BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie martedì 27 Settembre ufficiale documento giunto per tutti, precoci, usuranti da Nannicini, Padoan, Renzi

Le ultime notizie sulle novità per le pensioni di tutti, compresi precoci e usuranti, da premier, ministro dell’Economia e consigliere economico: cosa potrebbe ancora cambiare




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 13:34): In quetso stesso documento ci dovrebbero essre anche  quota 41 e gli suranti, ma c'è soprattutto per i primi dove ci dorvebbe essere una legge ad hoc la massima incertezza. Confermate pienamente dalla ultime notizie e ultimissime le novità per le pensioni inferiori
Non sarà, però, un documento per le novità per le pensioni che obbligherà la maggioranza ma ptrebbe anche cambiare durante l'iter che sta iniziando. Sarebbe più tecnicamente un verbale d'accordo. E questo non piace ovviamente alle forze sociali

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10:10): Oltre ad un DEF che ce lo si attende negativo, sembra che si arriverà ad un documento unico con tutte le novità per le pensioni nella riunione con le forze sociali. Sarà un documento ufficiale che dorvebbe comprendere tutto quello che abbiamo detto e, forse, spostatre l'asticella della non onerosità a millecinquecento euro, ma non è assolutamente detto. 

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 8:32): E' finalmente giunta l'ora della verità per le novità per le pensioni con il DEF che sarà in una versione ufficiale presentato nella giornata odierna, dove però non ci sarà l'incontro con i sindacati che è stato rimandato a domani come da ultime notizie e ultimissime ufficiali  E il DEF rischia di essere negativo anche per le novità per le pensioni con circa 7 miliardi che mancano all'appello e che sarebbero quelli necessari per le novità e non per la smplic copertura delle spese. E in qjetsi 7 miliardi andfebbero le novità per le pensioni, rinnovo contratti dipendenti pubblici, industria 4.0 e tanto altro. SI rischiano dei tagli e dei peggioramenti anche per le novità per le pensioni. Anche eprchè la Conunità non vuol dare margini. E il fatto che la riunione on le forze sociali è stata spostata ancora non è un buon segno

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:18) E nel pomeriggio dalle ore 17,30 vi sarà il Consiglio dei Ministri con l'attesa per l'eleborato strategico per l'iter che sta iniziando che, però, dalle ultime notizie e ultimissime potrebbe subitre un ennesimo ritardo e poi la comunicazione della data ufficiale del referendum che potrebbe essere il 4 Dicembre. Decisione importante anche per le novità per le pensioni perchè molti dei gruppi del Sì e anche diverse forze voteranno contro per cercare di andare subito alle urne anzitempo convinti di riuscire solo in questo modo ad avere novità per le pensioni. Ritornano alla grave situazione del prospetto strategico l'abbiamo vista sotto con possibili anche peggioramenti per le novità delle pensioni e con tagli su altri argomenti probabilmente di circa 7 miliardi.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 12:25): E che tutto sia molto liquido lo dimostra anche il fatto che le ultime notizie e ultimissime sul prospetto strategico ufficiale lo danno posticipato ancora, almeno fino a domani, dove ci saranno anche le novità per le pensioni. Dall'altra parte da un iter che dove iniziare con 30 miliardi o anche 40 miliardi si è passato a 20 miliardi-23 miliardi scarsi con solo 7 miliardi per le novità e tutto il resto per le spese precedenti per evitare nuove imposte. E' chiaro che seppur la posizione di Nannicini appare abbastanza solida, nonostante le novità per le pensioni delle ultime notizie e ultimissime non certo migliorarive che abbiamo visto appena giunte sotto, ci può essere sempre la sorpresa di Padoan e Renzi che, però, mirano a due obbietivi differenti

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:52): Sarebbero una serie di novità per le pensioni ancora diverse quelle delle ultime notizie e ultimissime appena giunte e che abbiamo spiegato sotto, ma che non sono così una sorpresa per chi ci segue, in quanto tramite indiscrezioni e diverse fonti le avevamo già in parte raccontate inserite in quei dettagli e tasselli che mancavano ancora da spiegare o quando si diceva novità pensioni mini non vere novità per le pensioni ma solo di aiuto e sostegno. Ma attenzione, che tutto appare ancora molto liquido in un senso nell'altro anche ulteriormente peggiorativo ( e se fosse migliorativo lo sarebbe di poco, pochissimo)

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 9:03): Arrivano delle ultime notizie, ultimissime inedite e importanti per quanto riguarda il confronto che vi sarà con Nannicini nella riunione tanto atteso e che queste ultimenotizie per le novità per le pensionis embrano essere concordate con Padoan per i margini e Renzi.

E vi sono delle novità per le pensioni per tutti con i 500 milioni dedicati alle mini pensioni prima destinati a chi è tutelato per vari motivi, poi se rimaranno margini per tutti gli altri. E, dunque, come avevamo previsto sarebbe una novità per le pensioni sotto metiite spoglie se andasse in porto questa versione, sarebbe più un sostegno e aiuto. Andrebbero prima chi senza occupazione, invalidi e usuranti.

Ma anche gli usuranti ci sono delle novità per le pensioni importanti riguardanti le mini pensioni. Prima di tutto non tutti entrerebbero dentro a zero euro, ma solo quelli con pensioni a 1500 euro lordi, me ntre le forze sociali richiedono 1650 euro lordi.

