Tfa terzo ciclo tra punti da chiarire e confeeme, nuove assunzioni al di fuori TFA tero ciclo per migliaia richieste

Il capitolo del Tfa terzo ciclo è in fase di scrittura e si lega alle tante questioni irrisolte nel mondo scolastico.

Tfa terzo ciclo tra punti da chiarire e


Ci sono almeno tre grandi dubbi sul Tfa terzo ciclo. Quando sarà pubblicato il bando? Quando sarà arrivato? E per quali classi di concorso? Proprio quest'ultimo è uno dei punti da non trascurare, considerando che tra le novità di questo anno scolastico ci sono infatti quelle delle classi di abilitazione A-23 per l'insegnamento di Lingua italiana per studenti di lingua straniera e A-53 Storia della musica; A-55 Strumento musicale negli istituti di istruzione secondaria di II grado; A-57 Tecnica della danza classica; A-58 Tecnica della danza contemporanea; A-59 Tecniche di accompagnamento alla danza; A-63 Tecnologie musicali; A-64 Teoria, analisi e composizione; A-35 Scienze e tecnologie della calzatura e della moda; A-36 Scienze e tecnologia della logistica; A-65 Teoria e tecnica della comunicazione, oltre a due nuove classi di concorso su materie tecnico-pratiche.

A ogni modo, anche secondo le ultime notizie, il nuovo Tfa potrebbe non coinvolgere tutte le classi di concorso: 16.436, di cui 11.328 comuni e 5.108 sul sostegno per l'abilitazione all'insegnamento nelle scuole medie e superiori. Più precisamente, 8.058 riguardano le superiori, 3.270 le medie. In merito ai posti sul sostegno, 392 sono destinati alla scuola dell'infanzia, 1.749 alla primaria, 1.932 alle medie e infine 1.035 alle superiori. Per quanto riguarda i tempi di pubblicazione del bando con tanto di indicazione delle modalità di partecipazione, si rimane nell'incertezza. Di positivo c'è la ripresa del dialogo tra Ministero dell'Istruzione e organizzazioni sindacali che, a quanto pare, sta coinvolgendo anche la questione del Tfa terzo ciclo.

Il problema fondamentale sono i tanti problemi da affrontare tra cui quello relativo alla mobilità. In occasione del primo incontro di questa rinnovata stagione di dialogo, i sindacati hanno posto l'attenzione sugli esiti delle operazioni di trasferimento che, "oltre a penalizzare in molti casi ingiustamente diversi insegnanti", hanno influito sul regolare avvio dell'anno scolastico. In base ai resoconti, "ne è parsa consapevole anche l'Amministrazione, che anzitutto ha proposto di anticipare i tempi per la contrattazione sulla mobilità 2017/18; non riscontrandosi la disponibilità al totale rifacimento delle operazioni, abbiamo ribadito fermamente la nostra richiesta di sanare comunque tutte le situazioni non risolte in sede conciliativa, perché non è pensabile che sia resa permanente e irrimediabile la lesione di diritti individuali".

Poi c'è la questione contratto, rispetto a cui si resta in attesa della data del 20 ottobre, giorno ultimo entro cui presentare alle Camere la legge di Bilancio nella quale sono contenute le indicazioni di spesa.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il
Puoi Approfondire