BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tfa terzo ciclo: oggi la decisione finale. Cosa sarà deciso, le probabilità tra cancellazione e uscita bando e inizo TFA terzo cic

Il bivio del Tfa terzo ciclo è chiaro: sarà attivato o il Ministero dell'Istruzione rivelerà le date dell'attivazione?




E se il 4 ottobre fosse veramente il giorno in cui si conoscerà il destino del Tfa terzo ciclo? Sì, perché arrivati a questo punto ci sono due partiti: chi è sicuro che il Tfa si farà comunque e dunque si resta solo in attesa di conoscere i tempi di attivazione e chi invece, più scettico, crede che il governo si trovi davanti a un bivio. In ogni caso è quasi inevitabile che saltino fuori informazioni ufficiali in occasione dell'incontro di martedì tra le organizzazioni sindacali Cisl Scuola, Flc Cgil, Uil Scuola, Snals Confsal e il Ministero dell'Istruzione.

In maniera piuttosto generica, si fa presente che i motivi del faccia a faccia vanno ricercati nell'avvio dell'anno scolastico, con riferimento alla gestione del personale ovvero mobilità territoriale, svolgimento del concorso per docenti, dotazioni organiche del personale ATA e assunzioni. Il tutto mentre le stesse organizzazioni sindcali si sono appellate al presidente della Repubblica sottolineando le tante criticità di questo avvio di anno scolastico, "frutto di scelte assai controverse e discutibili in materia di politica scolastica e di errori nell’applicazione di intese contrattuali, a scapito di diritti che è doveroso ripristinare".

In particolare, hanno richiamato l'esigenza di aprire una fase di discussione e ampio confronto finalizzata a ricostituire, su obiettivi e strategie di rinnovamento e crescita del sistema scolastico, un contesto di più ampia e forte condivisione. Tra i punti da chiarire c'è innanzitutto quello dei posti disponibili, rispetto a cui si parla di una disponibilità pari a 16.436, di cui 11.328 comuni e 5.108 sul sostegno per l'abilitazione all'insegnamento nelle scuole medie e superiori. Più precisamente, 8.058 riguardano le superiori, 3.270 le medie. In merito ai posti sul sostegno, 392 sono destinati alla scuola dell'infanzia, 1.749 alla primaria, 1.932 alle medie e infine 1.035 alle superiori.

Tra le altre novità del nuovo anno scolastico con cui il nuovo Tfa deve incastrarsi ci sono già le classi di abilitazione A-23 per l'insegnamento di Lingua italiana per studenti di lingua straniera e A-53 Storia della musica; A-55 Strumento musicale negli istituti di istruzione secondaria di II grado; A-57 Tecnica della danza classica; A-58 Tecnica della danza contemporanea; A-59 Tecniche di accompagnamento alla danza; A-63 Tecnologie musicali; A-64 Teoria, analisi e composizione; A-35 Scienze e tecnologie della calzatura e della moda; A-36 Scienze e tecnologia della logistica; A-65 Teoria e tecnica della comunicazione, oltre a due nuove classi di concorso su materie tecnico-pratiche.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il