BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie giÓ novitÓ questo pomeriggio e tante, importanti per settimana novitÓ mini pensioni, quota 100, quota 41

Annunci recenti ultime novitÓ pensioni, cosa realmente cambierÓ e quando e prospettive prossime settimane: lunga ancora la strada per misure certe




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 14:38): E una ulteriore novità per le pensioni che lascia perlomeno abbastanza perplessi ma che provocherà anche lo sdegno di molti è quella dell'inizio del pomeriggio odierno dove Renzi stesso ha chiesto un taglio volontario a chi riceve due o tte pensioni ricche, ricchissime per lo più esponenti di alto livello pubblico come da ultime notizie e ultimissime battute dalle Agenzie. Ma ha senso fare una affermazione del genere, quando si potrebbero fare delle norme ad hoc e non è vero che sarebbero viettate per l'Alta Corte solo alcuni mesi ha confermato che il taglio può avvenire per ragioni di equità sociale.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 13:14): Sembra questa settimana vi sarà un confronto ufficiale tra i tecnici che si occupano delle novità per le pensioni e l'associazione degli istituti per capire meglio i tassi di interesse, le assicurazioni e le procedure che nelle ultime notizie e ultimissime era ed è chiaro che sono ancora da stabilire. E più saranno positive, più ci saranno novità per le pensioni per tutti migliorative, seppur certamente di base, non quelle sperate.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10:38): Il comitato Ristretto si riunirà per le novità per le pensioni due volte questa settimana e sarà interessante capire se farà delle proposte concrete di miglioramento su mini pensioni o quota 41 oppure vi sarà il famoso rilancio che era stato promesso di quota 41 come aveva fatto intendere nelle ultime notizie e ultimissime prima della sosta. 

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:03): Vi saranno, quindi, delle trattative a livello comunitario per cercare di ottenere anche solo qualche decimo di punto fondamentale se non per le novità per le pensioni (ma anche per quello) per almeno non evitare strane sorprese e magari qualche peggioramento all'ultimo momento del Tesoro. E poi i confronti tra i tecnici dei vari Dicasteri per decidere i dettagli e i meccanismi di funzionamento di quota 41 e mini pensioni. Ma non solo. Inizierà anche l'iter istituzionale se non formale, quello informale, all'interno delle commissioni, tra cui anche il Comitato Ristretto per le novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:27): Non è tutto chiuso, finito per le novità per le pensioni, ma anzi si entra nel momento più caldo con l'inizio dell'iter a Montecitorio e poi a Palazzo Madama. Ma non sono da sottovalutare i confronto sia interni che esterni ufficiali e non molti dei quali già precisati nelle ultime notizie e ultimissime e a più livelli. E anche la partita a livello comunitario non è finita, ed è ancora fondamentale per le novità per le pensioni seppur più che altro per non avere altre sorprese negative di tagli e magari , anzi, qualche centinaio di miluioni in più per migliorare le novità per le pensioni che al momento che al momento sono prive di  etagli fondamentali perchè proprio non si capisce che budget avranno finale nonostante le diverse ultime notizie e ultimissime

Dalla mini pensione a novità per le pensioni di quota 41 e per chi ha  svolto o svolge ancora occupazioni faticose, ad aumenti delle pensioni inferiori, a cumulo gratuito di tutti i propri contributi previdenziali ed estensione della detassazione fino a 8mila per i pensionati: mentre l'accordo tra maggioranza e forze sociali prospetta queste novità per le pensioni appena riportate e pronte, come riportato dalle ultime notizie, ad essere approvate entro la fine dell'anno, a conti fatti, di reale non è stato nulla di tutto quello appena riportato. L'unica novità forse reale è l'aumento dei trattamenti pensionistici inferiori, visto che subiranno rialzi ma di appena 40 euro, il che fa ben capire come si tratti di una misura quasi inutile, perchè non si tratterà di una cifra tale da permettere ai pensionati che la riceveranno di spendere di più in consumi nè di migliorare le loro stesse condizioni di vita, quindi è come se si trattasse di una misura inutile anche in questo caso. Giusto un contentino a tutti per poter far dire che la maggioranza ha effettivamente fatto qualcosa di concreto per le pensioni. Dopo le ultime notizie rese note sulle novità pensioni messe a punto tra maggioranza e forze sociali, si è ben consapevoli del fatto che restano ancora da definire dettagli e ulteriori informazioni tanto che si preparano ad essere programmate le nuove riunioni proprio tra maggioranza e forze sociali.

