BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 41, quota 100 numeri e cifre realmente mostrano cosa si decide

Cosa ci dicono i numeri sulle reali novità per le pensioni che saranno approvate entro la fine dell’anno, budget disponibili e come saranno impiegati




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:20):  Ci saranno ancora ritocchi nel progetto delle novità per le pensioni, ma nessuno stravolgimento di quanto si conosce dalle ultime e ultimissime notizie ovvero sui provvedimenti su cui la maggioranza ha trovato l'accordo con le forze sociali. I numeri continuano a non essere quelli definitivi e siamo pronti a scommettere che se cambiamenti ci saranno, porteranno il segno negativo.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 23:01): Si cercano di aumentare le iniziative e gli argomementi che saranno portati nel testo unico, ma quello che contano sono i numeri e le cifre che al momento non ritornano come le ultime notizie e ultimissime hanno raccontato le stesse che raccontano di una continua ricerca che va avanti ancora con la Comunità. Ma al momento l'iter che è appena iniziata dimostra l'assenza di una vera spinta, a meno che le varie voci come i 7 miliardi per industria 4.0 e altri miliardi trovati qua e là siano reali. Nel frattempo per le novità per le pensioni denaro in più non se ne trova neppure di qua o di là...anzi...

Quali sono le novità per le pensioni reali che saranno approvate entro l’anno dopo l’intesa tra maggioranza e forze sociali? Quanto costeranno? Cosa è stato deciso davvero? Diverse le risposte: stando alle ultime notizie, infatti, sembra che tutto sia stato fatto, via libera alla mini pensione per tutti, alla quota 41, a novità pensioni che per chi è impiegato in occupazioni faticose, aumento delle pensioni base. Ma di tutte queste novità appena riportate, realmente non è stato fatto nulla, o quasi nulla, ad eccezione dell’aumento delle pensioni inferiori, né tanto meno è stato definito il reale budget che dovrà essere impiegato per la realizzazione delle diverse novità per le pensioni. Ma andiamo con ordine: quando diciamo che l’unica novità per le pensioni concreta messa a punto è l’aumento delle pensioni base, è perché è stato definito un rialzo di circa 40 euro per i pensionati che percepiscono redditi pensionistici mensili fino a mille euro al mese. Le stime parlano di una platea di circa 1,2 milioni di pensionati. Assodata questa misura, per le altre ci sono ancora molti interrogativi cui rispondere.

La mini pensione ci sarà, ma non per tutti come si dice, le risorse sono poche e dovrebbero essere privilegiati coloro che sono rimasti senza occupazione e mancano, poi, tutti gli ulteriori dettagli di funzionamento di questo meccanismo, dall’entità degli interessi e come saranno calcolati sulla mini pensione ricevuta per l’anticipo dell’età pensionabile; chi, quanto e come coprirà l’assicurazione; quali sono le soglie di reddito effettivo (1.200 o 1.500 euro?) fino alle quali la mini pensione non prevedrà alcun onere? Nessuna risposta per queste domande che invece sarebbero state fondamentali per dire che effettivamente si era definita la mini pensione. Senza tali risposte questa novità per le pensioni può considerarsi nulla. Passando alla condizione dei lavoratori che sono entrati giovanissimi nel mondo occupazionale, per la cosiddetta quota 41 da inserire nella mini pensione sono stati definiti paletti precisi per cui non tutti potranno beneficiare di questa novità e resta ancora da presentare una definizione precisa e puntuale delle occupazioni faticose in modo da poter inquadrare i relativi lavoratori che potrebbero poi usufruire della mini pensione.

A queste situazioni irrisolte si aggiunge la questione budget: le ultime notizie sulle cifre e i numeri reali lasciando infatti intendere che sarà ancora piuttosto lungo il percorso di definizione delle novità per le pensioni reali, perchè diventa fondamentale che vengano confermate le clausole di emergenza, altrimenti i budget disponibili potrebbero essere ancor meno del previsto. E la conferma arriva dal fatto che sono stati annunciati al momento 6 miliardi per i prossimi 36 mesi, come confermato dalle ultime notizie. Ma si tratta di un budget generale che non è stato diviso per anni e non si sa, infatti, quanti soldi saranno impiegati per la realizzazione di novità per le pensioni per quest’anno. Le ultime notizie ipotizzavano una spesa di 1,5 miliardi di euro, destinato poi a crescere nei prossimi anni fino ad arrivare a 6 miliardi. Ma se così fosse come si potrebbe davvero pensare di realizzare novità per le pensioni davvero reali, quando un miliardo e mezzo, secondo gli ultimi annunci, costerebbe solo l'aumento delle pensioni base?

Resterebbe da colmare la necessità di soldi per la mini pensione e la quota 41, cui probabilmente potrebbe essere destinata una somma inferiore, allora, ai 500 milioni di euro si parlava fino a qualche giorno fa. E questa cifra non basterebbe assolutamente per far qualcosa di importante, quindi è chiaro che alla fine di reale e concreto per le novità per le pensioni non è stato fatto nulla. La domanda che a questo punto ci si pone è: come mai le forze sociali abbiano accettato di firmare un’intesa che fondamentalmente prevede nulla? E quali sono le reali intenzioni di lavorare per le novità per le pensioni per tutti? Il dubbio è che si siano poste le basi per ulteriori definizioni di novità nelle prossime settimane quando qualcosa, si spera, potrebbe ancora cambiare in base alla conclusione delle trattative comunitarie per la concessione dell’extra deficit al nostro Paese. In quel caso si avrebbero ulteriori soldi da destinare a importanti provvedimenti per la crescita, tra cui potrebbero rientrare le novità per le pensioni, anche se, stando alle ultime notizie, per molti e soprattutto i tecnici dell’Economia, non rappresenterebbero poi una grande priorità cui dedicarsi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il