In secondo luogo, per la definizione di usuranti si accopierebbe la definizione di occupazione non solo faticosa ma pericolosa e sarebbero esclusi tutti i docenti di qualsiasi categoria, mentre rientrebbero operai edilizi, ferrovieri macchinisti e chi lavora sulle navi. Non sono d'accordo le forze sociali

Infine, per i quota 41, si sta cercando di arrivare ad una sorta di quota 42 per cercare di ampliare di più i beneficari e allargare il paletto dei sedicenni, ma è molto complesso. 

 

Il Consiglio dei Ministri che si terrà domani deciderà la data ufficiale in cui programmare il voto costituzionale, un appuntamento chiave e fondamentale per la maggioranza ma non solo: le ultime notizie sull’andamento politico del nostro Paese sono piuttosto chiare e indicano una situazione di grande scontro, confusione e nuove tensioni interne alla stessa maggioranza con la sua opposizione interna, acuitesi all’indomani dei voti sulle mozioni all’Italicum tenutisi nei giorni scorsi a Montecitorio. Bocciate le mozioni presentate da Sinistra Italia, che sottolineava profili di incostituzionalità della legge elettorale, e del Movimento 5 Stelle, che ha proposto un ritorno al proporzionale, la maggioranza si è detta aperta a eventuali modifiche della legge che saranno proposte ma si tratta di dichiarazioni che, secondo l’opposizione interna, sono solo parole che non indicano una reale volontà di fare qualcosa e cambiare davvero la legge elettorale. Tuttavia, in vista del prossimo voto, la maggioranza ha bisogno sia di appoggi politici che di voti da parte dei cittadini e potrebbe anche, a sorpresa, aprire a novità per ricompattare la maggioranza e continuare a seguire la cosiddetta strategia del consenso che punta su temi sociali e novità per le pensioni per conquistare consensi ed elettori.

Del resto, il premier Renzi aveva chiaramente fatto capire, già prima della pausa estiva, che in vista del voto costituzionale non avrebbe fatto campagna elettorale per il sì ma avrebbe puntato su temi sociali e per misure per i cittadini per riconquistare consensi. Il problema è che proprio in quest’ottica della strategia del consenso, ogni misura e novità per le pensioni annunciata tende ad un peggioramento. Si parla infatti di una mini pensione che continua ad essere modificata e sistemata in modo tale da includere sempre più persone, arrivando ad inglobare una sorta di quota 41 per i lavoratori precoci ma probabilmente solo usuranti, e non si crea altro che confusione. Si parla di un aumento delle pensioni inferiori, misura che dovrebbe interessare circa due milioni di pensionati che significherebbero due milioni di nuovi voti, ma sarebbe solo di qualche decina di euro e quindi inutile sia per il miglioramento delle condizioni di vita dei pensionati stessi sia per un rilancio eventuali dei consumi.

Per quanto riguarda poi le novità per i precoci da inserire nella mini pensione, le ultime notizie parlano del riconoscimento di contributi figurativi di 3 o 4 mesi da calcolare dal momento dell’ingresso nel mondo occupazionale ad un’età inferiore ai 16 anni e fino al compimento del 18esimo anno di età, in modo da permettere a chi ha iniziato a lavorare prestissimo di raggiungere i 41 anni di contributi nel 2017, ma non è una misura strutturale per i precoci. E le novità per le pensioni per gli usuranti prevedono una revisione dell’attuale norma che prevede l’aver svolto 7 anni su 10 un’occupazione faticosa, compreso l’ultimo anno, ma la proposta che la maggioranza vorrebbe presentare alle forze sociali martedì prevede il considerare lavoratore usurante chi abbia svolto almeno metà della sua vita lavorativa impegnato in un’attività del genere, e l’altra metà anche no, senza l’obbligo che l’ultimo anno di occupazione sia stato usurante. Ma tutto sarà da discutere.

Ed è proprio per questa immensa confusione che il ministro dell’Economia Padoan continua a sostenere che sia meglio concentrarsi su altre misure ma fatte bene piuttosto che dare priorità a queste novità per le pensioni che comunque non sarebbero universali e strutturali. Ciò che rende impossibili al momento novità per le pensioni strutturali è la mancanza di un adeguato budget ed è la stessa questione ripresa dal consigliere economico di Palazzo Chigi Nannicini quando ha dovuto fare un passo indietro sulle novità per le pensioni annunciate precedentemente durante un recente incontro con i gruppi online. Nannicini ha infatti spiegato che non si può approvare la quota 41 per i precoci come da sempre portata avanti perché mancano i soldi necessari e che le novità per le pensioni dovrebbero essere attuate in due fasi, la prima che contemplerebbe, appunto, mini pensione ed eventuale aumento delle pensioni inferiori, e la seconda, novità per le pensioni più profonde.

Al momento, dunque, tutto dipende da un budget davvero ristretto e che, tra l’altro, potrebbe ulteriormente peggiorare, basta solo considerare che per le novità per le pensioni, per cui inizialmente si era parlato di 7 miliardi di euro, poi scesi a 2,5 miliardi di euro e alla fine arrivati ad 'appena' due miliardi di euro, con 500 milioni di euro che potrebbero arrivare al massimo a 600 per le mini pensioni e tutto il resto per gli aumenti delle pensioni inferiori. Ma, sempre secondo le ultime notizie del Tesoro, quest'ultima novità per le pensioni inferiori sarebbe quasi inutile perchè si porrebbe come una sorta di misura assistenziale ma minima visti gli irrisori aumenti, per cui sarebbe megllio investire questi soldi in altri provvedimenti. Con la prossima presentazione della revisione dello strumento di programmazione, non soono da escludere eventuali cambiamenti ancora in negativo per le pensioni.   

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il