BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie mini pensini, quota 41, quota 100 agenda varia ancora da Boccia, Padoan, Nannicini

L’agenda di impegni e presentazioni ufficiali di Padoan, Nanncini, Boccia: cosa aspettarsi per novità per le pensioni




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:15): Dopo una forte contrarietà, ci si è mossi verso un apertura e ora una parziale ritrattazione leggermente in calo, stiamo parlando dei numeri e dellle trattativa con la Comunità. Nonostante questa incertezza, però, tutto sembra confermato per mercoledì almeno dalle ultime notizie e ultimissime e si spera di avere anche più cifre adeguate per le novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:15): E' abbastanza curioso come si tende almeno da una parte ad accellerare l'agenda, forse, per ottenere finalmente i budget che la Comuntà continua a tentennare a dare come da ultime notizie e ultimissime. Ma in realtà tutto è ancor davvero sotto-sopra, non solo per le novità per le pensioni, Ci sono tanti argomenti da decidere se affrontarli e poi anche come e in che modo.

I prossimi giorni si preannunciano decisamente importanti per ‘scoprire’ come la maggioranza avrà davvero intenzione di muoversi in vista della fine dell’anno sulla strada di misure e interventi volti al rilancio dell’economia italiana. Le tappe ufficiali sembrano ben segnate anche se l’agenda dei lavori segna ancora variazioni: la certezza è che entro venerdì prossimo il ministro dell’Economia Padoan presenterà in Parlamento l’aggiornamento dello strumento di programmazione che pone le basi per l’iter che sta iniziando, aggiornamento che dovrà essere presentato anche alla Comunità. Entro il 20 ottobre poi in Parlamento sarà presentato anche il disegno di legge del nuovo iter che dovrà essere ufficialmente approvato entro il prossimo 31 dicembre. Tutto sembra piuttosto chiaro ma sono davvero poche le certezze sui contenuti tanto del nuovo strumento programmatico quanto dell’iter che sta per partire. Si sa che dovrebbe contenere numeri e cifre e relativi interventi da portare avanti, tra misure per ridare slancio a investimenti e imprese, Industria 4.0, misure di sostegno per le fasce più deboli della popolazione, sblocco della contrattazione pubblica e novità per le pensioni.

E’ attesa con particolare curiosità la definizione di questo capitolo: tra mini pensione, quota 41, aumento delle pensioni base, cancellazione dei costi delle congiunzioni dei propri contributi previdenziali tutto è ancora in ballo. Mancano, infatti, i dettagli relativi al funzionamento di queste novità per le pensioni, quanto meno riferiti a mini pensione e quota 41, e si attende di conoscere ulteriori informazioni, come quelle relative a interessi, coperture delle assicurazioni, soglie di reddito certe al di sotto delle quali la mini pensione non avrà alcun costo. Ma si attendono anche chiarimenti per la quota 41 per chi ha iniziato a lavorare sin da giovanissimo, a 14-15 anni, e per chi è impegnato in occupazioni faticose. Al momento, infatti, tra le novità per le pensioni annunciate non è stato fatto nulla di reale per quest’ultima categoria di lavoratori, se non per qualcuno collegato alla quota 41, ma è ormai abbastanza chiaro come si tratti di persone per cui servono novità per le pensioni dedicate e specifiche, considerando che insieme a coloro che hanno iniziato a lavorare giovanissimi sono le persone che sono state maggiormente penalizzate dalle attuali norme pensionistiche.

E sarà importante capire come quel tesoretto di sei miliardi di euro per le novità per le pensioni in tre anni verrà suddiviso per ciascun anno. Per il primo anno le ultime notizie hanno parlato di un investimento di 1,5 miliardi di euro, ma si tratta di una cifra che non basterebbe per fare tutto, considerando che la stessa somma è stata stimata necessaria solo per gli aumenti delle pensioni inferiori, per cui servirà aggiungere soldi per mini pensione e quota 41 e solo entro la fine della prossima settimana si saprà il budget ufficiale che sarà utilizzato. Qualche giorno prima, però, dovrebbe tenersi la nuova riunione con le forze sociali e sarà l’occasione in cui il consigliere economico di Palazzo Chigi potrebbe anticipare i dettagli attesi sulle novità per le pensioni, con la speranza di conoscere prima della loro presentazione ufficiale i numeri che saranno contenuti nello strumento programmatico. Ma è possibile che dopo le cifre ufficiali rese note venerdì, per i dettagli attesi sulle novità per le pensioni tutto possa slittare anche alla settimana successiva.

Risultano, dunque, piuttosto caotiche le ultime notizie sulle decisioni finali sulle novità per le pensioni, soprattutto alla luce delle ulteriori necessità che la maggioranza dovrà cercare di soddisfare. Nei prossimi giorni, poi, dovrebbero arrivare ulteriori giudizi da Francesco Boccia, responsabile della Commissione Finanze che sta gestendo il tutto, e che ha già definito il nuovo strumento programmatico incompleto, motivo per il quale ci sarà tempo fino al 15 ottobre per definirne le certe linee guida, e si tratta di una posizione che potrebbe particolarmente condizionare la nuova riunione tra maggioranza e forze sociale per la comunicazione dei dettagli mancanti sulle novità per le pensioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il