BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie quali novità ufficiali riunione Governo Renzi-Forze Sociali per novità mini pensioni, quota 41, quota 100

In vista della prossima riunione tra governo e forze sociali sono ancora tanti i dubbi, i misteri e le richieste di miglioramento delle novità per le pensioni: la situazione




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore XX:XX): Si va verso l'abbassamento del tetto di reddito per chi decide di adottare le mini pensioni in forma agevolata. Si tratta delle ultime e ultimissime notizie sulle novità per le pensioni in vista dell'importante riunione di domani tra la maggioranza e le forze sociali che, a meno di eventuali sorprese, dovrebbe porre il primo pilastro della nuova impalcatura per le pensioni

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:38): Ancora pochi giorni di attesa prima della firma di maggioranza e forze sociali sul testo definitivo delle novità per le pensioni. Stando alle ultime e ultimissime notizie, tra le prime questioni al centro della riunione di venerdì ci sono quelle relative all'ammontare del reddito ponte agevolato e alla platea, su cui le parti sono ancora distanti.

Ci si prepara a scoprire come si concluderà la prossima riunione tra tecnici del governo Renzi e forze sociali, che potrebbe tenersi tra giovedì e venerdì prossimo, al centro della riunione, chiaramente, le novità per le pensioni anche se c’è ancora un grande mistero che aleggia su questa riunione. Ci si continua a chiedere, infatti, se si farà o meno, visto che a giorni, e precisamente, entro il fine settimana sarà presentato il testo unico che dovrà contenere tutti i provvedimenti che dovranno essere ufficializzati entro la fine dell’anno, e mentre si dice che c’è chi se ne starebbero già occupando tanto che le ultime notizie dicono che potrebbe tenersi anche giovedì, da una parte le forze sociali continuano a lamentarsi cercando miglioramenti per le stesse novità per le pensioni, mentre, dall’altra, il governo sembra continuare ad andare avanti da solo per la sua strada. Per quanto riguarda il testo unico, che sarà reso noto venerdì, è vero che si potrebbe parlare solo di macroargomenti, ma è anche possibile che ancora una volta il premier continui ad andare avanti da solo.
 
Tra mini pensione che consentirà a chiunque lo volesse di lasciare anzitempo la propria attività, a costo zero per le persone più svantaggiate, che però devono ancora essere definite, a quota 41, molto limitata e con ancora troppi paletti, ad aumento delle pensioni base, seppur irrisorio, alla necessità di definire una lista delle occupazioni faticose in modo da inquadrarne i relativi lavoratori per poter garantire anche a loro, tutti, salvaguardie cui finora non si è mai fatto riferimento, è decisamente ampio il capitolo pensioni da affrontare e le risposte che le forze sociali attendono dai tecnici della maggioranza, dopo aver fatto una sorta di passo indietro su quell’intesa firmata qualche giorno fa che sembrava accontentare e piacere tutti ma che le forze sociali hanno chiaramente detto che merita di essere migliorata e completata.

Se l'obiettivo per permettere di lasciare anzitempo la propria attività è quello di dare una spinta al turn over in modo da avviare quel ricambio generazionale a lavoro per aprire le porte del mondo occupazionale anche ai più giovani, oggi fuori e che prenderebbero il posto dei lavoratori più anziani che scelgono la strada del prepensionamento, in vista della prossima riunione con le forze sociali, il responsabile del Dicastero dell'Economia ha comunicato che a tutte le imprese che permetteranno la mini pensione saranno erogati incentivi e premi fiscali. Non si tratta di un tunr over sconosciuto, considerando che da sempre si dice che approvare le novità per le pensioni nel nostro Paese, come, in realtà, come quota 100, quota 41, mini pensione per tutti, sarebbe necessario sia per rilanciare l’occupazione giovanile, sia per riuscire a recuperare, nel lungo periodo, nuovi soldi, derivanti dagli oneri imposti da ogni sistema appena citato a carico dello stesso lavoratore, che potrebbero essere impiegati in un secondo momento per ulteriori novità per le pensioni positive per tutti.

Diversi inoltre i dettagli di funzionamento sia di mini pensione che di quota 41 ad essa collegata che dovranno essere definiti: le ultime e ultimissime notizie parlando di tassi di interesse per chi chiede la mini pensione che dovrebbero essere del 3 o al massimo 4%, manca l’ufficialità, così come mancano informazioni precise sui pagamenti delle assicurazioni in casi di premorienza, chi e quanto dovrà pagarle e le detrazioni fiscali che dovrebbero essere calcolate per azzerare i costi della mini pensione per le categorie di persone che si ritrovano in gravi difficoltà. E poi restano da chiarire dettagli anche inerenti coloro che svolgono occupazioni faticose: mancano infatti novità per le pensioni esclusivamente dedicate a questa categoria di lavoratori, se non appena collegate alla quota 41, ma fino a quando non sarà messa a punto una lista di tutte le occupazioni da considerare faticose, continuerà ad essere difficile anche definire misure di tutela ad hoc. A parte, dunque, il dettaglio del possibile tasso di interesse che peserà su chi deciderà di lasciare anzitempo la propria attività, tutto il resto è ancora incerto e non detto, per cui si attendono con grande curiosità i prossimi giorni, per conoscere gli ulteriori dettagli di mini pensione e quota 41 e capire se cambieranno e quanto potranno essere davvero convenienti per lasciare anzitempo le proprie occupazioni.  

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il