BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie su quota 100, quota 41, mini pensioni da Salvini, Carasi, Bersani

Le ultime posizioni e affermazioni di Carasi, Salvini, Bersani sulle recenti novità per le pensioni annunciate da maggioranza e forze sociali




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 9:17): A denunciare gli stessi errori vi è anche Salvini che aggiunge, però, un forte carico per le novità per le pensioni cirticando fortemente tutte le ultime notizie e ultmissime e bollandole come demagogiche e senza senso un pò come fanno i Gruppi Online come quello di Paolo Carasi.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:45): Le opinioni negative su tutto l'operato e anche le novità per le pensioni arrivano dalle affermazioni delle ultime notizie e ultimissime di Salvini e Bersani, mentre solo sulle novità per le pensioni, ma collegate, comunque, anche ad altre decisioni quelle di Paolo Carasi. Partendo dall'analisi delle affermazioni di Bersani, lui stesso ritiene fondamentale la ridistribuzione ma non in questo momento con le pensioni inferiori che sono un mero strumento elettivo da lui stesso così definito, memtre per le novità per le pensioni si dovrebbe lavorare in primis per risolvere i problemi e gli errori creati dall'attuale norma

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:03): Vi sono delle opinioni negative in generale sull'operato della maggioranza che lo stesso quadro attuale dimostrano oggettivamente di non aver portato i risultati sperati, come anche in parte ammesso dalle ultime notizie e ultimissime, a cui si aggiungono perplessità, per usare un eufemismo, sulle tante cose non fatte tra cui tra le prime le novità per le pensioni.

La maggioranza ha deciso di stanziare 6 miliardi di euro in tre anni per la realizzazione di novità per le pensioni annunciate qualche giorno fa d’accordo con le forze sociali, tra aumento delle pensioni base, sotto i mille euro; pensione anticipata con mini pensione su base volontaria senza alcun onere fino ad una certa soglia di reddito; novità pensioni di quota 41 anni di contributi per chi a 19 anni abbia già maturato 12 mesi di contributi e si ritrovi in condizioni particolari cioè senza impiego,  disabile o impegnato in un’occupazione faticosa; cumulo gratis e aumento detassazione a 8mila euro. Ad una prima lettura, sembra che la maggioranza abbia accontentato tutti, considerando che, stando alle ultime notizie, tutti potrebbero anticipare la propria pensione di tre anni e chi riceve pensioni inferiori avrà soldi in più. In realtà, però, nulla di concreto è stato effettivamente fatto: per la mini pensione mancano dettagli importanti, per i quota 41 sono previste troppe condizioni e per chi svolge occupazioni faticose non è stato fatto nulla in generale, ma solo un minimo per coloro che sono collegati alla quota 41, senza considerare che manca ancora una puntuale definizione delle liste delle attività faticose.

E per quanto riguarda le ultime notizie sugli aumenti delle pensioni inferiori, sono talmente irrisori, circa 40 euro al mese, che rischiano di rivelarsi anche inutili. Proprio perché dietro l’apparente annuncio delle novità per le pensioni si cela in realtà un nulla di fatto per tutti e perché è ormai ben evidente il giochetto della maggioranza volto esclusivamente a riconquistare consensi ed elettori in vista del prossimo voto costituzionale del 4 dicembre, i cittadini hanno dimostrato tanta rabbia, un malcontento espresso anche dai rappresentanti dei gruppi online come Paolo Carasi, responsabile Diritti Negati Lavoratori Precoci Esodati, che ha fortemente criticato non solo la maggioranza, che continua a non saper rispondere ai reali bisogni della gente, ma anche le forze sociali che sono d’accordo con la stessa maggioranza in questa ‘farsa’ e si è dimostrato del tutto contro le novità per le pensioni annunciate e soprattutto per quelle riguardanti chi ha iniziato a lavorare sin da giovanissimo, che comunque continuerà ad essere penalizzato.

Chiaramente contro le ultime novità per le pensioni annunciate anche il leader della Lega Salvini che parlato di ennesime bugie da parte del premier. La posizione di Salvini nei confronti delle pensioni è chiara da sempre: lui è tra coloro che auspica da sempre una totale abolizione delle attuali norme previdenziali, ha cercato addirittura di lanciare un referendum per la loro abolizione, poi considerato illegittimo. Salvini continua a considerare la mini pensione una truffa ai danni dei lavoratori e ha anche annunciato di essere pronto a lanciare nuovamente un referendum per la sua cancellazione se dovesse davvero essere approvato così come attualmente proposto.

Anche l’ex segretario della maggioranza Bersani non ha espresso particolare apprezzamento per le ultime novità per le pensioni e si colloca sulla scia di coloro che continuano a chiedere novità per le pensioni strutturali e cambiamenti profondi e in merito alla novità per le pensioni relative agli aumenti dei trattamenti pensionistici inferiori, Bersani ha chiaramente spiegato che perché si tratti di una misura efficiente e soprattutto davvero volta a ristabilire l’equità sociale è necessario che venga collegata al valore Isee e del reddito familiare. Se così non fosse, si rischierebbe di cadere nell’errore di dare soldi non solo ai più indigenti  chi ne ha effettiva necessità ma anche a chi non li merita, aumentando la diseguaglianza sociale già fin troppo esistente, con il timore di uno spreco di budget che potrebbe essere invece investito per misure decisamente più importanti, come per una nuova spinta al terzo pilastro della previdenza che sarebbe importante soprattutto per i più giovani ma che interesserebbe i quarantenni, o per rilanciare quei dossier fondamentali ma bloccati come il Ddl Concorrenza, che sarebbe cruciale per il rilancio dell’economia in generale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il