BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 100, quota 41 tra un giorno DEF ridimensionato con zero margini da Juncker, Moscovici

Attesa presentazione nuovo Def a breve, occhi puntati su novità per le pensioni sempre più necessarie ma tutto ancora incerto e confuso a causa di mancanza di nuovi margini dalla Comunità




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:01): Il percorso sarà ancora lungo come da ultime notizie e ultimissime, ma la prima stesura del DEF arriverà tra un giorno e sarà chiaramente ancora riscrivibile ma inserirà le novità per le pensioni e gli altri argomenti che probabilmente ci saranno con i relativi budget. E al momento saranno davvero risicati visto che sia Moscovici che Juncker ostacolono ulteriori margini.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:47): L'arrivo del tanto atteso Def come non mai non può essere definitivo in quanto la Comuità non ha ancora datto ufficialmente la sua, ma che, comunque, dalle ultime notizie e ultimisssime sembra non esserci buone prospetttive. Ma tutto è ancora lungo, non finisce certo con la prim stesura ufficiale. Molto, moltissimo divers è per le novità per le pensioni

La presentazione della nuova stesura del Def, il documento di programmazione economica che definisce le misure che la maggioranza, dopo il vaglio della Comunità, deve approvare e introdurre entro la fine dell’anno, è fissata tra due giorni e si attende con particolare ansia questo giorno, considerando che, finalmente, saranno rese ufficiali le disponibilità economiche reali da poter impiegare per l’introduzione di determinati provvedimenti che servirebbero per rilanciare crescita e sviluppo nel nostro Paese. Le ultime notizie, però, continuano a confermare un rallentamento della crescita dell’economia italiana, il ministro stesso dell’Economia italiano ha rivisto al ribasso le stime di crescita del Pil e non arrivano ultime notizie positive nemmeno dal mondo dell’occupazione e sul clima di fiducia di imprese e famiglie. Il budget è decisamente limitato, per cui i provvedimenti che al momento potrebbero essere messi in atto sono altrettanto limitati e ad aprire a ulteriori margini di intervento potrebbe arrivare, quasi a sorpresa ormai, quell’extra budget che l’Italia ha richiesto alla Comunità ma che sta diventando una sorta di pomo della discordia tra chi, all’interno della stessa Comunità, come il presidente della Commissione Juncker, ha aperto a questa possibilità, intravedendo nuove possibilità per il nostro Paese, e chi, al contrario, non ritiene sia giusto continuare a concedere ulteriori margini di intervento al nostro Paese.

La situazione è piuttosto ingarbugliata e confusa ma le risposte si attendono ormai in tempi brevi. Chiara, stando alle ultime notizie, la posizione di chiusura alla concessione dell'extra budget all'Italia del commissario europeo agli Affari Economici, Pierre Moscovici, che ha dichiarato di essere pronto ad esaminare i singoli casi e ad avviare discussioni, concedendo quei margini in più previsti dal patto di stabilità, ma senza però cambiare le regole. Ha quindi spiegato, come riportano le ultime e ultimissime notizie, che saranno esaminate nel dettaglio tutte le misure che l’Italia presenterà, sottolineando che il tema principale che interessa maggiormente del nostro Paese non è certo l’emergenza terremoto, come qualche tempo fa si riportava. Su una posizione decisamente diversa il presidente della Commissione Jucker, che ha espresso parole di apprezzamento nei confronti dell’Italia per impegno, sforzi e dedizione che ci sta mettendo nel risolvere l’emergenza migranti, e che ha ribadito come ulteriori margini per il nostro Paese sarebbero importanti perché necessari per continuare sulla strada di provvedimenti che, seppur lentamente, stanno indirizzando verso un ritorno alla crescita.

E’, dunque, necessario aprire a tale concessione anche se ad oggi, secondo le ultime notizie, nulla si può prevedere fino alla risposta finale. E il Def che si prepara ad essere presentato tra due giorni non dovrebbe prevedere ulteriori margini. Ciò significa pianificare nuovi interventi senza ulteriori disponibilità economiche, riducendo quindi i possibili provvedimenti. E tra i provvedimenti che passerebbero in secondo piano ci sarebbero ancora una volta le novità per le pensioni mai contemplate, finora, in misure prioritarie da approvare tanto da averne ridotto sempre il budget e aver già rimandato quelle novità per le pensioni più costose, come quota 100 e quota 41, che sarebbero state le migliori soluzioni pensionistiche.

Del resto, gli stessi tecnici dell’Economia, da ministro dell’Economia a viceministri, hanno continuano a ribadire, come riportato dalle ultime e ultimissime notizie, che le novità per le pensioni non figurano tra le priorità della maggioranza al momento e che si preferisce lavorare su altre strade come nuove misure di rilancio di investimenti, tanto che il ministro dello Sviluppo Economico ha presentato solo qualche giorno fa il nuovo piano Industria 4.0, che richiederebbe investimenti per ben 13 miliardi di euro; misure a sostegno delle imprese, o anche riduzione delle imposte, senza dimenticare le risorse necessarie per sbloccare la contrattazione pubblica ferma ormai da sette anni e che sta aprendo nuove discussioni considerando che non sarebbero disponibili nemmeno per questa misura tutti i soldi necessari. Si è parlato in queste ultime settimane di ben 7 miliardi di euro.

E insieme alle novità per le pensioni, sembra aver perso terreno anche il Fondo Indigenza, di cui non si parla neanche più ma che avrebbe dovuto contenere, nel lungo termine, novità per le pensioni importanti, tanto che responsabile del Dicastero dell'Occupazione aveva deciso di stanziare un altro miliardo e mezzo in più per il Fondo Indigenza, attirando critiche per il fatto che si trattava di soldi che avrebbe potuto scegliere di investire per novità per le pensioni. Ma le ultime notizie non riportano nulla più di relativo al Fondo Indigenza. Cosa aspettarsi, dunque, dal prossimo Def e di concreto su novità per le pensioni che stanno diventando sempre più necessarie?

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il