BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie mini pensioni APE, quota 41 mancano molti dettagli e lista usuranti quota 41 chi rientra

Maggioranza e forze sociali hanno deciso di lasciare ancora nell'indeterminatezza alcuni snodi cruciali sulle novità per le pensioni.




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 12:59) Tanti dettagli e meccanismi sulle novità per le pensioni mancano sia per l'APE che quota 41. E di fatti sono fissati già diverse riunioni tra tecnici per deciderli. anche se il punto fermo e il problema principale è: quanti soldi ci sono davvero per APE e quota 41?

Perchè se ci fossero 1,5 miliardi per quets'anno (e 6 entro tre anni), significherebbe questa scaletta di divisione dei costi:

- 1,1 miliardi per gli assegni più bassi
- 300 Ape
- 200 quota 41

Nessuno lo dice, ma Ape e quota 41 potrebbe doversi dividere nella mgiliori delle ipotesi 500 milioni, nella peggiore 400 e ancora peggio 300 se si contassero le ricongiunzioni gratuite.

Tornando al discorso cosa manca di sapere pe quota 41? Prima di tutto la lista degli usuranti che non è la olsita lista a la stanno rifacendo. Dalle ultime notizie e ultimissime pare esserci:

- infermieri di sala operatoria e prono soccorso
- operatori callc enter
- operatori marittimi
- insegnanti scuola elementare
- insegnanti asilo
- macchinisti dei treni
- facchini
- martittimi

Ma alcune domande nascono spontenee? E gli edili fanno parte delle categoria usuranti in questo caso? E chi lavora di notte? Sembra che dalla classica tradizione di usuranti si voglia cambiare. Ed è un punto molto importante.

Torniamo al discorso, invece, dell'APE, qui nulla è definito, ma principalmente:

- quanto costa l'assicurazione? Un fisso o proporziale alla somma presa. E chi la paga?
- per i disoccupati e chi non paga penali sull'APE non le paga sempre oppure solo chia vrebbe unapensione sotto i 1200 euro. Lo stato vorrebbe sotto i 1000 euro lordi, le forze sociali sopra i 1500 euro lordi.
- Ci sarà un tetto massimo vincolante di prestito? Sembrava il 20%, ma non certezza.
- come si gestisce per chi l'ha, la tredicisema e la quattordicesima?

In questo contesto ancora di incertezza, abbiamo messo a disposizione un simulatore online in questa pagina, che non può essere definitivo fino a quanto la maggioranza non assumerà con le forze sociali le decisioni definitive sugli snodi chiave. Gratuitamente utilizzabile, basta inserire la pensione netta, il numero di mesi di uscita anzitempo, da un minimo di 6 mesi a un massimo di 43, la somma che si desidera tra il 70% e il 100%, l'appartenenza a categorie tutelate tra disabili, disoccupati da lungo termine, assistenti a disabili, attività faticose, l'assicurazione proporzionale, il tasso interesse in favore degli istituti di credito, e il gioco è fatto.

Sono più di uno i nodi da sciogliere sulle novità per le pensioni. La stretta di mano tra forze sociali e maggioranza è naturalmente qualcosa di più di una semplice dichiarazione di intenti, ma su alcuni passaggi cruciali e di sostanza c'è ancora molta indeterminatezza. Il primo è più evidente è il budget da spendere sull'intero pacchetto. In maniera molto generica si è parlato di sei miliardi di euro da investire nell'arco di tre anni, ma come spiegato dal consigliere economico del capo della maggioranza, si tratta di una cifra non definitiva che potrebbe subire ritocchi (verso l'alto o verso il basso?) da qui alla fine dell'anno.

E se c'è poi un altro punto interrogativo intorno alla questione delle novità per le pensioni è quello del concetto di attività gravose. Si tratta in buona sostanza della esatta individuazione di quelle categorie di lavoratori che potranno usufruire senza costi dello strumento delle mini pensioni per smettere anzitempo. Forze sociali e maggioranza non sono riusciti a raggiungere un accordo al di là dell'inclusione di chi è rimasto senza lavoro ed è privo di ammortizzatori sociali di chi è disabile o è alle prese con familiari con disabilità. E la questione si ricollega a quello dello stanziamento di budget: più si allargano le maglie e maggiore è l'impegno di spesa richiesto allo Stato.

Tra le novità più interessanti c'è invece il via libera all'opportunità di smettere con 41 anni di contributi ai lavoratori che hanno 12 mesi di contributi versati prima dei 19 anni nel caso abbiano svolto attività faticose, siano disoccupati senza ammortizzatori sociali o siano in condizioni di disabilità. Nulla da fare, almeno per il momento, per il contributivo donna e per i salvaguardati, rispetto a cui il capo del Gruppo Pensioni a Montecitorio non ci sono ragioni di budget per non farlo sin da subito.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il