteggio minimo per poter accedere alla graduatoria era di 20 punti e la famigerata domanda numero 16 è stata annullata per cui è stato attributo pertanto il punteggio pieno a tutti i candidati.

Ebbene, stando all'analisi di TestBusters, che ha confermato la maggiore facilità dei test di quest'anno rispetto a quelli di un anno fa, per accedere alla facoltà di Medicina a Milano Statale sono necessari almeno 73 punti, che diventano 74.5 nel caso di Milano Bicocca. Anche a Padova il punteggio minimo è particolarmente elevato - 71,5 punti - considerando che a livello nazionale la soglia minima è di 64.1 punti. Altre analisi riferiscono che all'Università Bicocca servono 77 punti, all'Università Milano Statale 75.8, all'Università di Padova 72.4, all'Università di Verona 71.6, all'Università di Trieste 70.4, all'Università di Bologna 70.4, all'Università di Roma 70.2, all'Università di Torino 69.8, all'Università di Palermo 68.5, all'Università di Firenze 67.7, all'Università di Perugia 66.9, all'Università di Napoli 66.4, all'Università di Cagliari 65.3, all'Università di Bari 65.2, all'Università del Molise 64.6.

Ci sono alcune certezze: i candidati che hanno sostenuto la prova sono stati 6.594 rispetto alle 7.987 domande arrivata. Gli idonei ovvero quelli che hanno totalizzato i 20 punti minimi necessari per concorrere alla graduatoria nazionale e alla distribuzione dei posti disponibili, sono 5.893 ovvero l'89,36% del totale. Il punteggio medio nazionale registrato fra gli idonei (i candidati hanno dovuto rispondere a 60 quesiti in 100 minuti) è di 44,82 mentre quello più alto a livello di ateneo è di 46,79, registrato a Padova. La percentuale di idonei più alta, 95,27%, si è registrata a Bologna. Il punteggio più alto, pari a 88,5, è stato conseguito a Milano. I primi 100 sono distribuiti in 12 atenei, di cui 23 a Milano, 20 a Padova, 13 alla Federico II di Napoli e 12 a Pisa.

Il prossimo appunto è al 29 settembre, quando i candidati potranno vedere il proprio punteggio, il modulo delle risposte e il modulo anagrafico sulla propria area riservata di universitaly.it. Il 4 ottobre, poi,è il turno delle graduatorie nazionali, pubblicate sempre su universitaly.it, con tanto di assegnazioni. Infine, sempre nella stessa giornata saranno aperte le immatricolazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il