BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie contributivo donna, quota 41, Ape-Mini Pensioni spiegazioni requisiti, età, calcolo. Domande e risposte

Spiegazioni e chiarimenti su requisiti, criteri e calcoli dei sistemi per lasciare anzitempo la propria attività in base a ultime novità per le pensioni: cosa è previsto




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 14:39): E tra queste domande e risposte mancano sicuramente alcune variabili importanti come se per chi avrà la possibilità i avere queste novità per le pensioni senza oneri perchè non fa pare di alcuni fasce non dipenderà dal suo reddito dove le fasce potrebbero esssre tra i 1000 euro e i 1500 euro. E poi il costo dell'assicurazione se searà una tanbtum o proporzionale a quanto richiesto. E se ci sarà un tetto massimo per calmierare i costi...come si vede tante sono ancora solo alcune delle varabili per capire i meccanismi dalle mini pensioni ape non ancora decisi ufficialmente e in fase definitiva

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10,22): Certo le domande e le rispostb che abbiamo messo come detto, almeno alcune, sono ancora prive di alcuni dettagli ma sono importanti per preparsi alle tante novità per le pensioni che almeno sulla carta ci saranno e capire quali andnado oltre alla ultime notizie e ultimissime possono convenire davvero.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:42): I cambiamenti introdotti nel pacchetto previdenza ovvero le novità per le pensioni che dovrebbero vedere la luce tra circa 6 mesi non cambiano le regole in corso adesso, ma lo faranno a breve In buona sostanza l'età (tranne per l'ape mini pensioni) del congedo rimane sempre la stessa, ma come spiegato dalla ultime e ultimissime notizie, alcune categorie di lavoratori potranno smettere anzitempo con maggiore facilità.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 23:01): Quando potrà andare in pensione? Quali sono le età e i requisiti? E il calcolo da fare? E come funzionano e per chi sono, e da quando inizieranno le novità per le pensioni? Abbiamo deciso di cercare di dare una spiegazione delle ultime notizie e ultimissime pur mancano diverse variabili ancora, sulle novità per le pensioni in arrivo

Si preparano probabilmente a cambiare entro la fine dell’anno le regole pensionistiche ma alla luce delle ultime notizie sulla nuova intesa tra forze sociali e maggioranza sulle novità pensioni con mini pensione per i cosiddetti quota 41, coloro che cioè sono entrati nel mondo occupazionale giovanissimi, ad un’età inferiore ai 16 anni di età, ci si chiede se e quando saranno effettivamente approvate queste novità, se subiranno ancora modifiche e quali sono chiarimenti, calcoli, requisiti attualmente previsti da questi meccanismo per permettere a qualsiasi lavoratore lo volesse di lasciare anzitempo la propria attività. Cerchiamo di seguito di fornire chiarimenti e spiegazioni.

Come dovrebbe funzionare la mini pensione e quali sono calcoli e requisiti richiesti?

La mini pensione è quel sistema annunciato dalla maggioranza che permetterebbe ad ogni lavoratore, su base volontaria, di scegliere di lasciare la propria attività fino a tre anni prima rispetto all’attuale soglia anagrafica di pensionamento, cioè 66 anni e sette mesi. Chiunque scegliesse questo sistema riceverebbe, appunto, una mini pensione che dovrà poi essere restituita attraverso decurtazioni sulla pensione finale, che stando alle ultime notizie, dovrebbero oscillare tra il 6 e il 9% annui, e con piano di rimborso 20ennale dell’anticipo percepito. Ciò significa che bisognerebbe non solo rinunciare a parte della propria pensione ridotta a causa degli oneri, ma che si dovrebbe stipulare una sorta di mutuo per la restituzione dell’anticipo percepito. A questo bisogna aggiungere eventuali interessi da calcolare: non si conosce ancora l’entità di questi interessi ma si sa che dovrebbero essere sia a carico dello Stato sia carico del pensionato in base al valore del reddito pensionistico di ogni singolo lavoratore.

Quali sono le soglie reddito che azzerano i costi della mini pensione?

