BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie e prospettive novitÓ quota 41 e usuranti etÓ, requisiti, condizioni novitÓ per uscire prima

Le mini pensioni, come principale novitÓ nel nuovo pacchetto sulla previdenza, hanno un costo diverso a seconda delle situazioni.




C'è un aspetto interessante nel verbale sulle novità per le pensioni siglato insieme alle forze sociali. Il governo Renzi si è impegnato, al termine previsto dell'attuale meccanismo di rivalutazione dei trattamenti pensionistici per fasce di importo, a introdurre un sistema di perequazione basato su scaglioni di importo. La maggioranza valuterà anche la possibilità di utilizzare un indice di rivalutazione più rappresentativo della struttura dei consumi dei pensionati e a valutare la possibilità di recuperare parte della mancata indicizzazione per la rivalutazione una tantum del montante nel 2019. In ogni caso, il nuovo pacchetto di provvedimenti sulle novità per le pensioni le mini pensioni hanno un ruolo centrale.

Viene previsto che abbiano un costo diverso a seconda delle situazioni: più alte se volontaria e, invece, pari a zero per coloro che sono senza occupazione e hanno esaurito gli ammortizzatori sociali, per chi ha esigenze di cura di familiari disabili e per chi fa lavori rischiosi. Limite per beneficiare sarà aver maturato una pensione entro una certa cifra. Peccato solo che si tratta di una delle questioni irrisolte. Dovrebbe comunque aggirarsi intorno ai 1.500 euro lordi. Nei casi di mini pensione volontaria, la rata per il periodo massimo ovvero tre anni e sette mesi potrebbe costare fino al 25% dell'importo della pensione per 20 anni, tale da rendere poco conveniente, almeno dal punto di vista strettamente economico, aderire a questa opportunità.

Per semplificare le procedure e avere una prima stima, abbiamo sviluppato e messo a disposizione un simulatore online per il calcolo della pensione che è necessariamente ancora soggetto a cambiamenti. I valori che si possono conoscere con pochi click e dopo aver inserito i propri dati personali su lavoro e pensione, sono pensione netta percepita al mese; la rata da pagare per la restituzione con interessi inclusi per 20 anni; l'assicurazione mensile; eventuali detrazioni; la rata della pensione percepita dopo i 36 mesi di anticipo, la percentuale decurtata, il totale della pensione per chi smette anzitempo, l'importo finale da restituire.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il