BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 41, quota 100 in piazza due manifestazioni e sciopero generale

Due nuove manifestazioni di piazza e sciopero generale per rilanciare novitÓ per le pensioni concrete e per tutti:nuove richieste




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:32): Il capitolo delle novità per le pensioni è ancora lontano dalla sua chiusura e alle pressioni interne si stanno sommando quelle esterne. D'altronde le ultime e ultimissime notizie hanno spesso riferito di come i gruppi portatori di interessi particolari sulle pensioni siano stati spesso in grado di influenza l'iter del confronto e di portare alla luce emergenze e urgenze e così ben due manifestazioni vi saranno organizzate direttamente da loro.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:45): Riprendono e, in pratica, non hanno mai smesso le contestazioni per riuscire ad avere delle vere novità per le pensioni. E di fronte alle ultime notizie e ultimissime dove alcune forze sociali sembrano accettare (ora sempre meno) l'orientamento per le novità per le pensioni ve ne sono altre minori che hanno indetto lo sciopero generale e nello stesso i gruppi di cittadini che si occupano delle novità per le pensioni hanno indetto due manifestazioni di piazza

Le recenti novità per le pensioni annunciate dall’intesa tra maggioranza e forze sociali hanno suscitato dubbi, malumori e proteste da parte di cittadini e comitati online che hanno ben capito il giochetto della maggioranza volto soprattutto a voler recuperare consensi ed elettori in vista del prossimo voto costituzionale del 4 dicembre piuttosto che a rispondere ai reali bisogni della gente. Ed è risultato ben chiari, ad una attenta lettura delle novità per le pensioni annunciate, il fatto che non è stato fatto nulla di reale e concreto, perché la mini pensione annunciata è ancora limitata e incompleta, perché la novità per le pensioni di quota 41 prevede ancora troppi paletti e condizioni, perché per le novità per le pensioni per chi svolge attività faticose non è stato fatto assolutamente nulla se non in collegamento alla quota 41, e perché gli aumenti stabiliti per le pensioni inferiori sono talmente irrisori, circa 40 euro, che non servono né per migliorare, come abbiamo già spiegato, le condizioni di vita dei pensionati stessi né per rilanciare i consumi.

E queste incertezze, queste novità a metà e non per tutti, soprattutto alla luce delle ultime notizie sulle condizioni di vita di lavoratori e pensionati, hanno portato i comitati online a organizzare nuove manifestazioni, nuovi presidi e nuovi scioperi. Due, in particolare, le nuove manifestazioni in piazza organizzate: la prima è, in realtà, un incontro organizzato da Franco Rizzo di Giovani, Lavoro, Pensione ex Lavoratori, precoci ed esodati, che si è posto in maniera decisamente critica sia nei confronti della maggioranza sia, e soprattutto, nei confronti delle forze sociali su quanto vorrebbero fare per le novità per le pensioni entro quest’anno. Secondo Rizzo, è ben chiaro come la maggioranza non sia ancora in grado di mettere a punto una novità per le pensioni universale per tutti e strutturale, tornando a sottolineare il fatto che le uniche novità per le pensioni che servirebbero davvero sarebbero novità come quota 100 o quota 41, che davvero aiuterebbero a risolvere tutti i problemi e gli errori nati dalle attuali norme pensionistiche in vigore.                   

Rizzo rilancia l’urgenza di novità per le pensioni ben più profonde soprattutto alla luce delle ultime notizie sulle troppe persone anziane e particolarmente stanche costrette a rimanere a lavoro a causa di un’età pensionabile sempre più alta, dei continui incidenti sul lavoro che interessano soprattutto determinate categorie di lavoratori che avrebbero bisogno di tutele, e dell’alto tasso di non occupazione regnante tra i giovani, tendenza che non si può invertire se non si dà un via al ricambio generazionale a lavoro che può avvenire solo attraverso novità per le pensioni importanti, cosa che non potrebbe assolutamente avvenire con l’attuale mini pensione.

Ed è per rilanciare la necessità e l’urgenza di profonde novità per le pensioni che è stata organizzata una nuova manifestazione il prossimo 22 ottobre a Bologna, che sarà accompagnata da un nuovo dibattito sulla questione pensioni. Qualche giorno prima, precisamente il 18 ottobre, invece, è in programma davanti a Montecitorio è stata organizzata un’altra manifestazione dai Lavoratori precoci uniti a tutela dei propri diritti. La data non è casuale, considerando che il 20 ottobre inizierà l’iter della nuova manovra che arriverà a Montecitorio. La manifestazione servirà soprattutto per chiedere ancora una volta novità per le pensioni concrete e importanti per tutti i quota 41.

Intanto, il prossimo 21 ottobre la Usb ha organizzato un nuovo sciopero generale per protestare contro l'intesa firmata tra maggioranza e le altre forze sociali, per chiedere ancora nuovi interventi più importanti per una revisione delle attuali norme pensionistiche, tra modifiche di età pensionabile per tutti e di aumenti reali e seri dei valori dei trattamenti pensionistici finali. Discordante, dunque, la posizione dell’Usb dalle altre forze sociali che, come confermato dalle ultime notizie ma soprattutto dalle polemiche dei cittadini, non sembrano aver fatto davvero gli interessi dei cittadini nel dibattito previdenziale portato avanti con la maggioranza e che potrebbe chiudersi con un accordo sulle novità per le pensioni da realizzare per niente positivo.  

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il