BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni blocco perequazioni: ricorco come fare ad avere soldi indietro ed evitare prescrizione. Scaricare e compilare lettera

Come ottenere rimborsi delle rivalutazioni mancate delle proprie pensioni, come scaricare modulo e termini di invio lettera




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 23:12): Nel quadro sempre mutevole delle novità per le pensioni, succede che le ultime e ultimissime notizie riferiscono di un aumento dei ricorsi alla lettera di diffida con la richiesta di ricalcolo della pensione e rimborso degli arretrati per gli anni 2012 e 2013 oltre agli adeguamenti per gli anni 2014 e 2015 a seguito della sentenza dell'Alta Corte sulle perequazioni automatiche

Il blocco delle perequazioni automatiche delle pensioni superiori tre volte il trattamento base deciso dall'ex governo Monti è stato dichiarato l'anno scorso illegittimo dall'Alta Corte che ha 'obbligato' l'attuale governo Renzi alla restituzione delle mancate rivalutazioni spettanti a tutti quei pensionati che in questi anno non hanno ricevuto i soldi in più che li sarebbero spettati. Definita incostituzionale, la perequazione non è stata riconosciuta solo a coloro che percepiscono trattamenti pensionistici superiori tre volte il trattamento base ma per tutti. Per gli anni 2012 e 2013 è stata, infatti, riconosciuta una rivalutazione dei trattamenti pensionistici del 100% per quelli di importo complessivo sino a tre volte il trattamento minimo; del 40% per quelli tra le tre e le quattro volte superiori al trattamento base; del 20% per quelli superiori tra le quattro e le cinque volte il trattamento base; del 10% per quelli tra le cinque e le sei volte il trattamento base.

Non è invece prevista alcuna rivalutazione per tutti i trattamenti superiori a sei volte il trattamento pensionistico base. Gli interessati da questo provvedimento di rimborso sono tutti coloro che sono andati in pensione prima del 31 dicembre del 2011, e che hanno diritto a due scatti di perequazione automatica, e prima del 31 dicembre del 2012, per cui vale un solo scatto di perequazione automatica, e che hanno percepito un importo della pensione superiore al triplo di quella pensione minima e che, in particolare, per il 2012 è superiore a 1.405,05 euro lordi, circa 1.088 euro netti; e per il 2013 superiore a 1.443 euro lordi, circa 1.117 euro netti. Per ottenere questo rimborso è necessario inviare obbligatoriamente entro e non oltre il prossimo 31 dicembre 2016 una lettera all’Istituto di Previdenza, ‘Atto di Intimazione e diffida’.

Dove si può scaricare il modulo per la compilazione della lettera da inviare? La lettera raccomandata A/R si può trovare al seguente link http://www.anpsarezzo.it/wp-content/uploads/2015/07/Atto-Intimazione-e-Diffida-INPS.pdf. Ricordiamo che l’invio dell’Atto di Intimazione e diffida all’Istituto di Previdenza è urgente e fondamentale per ottenere la corresponsione dei rimborsi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il