BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie decisioni novitÓ Direzione, DEF,riunione forze sociali,CDM da Governo Renzi novitÓ mini pensioni, quota 41

Cosa aspettarsi dalla nuova riunione del Direttorio del partito della maggioranza ed effetti per novitÓ per le pensioni




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:30): Tutto congelato: la resa dei conti nell'assemblea generale della maggioranza non c'è stata e l'appuntamento vero a cui guardare, anche in un'ottica di medio periodo per le novità per le pensioni, è quello del voto costituzionale. Per quella data, spiegano le ultime e ultimissime notizie, diventerà chiaro, nonostante il tentativo di spersonalizzare l'appuntamento elettorale, se a trionfare sarà l'ala maggioritaria. Ma le attese per le novità per le pensioni non mancano con domani la riunione sul DEF, poi venerdì la riunione tra forze socialie e Governo Renzi e forse alla sera il Consiglio dei Ministri per presentare tutto il testo unico.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:01): Quando si ha a che fare l'assemblea generale della maggioranza si respira sempre un'aria di resa dei conti. E lo è ancora di più alla luce delle nuove e lancinanti divisioni tra l'opposizione interna, da sempre più vivace sulle novità per le pensioni, e l'ala maggioritaria. Secondo le ultime e ultimissime notizie si arriverà alla rottura su voto costituzionale e norma elettorale con conseguenze come abbiamo spiegato sia nel breve che nel lungo termine per le novità per le pensioni

E' in programma questo pomeriggio la nuova riunione del Direttorio del partito della maggioranza, occasione durante la quale il capo della maggioranza tornerà certamente a ribadire le sue posizioni sul voto costituzionale fissato al 4 dicembre e l'opposizione interna tornerà a chiedere modifiche a quella legge che si vuole cambiare ma per cui servirebbe una sorta di nuovo compromesso per farla andare avanti. L'opposizione interna è decisa sul no al voto costituzionale e per il capo della maggioranza si tratta di una mera presa di posizione solo per contrastare il suo lavoro. Ma la replica dall'opposizione interna dice tutt'altro e che sarebbe lo stesso capo della maggioranza a non andare mai alle richieste degli altri, continuando ad andare avanti sempre da solo. Ma le ultime notizie sul confronto di oggi faranno chiaramente capire idee e intenzioni dell’opposizione interna sull’iter che è appena iniziato e solo allora si potrà capire davvero se vorrà acconsentire su piani e progetti della maggioranza, apportare miglioramenti alle misure previste, novità per le pensioni comprese, o stravolgere completamente tutti i provvedimenti pensati, anche se questo significherebbe dare vita ad una scontro e a discussioni decisamente forti.

La certezza, al momento, è che sarà nuovamente presentata la richiesta di una scissione di ruoli tra segretario di partito e capo della maggioranza, richiesta che era già stata avanzata e ribadito mesi, ma che aveva ricevuto una riposta decisamente negativa da parte del capo della maggioranza che aveva deciso di continuare a mantenere il doppio ruolo. Ora bisognerà vedere come risponderà, eventualmente, a distanza di qualche mese, così come bisognerà capire quali saranno gli orientamenti da parte dell’opposizione interna sulle novità per le pensioni. Stiamo parlando, infatti, di coloro che hanno sempre portato avanti novità per le pensioni importati, come quota 100, che comunque al momento è difficile da attuare perché è troppo costosa e, infatti, è stata rimandata; e quota 41, che però per ora non è modulata così come prevedeva la sua iniziale impostazione, per cui proporre miglioramenti sarebbe già un passo importante.

Non si parlerà di novità per le pensioni, e questo è facilmente immaginabile, ma si capirà quali sono le intenzioni sul voto costituzionale e questo sarà importante anche per le novità per le pensioni. Il voto costituzionale è, infatti, potremmo dire, strettamente collegato alla realizzazione concreta di novità per le pensioni, perché per recuperare consensi e voti per il prossimo 4 dicembre, puntare sul tema delle novità per le pensioni, tema particolarmente caro ai cittadini, come abbiamo spesso spiegato, potrebbe rappresentare una mossa decisamente strategica. Questo è il motivo per cui nel corso dell’ultima riunione con le forze sociali, la maggioranza ha annunciato novità per le pensioni che apparentemente sembrano accontentare tutti, visto che si parla di mini pensione, quota 41, aumento delle pensioni inferiori, cumulo gratuito per tutti i propri contributi previdenziali ed estensione della detassazione per i pensionati, ma che in realtà non rappresentano nulla di concreto perché, ad accezione degli aumenti delle pensioni base, nonostante siano irrisori, per il resto mancano ancora dettagli e informazioni di chiarimento sul loro funzionamento, dalla mini pensione alla quota 41.

Ed è proprio in merito a queste due novità per le pensioni che l’opposizione interna potrebbe lavorare chiedendo ulteriori miglioramenti per misure che, in sostanza, come sottolineato dalle ultime notizie, non modificherebbero le attuali norme pensionistiche e che più che porsi come vere e proprie novità per le pensioni, rappresentano, come precisato da tanti, tra esponenti di forze politiche e cittadini stesso, misure di aiuti sociali. Non è in questo senso che però dovrebbero essere modulate le novità per le pensioni e compresa questa differenza è chiaro come in vista del voto di dicembre, per riconquistare elettori e voti, puntare su miglioramenti delle novità per le pensioni, per tutti, potrebbe essere importante e strategico per l’intera maggioranza.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il