Non si conoscono ancora. Nonostante l’intesa firmata tra maggioranza e forze sociali, non sono state stabilite ancora ufficialmente le soglie di reddito sotto le quali la mini pensione non prevederebbe alcun onere a carico del pensionato. Si parla di soglie da 1.200 o da 1.500 euro mensili, mentre le forze sociali chiedono di portare questa soglia a 1.600 euro, ma ancora non si sa nulla di ufficiale.

Come si può calcolare la pensione anticipata con la mini pensione, eventuali costi e valore della prorpeia pensione finale?

Per conoscere criteri e soluzioni di un’eventuale pensione anticipata con la mini pensione ed entità della decurtazione che si subirebbe sulla propria pensione finale è possibile usare calcolatori online come quello disponibile al seguente link http://www.businessonline.it/calcolo/calcolatore-ape-simulatore/.

Quali sono requisiti ed età necessarie per la Quota 41?

In riferimento alla novità per le pensioni di quota 41 è innanzitutto opportuno dire che la quota 41 così come inizialmente modulata e che sarebbe stata un’ottima soluzione per tutti coloro che hanno iniziato a lavorare a 14, 15 anni, è stata rimandata ad una seconda fase di lavoro più profondo sulle novità per le pensioni. La formula che avrebbe permesso a tutti gli appartenenti a questa categoria di lavoratori di andare in pensione con 41 anni di contributi, senza alcun onere e indipendentemente dall’età anagrafica sarebbe costata troppo per il budget al momento disponibile, si parlava di una cifra compresa tra i 4 e i 5 miliardi di euro. Ma per cercare una soluzione per tutelare questi stessi lavoratori, si è pensato di inserire una sorta di quota 41 all’interno della mini pensione. Le ultime notizie per agevolazioni e costo zero per la pensione finale si riferiscono a coloro che hanno iniziato a lavorare prima dei 16 anni e che abbiano maturato almeno 12 mesi di contributi prima dei 19 anni di età e che si ritrovano in condizioni particolari, cioè senza occupazione, disabili o impiegati in attività faticose. A questi lavoratori, anche se non si sa di preciso chi siano perchè mancano definizioni in merito per cui la maggioranza stessa ha detto di essere a lavoro, sarà consentito di anticipare l’età pensionabile solo se collegati alla quota 41. Mancano, infatti, novità per le pensioni generali per tutti coloro che hanno svolto o svolgono ancora mansioni faticose e pesanti.

Come funziona invece il contributivo donna?

Il contributivo donna, ancora in via sperimentale, permette alle donne lavoratici di andare in pensione prima rispetto ai 66 anni e sette mesi oggi richiesti e cioè a 57 anni e 3 mesi d’età per le lavoratrici statali, e a 58 anni e 3 mesi d’età per private e autonome, con almeno 35 anni di contributi maturati e accettando una pensione finale notevolmente ridotta, anche fino al 30%, perché interamente calcolata con sistema contributivo e non più con il più vantaggioso retributivo. Al requisito anagrafico, però, bisogna ricordarsi di sommare una finestra di 12 mesi per le lavoratrici dipendenti e di 18 mesi per le lavoratrici private e autonome. Al momento, si può andare in pensione con il contributivo donna solo se i requisiti sono stati maturati entro il 31 dicembre 2015.

Quando e come dovrebbe essere prorogato il contributivo donna?

Nei prossimi giorni dovrebbero essere resi noti i risultati del cosiddetto contatore, sistema di controllo del budget avanzante dal tesoretto dei 2,5 miliardi di euro stanziati già l’anno scorso per la proroga di questo sistema per tutto quest’anno, per capire se e fino a quando potrà essere ulteriormente prorogato il contributivo donna. Stando alle ultime notizie e alle ultime richieste, la proroga dovrebbe arrivare fino al 2018, ma resta da capire se questo sistema varrà solo per le nate nell’ultimo trimestre del 1957 e del 1958 o potrà essere esteso anche a coloro che maturano i requisiti richiesti entro il 31 dicembre 2018. Tutto dipenderà dalle risorse che potranno ancora essere impiegate per lo stesso contributivo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il