Importante, comunque, sarà continuare a puntare l’attenzione sull’andamento delle trattative comunitarie per la concessione dell’extra budget richiesto all’Italia, le cui nuove riunioni sono state programmate ma non ufficializzate. E sappiamo quanto importante potrebbe essere la conclusione di queste trattative: se, infatti, la comunità dovesse davvero decidere di concedere al nostro Paese l’extra budget miliardario richiesto, si avrebbero ulteriori possibilità di margini di intervento e si potrebbero modificare e migliorare diversi provvedimenti, tra cui le stesse novità per le pensioni, magari allargandole a comprendere più persone in modo da non lasciarle così limitate come attualmente previsto. Il punto, comunque, è che i tecnici dell’Economia soprattutto ritengono che le novità per le pensioni non siano una priorità per il rilancio della crescita economica italiana, posizione ripresa dalle ultime e ultimissime notizie, motivo per il quale è in dubbio anche che se la trattativa comunitaria si concludesse positivamente i soldi sarebbero destinati alle novità per le pensioni.

Anzi: è anche possibile che data la ristrettezza di budget e il fatto che le attuali novità per le pensioni non sono state considerate poi così efficace ma rischiano di trasformarsi nell’ennesimo spreco di soldi proprio in un momento in cui bisognerebbe spendere i soldi in maniera oculata e per provvedimenti importanti, le stesse novità per le pensioni possano subire ulteriori peggioramenti. La speranza è che qualcosa cambi nelle prossime riunioni parlamentari: entro il 15 ottobre, infatti, l’aggiornamento dello strumento di programmazione dovrà essere presentato a Comunità e Parlamento ed entro il 20 ottobre sempre in Parlamento si prepara ad arrivare il disegno di legge di bilancio, fino ad allora però, se opposizione interna e altre forze politiche lo volessero, potrebbero essere apportate ulteriori modifiche in vista dell’approvazione finale della finanziaria entro il 31 dicembre.
Insieme ai prossimi appuntamenti parlamentari, le ultime notizie confermano nuove riunioni anche del Comitato ristretto per le pensioni a Montecitorio e nuove riunioni che si terranno tra tecnici della maggioranza e forze sociali, organizzate, ma non ancora programmate nello specifico, proprio per rispondere a quei commenti di rabbia e delusione che hanno portato i cittadini a chiedere alla maggioranza e alle forze sociali di mettere a punto novità per le pensioni serie e importanti, e non misure annunciate solo per prendere in giro chi, invece, sta ben capendo il giochetto che la stessa maggioranza vuole fare in vista del voto costituzionale del 4 dicembre. Ogni novità per le pensioni annunciata che sembra accontentare tutti, visto che interessano mini pensione, quota 41, chi svolge occupazioni faticose e pesanti e aumenti delle pensioni base, in realtà è nulla ma rappresenta quella mossa giusta per far credere a tutti di essere stati accontentati e cercare di riconquistare così nuovi elettori e voti in vista del voto di dicembre.

E’ necessario, però, che le forze sociali facciano un passo indietro rispetto a quanto proposto dalla maggioranza e lavorino per soddisfare richieste dei cittadini e per il loro stesso bene, mentre, d’altro canto, insieme a questa strategia del consenso già avviata, sono partiti i confronti nelle diverse piazze italiane, e che si terranno anche nei prossimi giorni, sul voto costituzionale, tra la campagna per i sì e chi, invece, auspica la vittoria dei no, risultato che rilancerebbe davvero le novità per le pensioni, perché a quel punto la maggioranza stessa, ma anche altre forze politiche, per riconquistare la fiducia e i consensi degli italiani tornerebbero a puntare sul tema che di più caro ora hanno i cittadini, ma in maniera molto più concreta, soprattutto all’indomani delle ultime e ultimissime notizie su novità per le pensioni realmente nulle.

La prossima settimana, poi, dovrebbe anche essere quella in cui si sapranno ultime notizie relative al contributivo donna: dovrebbero infatti essere rese note le risorse economiche ancora disponibili per l’ulteriore proroga di questo meccanismo di prepensionamento per le donne, possibilmente fino al 2018, con relativi chiarimenti di funzionamento. Sappiamo infatti che questo sistema permette alle donne di andare in pensione a 57 anni per le statali e a 58 per private e autonome invece che a 66 anni e sette mesi, con almeno 35 anni di contributi e accettando una pensione ridotta , fino anche al 30%, perché interamente calcolata con sistema contributivo.

Al requisito anagrafico, è bene precisare, deve essere sommata una finestra di 12 mesi per le statali e una finestra di 18 mesi per private e autonome. E le ultime notizie attese riguardano anche chiarimenti per il calcolo del contributivo donna: ci si chiede, infatti, e il contributivo donna, una volta prorogato, potrebbe valere per le nate nell’ultimo trimestre del 1957 e del 1958 o per chi matura i requisiti anche entro il 31 dicembre 2018. Questo nodo potrà essere sciolto a giorni, quando il contatore definirà il budget disponibile.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il